de fr it

Ticinocantone

Cantone della Confederazione dal 1803; tedesco, francese, romancio: Tessin. È denominato ufficialmente Repubblica e Cantone Ticino. La lingua ufficiale è l'italiano; il capoluogo è Bellinzona.

Stemma del canton Ticino
Stemma del canton Ticino […]
Carta oro-idrografica del canton Ticino con le principali località
Carta oro-idrografica del canton Ticino con le principali località […]

Sottoposto nell'alto e nel pieno Medioevo a Como e a Milano, l'odierno territorio cantonale (157 comuni nel 2011) fece parte tra il XIV e il XV secolo del ducato di Milano e in seguito, tra il 1439 e il 1521, fu suddiviso in otto baliaggi: la Leventina dipendente da Uri; Blenio, Riviera e Bellinzona da Uri, Svitto e Nidvaldo; Locarno, Vallemaggia, Lugano e, dal 1521, Mendrisio dai 12 cantoni (i 13 meno Appenzello). Nel 1798 fu annesso alla Repubblica elvetica.

Struttura dell'utilizzo del suolo nel canton Ticino

Superficie (2011)2 812,5 km2 
Foresta / Superficie boscata1 373,7 km248,9%
Superficie agricola utile403,0 km214,3%
Superficie con insediamenti143,5 km25,1%
Superficie improduttiva892,3 km231,7%
 Struttura dell'utilizzo del suolo nel canton Ticino -  Statistica della superficie

Unico cantone della Svizzera situato interamente a sud delle Alpi, il Ticino si estende per un centinaio di chilometri dalle Alpi ai margini della pianura padana e si compone di due zone geografiche principali separate dal rilievo del Monte Ceneri: l'una, il Sopraceneri, ha una conformazione prettamente alpina ed è attraversata dal corso superiore del fiume Ticino, che dà il nome al cantone, mentre l'altra, il Sottoceneri, presenta caratteristiche prealpine. Il cantone, che comprende al suo interno l'enclave di Campione d'Italia, confina in buona parte con l'Italia, nel cui territorio si inserisce come un cuneo (province di Verbano-Cusio-Ossola in Piemonte, di Varese e Como in Lombardia), a nord ovest con il Vallese, a nord con Uri e a nord est con i Grigioni.

Struttura demografica ed economica del canton Ticino

Anno 18501880a1900195019702000
Abitanti 117 759130 394138 638175 055245 458306 846
Percentuale rispetto alla popolazione totale svizzera4,9%4,6%4,2%3,7%3,9%4,2%
Lingua       
italiano  129 409134 774155 609210 268254 997
tedesco  1 0543 18015 90725 74425 579
francese  2124032 4544 1025 024
romancio  39107293368384
altre  631747924 97620 862
Religione, confessione       
cattolicib 117 707130 017135 828160 569220 313233 023
protestanti 503582 20910 79219 19221 121
cattolico-cristiani    206142562
altri 24026013 4885 81152 140
di cui della comunità ebraica 21118555809383
di cui delle comunità islamiche     2695 747
di cui senza confessionec     3 09123 032
Nazionalità       
svizzeri 109 952110 306108 181144 909177 954228 057
stranieri 7 80720 08830 45730 14667 50478 789
Anno  19051939196519952005
Occupati nel cantonesettore primario 48 29647 0894 4484 878d3 910
 settore secondario 17 60324 05764 10551 40644 656
 settore terziario 16 07222 02553 219108 735118 409
Anno  19651975198519952005
Percentuale rispetto al reddito nazionale svizzero 3,2%3,5%3,6%3,6%3,3%

a Abitanti e nazionalità: popolazione residente; lingua e religione: popolazione "presente".

b Compresi i cattolico-cristiani nel 1880 e nel 1900; dal 1950 cattolico-romani.

c Non appartenenti ad alcuna confessione o altra comunità religiosa.

d Censimento delle aziende agricole 1996.

Struttura demografica ed economica del canton Ticino -  Historische Statistik der Schweiz; censimenti federali; Ufficio federale di statistica

Dalla Preistoria alla tarda antichità

Dal Paleolitico all'età del Ferro

Il territorio dell'attuale canton Ticino fu antropizzato con dinamiche diverse da una regione all'altra e i fenomeni insediativi sono ancora poco conosciuti. La ripartizione geografica dei ritrovamenti indica tre zone principali: Sottoceneri, alto Verbano (lago Maggiore), vallate di accesso ai valichi alpini.

L'età della Pietra

Siti archeologici del canton Ticino (A)
Siti archeologici del canton Ticino (A) […]

Non è per il momento provata la presenza dell'uomo nel Paleolitico, e in particolare nel periodo più recente del Paleolitico medio (100'000-35'000 a.C.), malgrado le ricerche condotte sul Monte Generoso (nella cosiddetta grotta dell'orso) e le indicazioni indirette fornite dalle analisi palinologiche nel lago di Origlio. La prima presenza umana certa in Ticino risale al Mesolitico (10'500-5500 a.C.); per un'occupazione stabile bisogna invece attendere il 5500-5000 a.C., quando portatori della cultura neolitica già presente nel territorio padano-alpino si insediarono a Bellinzona (Castel Grande). Nel Neolitico (5500-2200 a.C.) gli abitanti della collina praticavano l'industria litica legata alla selce e al cristallo di rocca, unitamente alla produzione ceramica. In una prima fase costruirono un abitato formato da strutture a pianta rettangolare, attorno alle quali organizzarono lo spazio domestico; successivamente un gruppo di portatori della cultura dei vasi a bocca quadrata vi installò strutture abitative concepite in moduli circolari e ovali. Nel Mendrisiotto la presenza della cultura Campaniforme (2500-2200 a.C.) è testimoniata da alcuni fittili scoperti sulla collina di Tremona-Castello.

L'età del Bronzo

In Ticino il periodo dell'età del Bronzo (2200-800 a.C.) è attestato unicamente a partire dal Bronzo medio (XVI-XV secolo a.C.), con l'evoluzione in Bronzo recente (la cosiddetta cultura di Canegrate, XIV-XIII secolo a.C.) e finale (fase preliminare della cultura di Golasecca, XIII-X secolo a.C.).

Tra gli insediamenti dell'età dal Bronzo medio riveste particolare importanza il sito di Bellinzona (Castel Grande), poiché presenta una continuità con quanto già rilevato per i millenni precedenti. Tracce di insediamenti risalenti al Bronzo medio e al Bronzo recente e finale sono emerse a Tegna (castelliere), ad Ascona (castello di San Michele) e a Tremona-Castello, mentre reperti sia funerari che di uso comune da un contesto di difficile interpretazione sono stati rinvenuti nell'area della necropoli dell'età del Ferro di Gudo (Progero). Sono inoltre da segnalare i ripostigli di Castione e Osogna.

Necropoli di Gudo, veduta degli scavi del 1909-1910, contemporanei ai lavori di arginatura del fiume Ticino (Ufficio dei beni culturali, Servizio archeologia, Bellinzona).
Necropoli di Gudo, veduta degli scavi del 1909-1910, contemporanei ai lavori di arginatura del fiume Ticino (Ufficio dei beni culturali, Servizio archeologia, Bellinzona). […]

Il sito di Alpe Rodont (comune Airolo) raggruppa una serie di caratteristiche di occupazione alpina dell'età del Bronzo, con anticipazioni nel Mesolitico, come suggerito da un riparo con tracce di focolari e resti di carbone di legno. Quello di Madrano (comune Airolo), situato invece in una gola naturale al bordo della vallata, beneficia della prossimità alla via del San Gottardo. Sulla base delle strutture insediative rilevate si può ipotizzare che già durante l'età del Bronzo si svolgesse una transumanza estiva verso gli alpeggi e che i siti posti nelle vallate alpine facessero parte di un sistema economico-abitativo più vasto.

Le prime necropoli note risalgono al XIV secolo a.C. e contano fino a una ventina di tombe a cremazione, come ad Ascona (San Materno, XII-X secolo a.C.), o meno come ad Arbedo, Claro, Giubiasco, Gorduno, Locarno e Tenero. Nel Sottoceneri l'unico ritrovamento è finora quello di Rovio.

Singoli rinvenimenti di asce in bronzo completano il quadro dei reperti attribuiti all'età del Bronzo. La distribuzione dei luoghi di ritrovamento, caratterizzata da una concentrazione nel Sopraceneri (Bellinzonese e Locarnese) e da un'assenza quasi totale nel Sottoceneri, consente di formulare qualche ipotesi sulle dinamiche di insediamento. Pare che in questo periodo si prediligesse la prossimità a laghi e fiumi (lago Maggiore, Ticino) e che la maggior parte degli insediamenti fosse posta sulla sommità di colline, mentre le pianure erano destinate alle necropoli.

Nel Bronzo recente e finale si ebbe un'apertura della civiltà della fase preliminare della cultura di Golasecca ai contatti e agli scambi con l'area transalpina nordoccidentale e con la penisola italiana, in particolare con l'area centroccidentale (futura Etruria), che sembra prefigurare il ruolo storico fondamentale della successiva cultura di Golasecca, collegamento attraverso i valichi alpini tra mondo mediterraneo e mondo celtico centro-europeo.

L'età del Ferro

L'età del Ferro (IX secolo-15 a.C.) in Ticino è articolata in due momenti: la cultura di Golasecca (IX-IV secolo a.C., riferita al nome del sito posto a sud del Verbano) e la cultura di La Tène (inizio IV-I secolo a.C., pertinente con i ritrovamenti del lago di Neuchâtel).

Grazie alle fonti scritte greche (Strabone, Geografia, libro IV; Claudio Tolomeo, Geografia) e latine (Tito Livio, Ab Urbe condita), sono noti i passi frequentati durante la stagione estiva (Gran San Bernardo, Sempione, San Gottardo, San Bernardino e Lucomagno), menzionati nel loro complesso come Alpi, e i nomi dei popoli che abitavano queste regioni. Tra questi figurano i Leponti, il cui territorio si estendeva dalle sorgenti del Rodano e del Reno fino alle alture a nord di Como (valli superiori del Ticino, Ossola, Centovalli, Locarnese) occupando un'area di eccezionale interesse geografico e strategico per la varietà dei suoi aspetti fisici. Questa popolazione alpina di grande rilievo si distingue per l'alto livello della sua cultura materiale (corredi funerari di particolare pregio).

Nell'età del Ferro, caratterizzata da meglio attestati traffici commerciali, vi furono due poli di riferimento: il Bellinzonese per il Sopraceneri e Como per il Sottoceneri. Lo scambio vedeva transitare merci di origine mediterranea (specialmente olio e vino), che risalendo l'Adriatico e il Po raggiungevano i centri della pianura padana per poi essere smistati verso l'Europa centrale attraverso i principali passi alpini. Dall'Europa settentrionale provenivano invece alcuni metalli (come lo stagno), ambra e sale. Grazie ai contatti commerciali, le popolazioni autoctone si arricchivano, utilizzavano gli scambi monetari e apprendevano l'uso della scrittura, come testimonia ad esempio il ritrovamento nel Sottoceneri di alcune stele funerarie, datate al VI-V secolo a.C. e recanti iscrizioni in alfabeto leponzio, noto convenzionalmente anche come "alfabeto di Lugano", la cui origine è da ricercare nell'alfabeto etrusco. Pertinente con gli intensi scambi commerciali è pure il ritrovamento del ripostiglio di un fonditore di bronzo ad Arbedo.

Dalla metà del VI secolo a.C. si conoscono in Ticino numerose necropoli, mentre per gli insediamenti è da immaginare una stratificazione distruttiva nei secoli. Le necropoli del VI secolo a.C. - concentrate in particolare nei dintorni di Bellinzona - comprendono sepolture a inumazione e a cremazione. Nelle fasi successive nel Sopraceneri prevalse il rito dell'inumazione (legame con l'area di Varese), mentre nel Sottoceneri si praticava esclusivamente la cremazione (legame con Como). Fino alla romanizzazione i corredi tombali denotano influssi dell'area celtica nordalpina o della pianura padana; la massiccia presenza di argenti, bronzi e ambra conferma la grande ricchezza derivante dai traffici commerciali sull'asse nord-sud.

Dalla romanizzazione all'alto Medioevo

Il periodo della romanizzazione

Il periodo della romanizzazione, momento di contatto fra le popolazioni indigene a sud delle Alpi e i Romani, non è definibile con precisione; molto probabilmente fu un processo graduale e pacifico. Attorno al 49 a.C. le terre ticinesi facevano parte dei territori di Como e Milano, e di conseguenza la concessione della cittadinanza si estendeva anche ai loro abitanti. La svolta principale avvenne con Augusto: oltre a sottomettere i popoli alpini fra 25 e 15 a.C., egli avviò la costruzione della rete viaria. La regione ticinese venne così progressivamente integrata nella sfera di influenza romana. Nel corso dei secoli tale rete stradale fu origine e perno di un sistema di comunicazione fra le regioni dei laghi e i passi del San Bernardino, del Maloja, dello Julier, del Settimo, dello Spluga, del San Gottardo e del Lucomagno, i cui sbocchi erano la valle del Rodano, il lago di Costanza, il Reno, il Danubio e i centri commerciali europei.

Fibule smaltate del II-III secolo d.C., rinvenute in occasione degli scavi effettuati nel 1957 e nel 1965-1966 nella necropoli romana di Airolo-Madrano, durante i quali furono portate alla luce 15 tombe (Ufficio dei beni culturali, Servizio archeologia, Bellinzona; fotografia Loretta Doratiotto Vigo, Pregassona).
Fibule smaltate del II-III secolo d.C., rinvenute in occasione degli scavi effettuati nel 1957 e nel 1965-1966 nella necropoli romana di Airolo-Madrano, durante i quali furono portate alla luce 15 tombe (Ufficio dei beni culturali, Servizio archeologia, Bellinzona; fotografia Loretta Doratiotto Vigo, Pregassona).

Benché le testimonianze nel Sottoceneri siano piuttosto disperse, si può ritenere che esso gravitasse attorno a Como e ne costituisse una pregiata appendice, come suggeriscono i ritrovamenti di Bioggio (edifici di culto pagani e poi cristiani), Melano (necropoli), Mendrisio, Morbio Inferiore e Stabio (ville, mosaici), così come alcune iscrizioni rinvenute a Ligornetto, Riva San Vitale e Stabio. Nel Sopraceneri i ritrovamenti si concentrano attorno all'estremità settentrionale del lago Maggiore, ma si distribuiscono pure nell'entroterra seguendo la linea di penetrazione nella Vallemaggia e nelle Terre di Pedemonte. Polo della regione era il vicus di Muralto, luogo di scambio commerciale, quartiere abitativo e artigianale; nei suoi dintorni si può presumere la presenza di altri insediamenti grazie a necropoli con ricchi corredi funerari (Locarno, Locarno-Solduno, Minusio, Ascona, Losone-Arcegno, Cavigliano, Tenero). Risalendo la valle del Ticino, la regione è abitata fino alle pendici del San Gottardo, dove la necropoli di Madrano rappresenta uno dei principali esempi di compenetrazione tra caratteri romani e popolazione alpina.

Declino dell'Impero e avvio della cristianizzazione

Nel III secolo d.C. si manifestarono le prime avvisaglie di crisi, con incursioni armate da nord verso Milano (come quella degli Alemanni, 259-260). Nel momento in cui Milano assurse a residenza dell'imperatore (286-402), la zona del lago di Lugano venne a trovarsi fra alcuni punti nodali del sistema difensivo, articolato in una linea ai piedi dei passi alpini. Non è possibile ricostruire il popolamento di quel periodo, e in particolare capire la funzione delle villae, alcune delle quali si conservarono almeno fino alla fine del IV-V secolo.

Siti archeologici del canton Ticino (B)
Siti archeologici del canton Ticino (B)

Le più antiche testimonianze di cristianizzazione in Ticino risalgono alla seconda metà del IV secolo, quando la diffusione del cristianesimo nell'Italia settentrionale si intensificò seguendo le vie di transito: in tombe ad Arcegno (comune Losone) e a Carasso (comune Bellinzona) sono stati ritrovati due anelli da fidanzamento o nuziali con cristogramma, il primo accompagnato da un corredo femminile di usanza ancora pagana. La cristianizzazione dell'area alpina si irradiò dalle sedi vescovili di Milano e Como. Dai centri urbani l'opera di conversione pacifica si estese alle zone periferiche dove, accanto a sacerdoti inviati dai vescovi, erano attive persone convertite di famiglie influenti. L'organizzazione ecclesiastica si fece poi più sistematica nella seconda metà del V e nel VI secolo. A questo periodo sono da ricondurre numerose fondazioni di chiese battesimali o battisteri, veri centri di cristianizzazione in una regione in cui il sostrato pagano restò comunque radicato a lungo; si segnalano in particolare i battisteri a Riva San Vitale (fine V-inizio VI secolo) e Balerna (VII-VIII secolo), mentre non è provata l'esistenza di un edificio analogo presso la chiesa di San Vittore di Muralto.

Tra il V e il VI secolo sorsero numerosi edifici di culto, soprattutto lungo l'asse di transito verso i passi del San Gottardo e del Lucomagno (Stabio, Mendrisio, Bioggio, Gravesano, Mezzovico, Gudo, Gorduno, Quinto, Airolo e Dongio). Alcuni di essi furono caratterizzati da una prima struttura in legno, poi sostituita da quella in muratura.

Rapporti di potere e organizzazione politico-amministrativa nel Medioevo e in età moderna

Alto e pieno Medioevo

Il Sottoceneri e buona parte della valle del Ticino furono conquistati dai Longobardi attorno al 588, in corrispondenza con la caduta di un importante avamposto bizantino sull'Isola Comacina. Gregorio di Tours riferisce che nel 590 ca. la fortezza di Bellinzona apparteneva a Milano, testimoniando così indirettamente il ruolo della regione subalpina, che formava il confine settentrionale del regno longobardo e faceva parte di due o tre circoscrizioni politico-amministrative (gastaldie o iudiciariae). I nuovi dominatori, affiancandosi alla popolazione romanizzata in veste di signori a cui erano dovuti obbedienza, servizi e tributi, diedero al ceto superiore locale una nuova fisionomia durevole, tanto che ancora nel XIII secolo personaggi influenti professavano la legge longobarda. Grazie all'archivio di famiglia di Totone da Campione, che nel 777 donò i suoi possedimenti gravitanti su Campione alla chiesa di S. Ambrogio a Milano, si possono delineare i tratti distintivi dei maggiorenti locali: basando la loro ricchezza su agricoltura e commercio, intrattenevano contatti su larga scala ed esercitavano ampi poteri su servi e semiliberi.

Ornamenti in bronzo dorato di uno sfarzoso scudo e piccoli accessori ritrovati nella tomba di un guerriero longobardo scoperta a Stabio nel 1833; tavola XVII del Supplément au recueil d'antiquités suisses di Gustav von Bonstetten, pubblicato dalla tipografia Georges Bridel a Losanna nel 1860 (Bibliothèque cantonale et universitaire Fribourg, RESP 97/2).
Ornamenti in bronzo dorato di uno sfarzoso scudo e piccoli accessori ritrovati nella tomba di un guerriero longobardo scoperta a Stabio nel 1833; tavola XVII del Supplément au recueil d'antiquités suisses di Gustav von Bonstetten, pubblicato dalla tipografia Georges Bridel a Losanna nel 1860 (Bibliothèque cantonale et universitaire Fribourg, RESP 97/2). […]

Dopo la conquista franca del regno longobardo (774), nuovi influssi dal nord delle Alpi si manifestarono con l'insediamento di immigrati, la ripresa del transito sui valichi e l'intensificazione delle relazioni commerciali. Nella regione, suddivisa fra le iudiciariae di Stazzona e del Seprio, si ampliarono progressivamente i possedimenti regi e si imposero strutture feudali. Accanto a quella di vassalli laici, si diffuse la proprietà fondiaria dei grandi monasteri longobardi (Pavia, Como, Milano); nel 948 il vescovo Attone di Vercelli, di nobile ascendenza longobarda, donò alla Chiesa di Milano i suoi possedimenti (beni immobili, chiese, fortificazioni) nella valle di Blenio e in Leventina, dando così origine alla signoria capitolare sulle Tre Valli Ambrosiane. La successiva frammentazione in potentati locali permise l'estensione dell'influenza di Como e Milano sull'intera regione del Ticino; dopo che nel 1002/04 l'imperatore Enrico II ebbe assegnato alla diocesi di Como le circoscrizioni ecclesiastiche di Bellinzona e Locarno (e probabilmente anche di Agno) e donato la fortezza di Bellinzona al vescovo comense, nella lotta per le investiture il confronto tra le due città divenne aperto e il Sottoceneri fu teatro di un aspro conflitto armato (1118-27).

L'età comunale

Con la dissoluzione delle circoscrizioni territoriali di origine carolingia (ad eccezione delle valli superiori), le città lombarde rafforzarono il loro controllo sul territorio. Nell'XI secolo il vescovo di Como esercitava direttamente il dominio nelle località in cui disponeva di proprietà fondiarie e castelli, come a Bellinzona. Parallelamente fiorirono signorie locali ecclesiastiche o laiche. Favoriti inizialmente da donazioni dei presuli comensi, i monasteri cittadini di S. Abbondio e di S. Carpoforo ottennero anche la giurisdizione in diversi luoghi (Agnuzzo, Breno, Sonvico). Dal canto loro, casati nobiliari come i della Torre (Torriani) di Mendrisio, i de Sessa o alcuni rami dei da Besozzo acquisirono terre e diritti decimali, ma non paiono aver amministrato la giustizia. Appartenevano probabilmente al ceppo sepriese dei da Besozzo anche i Capitanei di Locarno, che grazie ai rapporti con l'episcopato milanese, con quello comasco e con l'Impero ottennero privilegi, regalie e il diritto di mercato. Nelle Tre Valli Ambrosiane i da Giornico e i da Torre, in un primo tempo avogadri e giudici della Chiesa di Milano, tentarono di ampliare il loro potere, facendosi investire dell'avogadria dai conti von Lenzburg (infeudati delle valli da Federico I Barbarossa), e Alcherio da Torre divenne feudatario imperiale per un breve periodo fino al 1176.

Sullo sfondo della lotta per il riconoscimento dei comuni urbani, nel XII-XIII secolo Milano e Como promossero una nuova organizzazione del territorio, che coinvolse anche la regione ticinese. Essa ricalcava la distrettuazione ecclesiastica per pievi e si avvaleva di una serie di strumenti normativi, fiscali e amministrativi, basati sull'uso sistematico della scrittura. A livello periferico, la formazione dei contadi comportava l'accettazione delle comunità locali quali interlocutori. Queste ultime si strutturarono nella forma istituzionale del comune di valle e della vicinanza o vicinia a partire da associazioni preesistenti, attestate ad esempio ad Arogno nel 1010 in occasione di una lite di confine. Agendo come soggetto politico nel sistema di interazioni dei poteri pubblici sovraregionali, nel 1186 la comunità di Locarno ottenne dal Barbarossa l'immediatezza imperiale, mentre nel 1191 Lugano si fece accordare una parziale autonomia amministrativa dai consoli di Como. Nel 1182 le comunità di valle di Blenio e Leventina, con il sostegno in chiave antiimperiale di Milano, stipularono il patto di Torre, riuscendo ad annullare l'influsso della nobiltà locale (spec. dei da Torre) e arrogandosi diritti pubblici, come quello di autorizzare la costruzione di castelli.

Le fonti scritte attestano per il XIII secolo la piena maturazione dei comuni locali. Statuti e ordini regolavano la gestione dei beni comuni, la tutela della pacifica convivenza e l'autogoverno; nelle valli le vicinanze si spartirono gli alpeggi (Leventina, 1227) e organizzarono il trasporto delle merci (Osco, 1237). Al centro dei rispettivi distretti, i borghi di Locarno, Lugano e Bellinzona, pur senza acquisire lo status giuridico di città, godevano di privilegi analoghi, erano sedi di mercato e concentravano le attività artigianali e commerciali.

Dai primi decenni del XIII secolo l'apertura della nuova via commerciale del San Gottardo accrebbe ulteriormente il significato strategico della regione ticinese. Poiché il mantenimento di condizioni ottimali per il traffico rivestiva grande importanza per le emergenti imprese commerciali, di notevole rilievo politico specialmente a Milano, e per l'intera città di Como, i principali attori nella politica cittadina strinsero ripetuti accordi con le comunità locali.

Integrazione nello Stato regionale lombardo

Dalla metà del XIII secolo la regione ticinese fu coinvolta nelle aspre lotte tra le fazioni che si contendevano il dominio nelle città e nelle campagne (Guelfi e Ghibellini). A Como, nel Sottoceneri e a Bellinzona presero il sopravvento per alcuni anni gli esponenti della potente famiglia comasca dei Rusca, mentre a Milano l'emergente casato dei Visconti trovò nelle vallate ambrosiane e nel Locarnese un appoggio nella consorteria capitaneale e in particolare in Simone Orelli, che diede il suo sostegno all'arcivescovo di Milano Ottone Visconti nella conquista della signoria cittadina (1277). Con la sottomissione dei Rusca ai Visconti, e di Como a Milano (1335), iniziò l'annessione dei territori settentrionali della Lombardia allo Stato regionale milanese. Il Sottoceneri, soggetto alla città di Como, passò allora ai Visconti e venne affidato al vicario di "Lugano e Valle", subordinato al podestà di Como, titolare della giurisdizione anche sulle pievi di Agno e della Capriasca. Nel 1340 l'esercito milanese costrinse alla resa gli irriducibili Rusca asserragliati a Bellinzona. Qui i Visconti insediarono funzionari civili e militari di provata fedeltà a governare il borgo e il contado e a sorvegliare le valli superiori.

Nel 1342 Locarno si piegò alle truppe viscontee provenienti dal lago e da terra; la conquista emarginò dalla vita pubblica la consorteria dei Capitanei e subordinò la pieve alla giurisdizione del capitano del lago Maggiore con sede a Pallanza. I Visconti ottennero poi dal capitolo del duomo di Milano la carica di podestà nella Leventina (1344) e poco più tardi nella valle di Blenio; acquisito infine il controllo di Biasca, capoluogo plebano, e dei comuni della Riviera sulla sponda sinistra del fiume Ticino (Claro, Osogna e Cresciano), venne riunita nelle loro mani tutta l'enclave ambrosiana. Sino alla fine del XV secolo villaggi, borghi e valli furono governati da funzionari stranieri spesso ostacolati da potenti gruppi familiari, da consorterie e da comunità ostili al regime, gelose dei privilegi, delle autonomie comunali e degli spazi conquistati all'ombra di un potere lontano.

Galeazzo Maria Sforza conferma i privilegi di Bellinzona (13.12.1476); tempera e foglia d'oro su pergamena (Archivio di Stato del Cantone Ticino, Bellinzona).
Galeazzo Maria Sforza conferma i privilegi di Bellinzona (13.12.1476); tempera e foglia d'oro su pergamena (Archivio di Stato del Cantone Ticino, Bellinzona). […]

Alla morte del duca Gian Galeazzo (1402) la regione fu sconvolta da incursioni dei Confederati e da torbidi che nel Sottoceneri portarono alla creazione della Comunità di Lugano e Valle (1405-06), separata da Como. Dopo quasi un ventennio di governo dei cantoni forestali, l'esercito visconteo scacciò i Confederati da Bellinzona (battaglia di Arbedo, 1422). Il duca Filippo Maria concesse il Sottoceneri in feudo ai Sanseverino (1434-38) e il Locarnese ai Rusca (1439). I primi, schieratisi con la fazione guelfa, non riuscirono però a ottenere un sufficiente consenso e furono allontanati dal feudo; i Rusca, in particolare con il conte Franchino, si costruirono per contro una solida posizione di prestigio. Nonostante i disordini scoppiati alla morte di Filippo Maria (1447), Francesco Sforza riportò la stabilità per un quindicennio (1450-66), mantenendo relazioni più pacifiche con gli Svizzeri. Alla scomparsa del figlio Galeazzo Maria (1476) la situazione precipitò, anche a causa dell'alleanza milanese con Carlo il Temerario, nemico dei Confederati. Dopo la sconfitta dell'esercito sforzesco nella battaglia di Giornico (1478), la Leventina, impegnata agli Urani dal 1439/41, fu ceduta loro nel 1480. La tensione nei rapporti tra i Confederati e Milano si acuì con la decisione di Ludovico il Moro di chiamare in Italia i Francesi (1494), un passo destinato a produrre anche una gravissima crisi interna al ducato. Divenne allora inevitabile uno stato di crescente conflittualità che portò anche gli altri territori sudalpini a una nuova soggezione, quella dei cantoni sovrani (guerre d' Italia).

Sotto il dominio confederato

Testone d'argento coniato nel 1506 nella zecca di Bellinzona dal maestro monetiere Bernardino Morosini (Bernisches Historisches Museum) © Fotografia Nadja Frey.
Testone d'argento coniato nel 1506 nella zecca di Bellinzona dal maestro monetiere Bernardino Morosini (Bernisches Historisches Museum) © Fotografia Nadja Frey. […]
Testone d'argento coniato nel 1506 nella zecca di Bellinzona dal maestro monetiere Bernardino Morosini (Bernisches Historisches Museum) © Fotografia Nadja Frey.
Testone d'argento coniato nel 1506 nella zecca di Bellinzona dal maestro monetiere Bernardino Morosini (Bernisches Historisches Museum) © Fotografia Nadja Frey. […]

La conquista delle terre sul confine settentrionale del ducato di Milano da parte dei Confederati non seguì un piano preordinato, ma si realizzò in diverse fasi grazie ai successi militari nelle Campagne transalpine del XV e degli inizi del XVI secolo, confermati da accordi diplomatici, tra cui specialmente i capitolati di Milano, la pace di Arona (1503) e la Pace perpetua con la Francia (1516). Intorno alle vie di comunicazione dai passi del San Gottardo e del Lucomagno verso le città lombarde si aggregò così una configurazione politico-territoriale dai tratti irregolari, in cui si affiancavano diverse forme di dominio. Dopo che la Leventina passò di fatto sotto il controllo di Uri (1439/41), la pressione espansionistica delle comunità della Svizzera centrale (sostenute solo parzialmente dagli altri membri della lega) rimase intensa; nel 1499-1500, in concomitanza con gli sconvolgimenti apportati nel ducato di Milano dalla spedizione di conquista di Luigi XII di Francia, essa sfociò nell'occupazione di Blenio e Riviera e nella resa di Bellinzona a Uri, Svitto e Untervaldo. In seguito al riconoscimento del dominio confederato da parte della Francia (1503), questi ultimi istituirono in tali distretti i primi baliaggi comuni a sud delle Alpi. Nel 1512/13, al culmine della potenza militare della Confederazione, giunta a imporre per breve periodo un protettorato su Milano, le truppe elvetiche presero possesso delle piazzeforti di Lugano e Locarno e occuparono i rispettivi distretti, organizzando il loro dominio nella forma di baliaggi dei 12 cantoni. Negli stessi frangenti furono poste le basi anche per il baliaggio di Mendrisio e della pieve di Balerna, che venne riconosciuto ai 12 cantoni solo nel 1521, quando invece la val d' Ossola, la Valtravaglia e la Valcuvia ritornarono al ducato di Milano. L'assetto territoriale della regione venne definito in breve tempo, modificando in parte quello del XV secolo: Isone e Medeglia furono integrate nel baliaggio di Bellinzona; le "terre separate" del Luganese mantennero buona parte dei loro privilegi pur essendo parte del baliaggio (formato dalle pievi di Lugano, Agno, Capriasca e Riva San Vitale); la Vallemaggia (con la valle Lavizzara) costituì un baliaggio distaccato da quello di Locarno, che accorpava invece Brissago e comprendeva le comunità separate del Gambarogno e della valle Verzasca.

Lottigna, casa dei landfogti o palazzo del pretorio (Ufficio dei beni culturali, Bellinzona; fotografia Daniela Temperli).
Lottigna, casa dei landfogti o palazzo del pretorio (Ufficio dei beni culturali, Bellinzona; fotografia Daniela Temperli). […]

L'instaurazione del governo confederato comportò una ridefinizione del rapporto con l'autorità superiore. All'appartenenza a una compagine statale articolata come quella milanese seguì una condizione di sudditanza, resa esplicita dalla presenza dei balivi, che si stabilirono nei maggiori centri (Lugano, Locarno, Bellinzona, Mendrisio) o nei nuovi capoluoghi (Faido, Osogna, Lottigna) per esercitarvi il governo in nome dei cantoni sovrani. Le comunità locali dovevano fornire contingenti militari e versavano un tributo annuo ai cantoni (peraltro di entità non gravosa e con molte esenzioni), finanziato con la riscossione delle imposte (taglia e focatico) destinate anche al salario degli ufficiali, alla manutenzione delle strade e alle spese sanitarie. Sul piano giuridico, alla formale riconferma dei privilegi e degli statuti concessa alle comunità locali seguì man mano una modifica dei fondamenti del dominio mediante la continua aggiunta di decreti e disposizioni, che cambiarono puntualmente la situazione iniziale, alterandone in profondità molti aspetti.

I baliaggi italiani
I baliaggi italiani […]

In ogni baliaggio il balivo (chiamato anche commissario o capitano reggente) costituiva la più alta autorità. Designato per due anni da uno dei cantoni sovrani secondo un turno prestabilito, egli comandava le truppe locali in caso di guerra, deteneva l'alta e la bassa giurisdizione, era responsabile dell'ordine pubblico e controllava il fisco e l'amministrazione delle comunità. Nell'esercizio dei suoi poteri era coadiuvato dal Magnifico ufficio, composto a seconda del baliaggio da ufficiali di estrazione locale con funzione consultiva: oltre al luogotenente, nominato in genere dal balivo stesso, vi figuravano almeno il landscriba, il fiscale (o caneparo) e un cancelliere. L'operato di balivi e apparati locali era sottoposto alla sorveglianza del sindacato, che riuniva ogni anno in estate gli ambasciatori rispettivamente dei 12 cantoni sovrani per i baliaggi di Locarno, Lugano, Mendrisio e Vallemaggia, dei tre cantoni per Bellinzona, Riviera e Blenio e di Uri per la Leventina (in quest'ultimo caso, il cantone sovrano inviava due rappresentanti). Durante le sedute esso rappresentava la più alta autorità giudiziaria in loco, decideva sugli appelli contro le sentenze del governo balivale, giudicava in prima istanza determinati casi e procedeva alla revisione dei conti delle comunità e dei balivi. Contro le decisioni del sindacato i sudditi avevano poi facoltà di ricorrere in ultima istanza sia ai singoli cantoni sia alla Dieta federale, secondo una procedura ridondante che impediva spesso la risoluzione dei conflitti in tempi ragionevoli.

La dominazione svizzera non alterò inizialmente le organizzazioni comunitarie ereditate dal tardo Medioevo, pur ridefinendo in parte le forme di rappresentanza a livello intermedio nei singoli distretti con la creazione dei consigli di pieve e di comunità. Essa riconobbe però la progressiva chiusura nei confronti dei "forestieri", che si manifestò nelle maggiori località in una distinzione fra lo status dei vicini di lunga data e quello dei residenti. La definizione dei rispettivi diritti produsse aspri conflitti, come ad esempio a Locarno dopo la creazione dell'Università o corporazione dei Terrieri (1542).

Le istituzioni politiche nei baliaggi italiani (schema semplificato)
Le istituzioni politiche nei baliaggi italiani (schema semplificato) […]

La forma di governo dei baliaggi poggiava necessariamente sulla collaborazione delle cerchie locali, lasciava spazio alla loro iniziativa e favoriva la formazione di élite fortemente radicate nelle strutture di governo. Poiché durante la conquista si profilarono famiglie che assicurarono continuità nelle cariche istituzionali collaborando con i Confederati, la transizione non risultò traumatica, e dopo la rapida stabilizzazione del dominio si perpetuarono o si crearono tradizioni familiari nel possesso di uffici del governo balivale o comunale; fra le più longeve figurano ad esempio quelle dei Torriani a Mendrisio, dei Franzoni in Vallemaggia o dei Riva a Lugano. Soprattutto la lunga durata in carica degli ufficiali del Magnifico ufficio (spesso a vita) permise di controllare le situazioni locali e di allacciare solide relazioni con le famiglie confederate (specialmente della Svizzera centrale) che curavano interessi di vario genere nei baliaggi. I rapporti tra le famiglie locali più abbienti e questi casati confederati (fra cui i Lussi, i Troger, gli a Pro o, più tardi, i von Beroldingen o i Vonmentlen), in parte stabilitisi a sud delle Alpi, furono cementati da comuni imprese economiche (soprattutto attività commerciali) e dalla carriera militare, e si manifestarono non di rado in complesse strategie matrimoniali. In tale contesto economico e sociale, il legame tra sudditi e sovrani non presentava conflittualità di fondo, anche se non mancarono i momenti di crisi legati a episodi di malgoverno o al malcontento per il mancato sostegno dei sovrani nei periodi di difficoltà nei rapporti con la Lombardia. Nel caso della rivolta della Leventina del 1755 la contestazione sfociò in un movimento collettivo di ribellione contro la dominazione esterna.

Pur mantenendosi la distinzione sostanziale fra i diversi baliaggi, tra il XVI e il XVIII secolo acquisirono importanza alcuni elementi di coesione. I baliaggi dei tre cantoni formarono sin dall'inizio un corpo a sé; in quelli dei 12 cantoni prevalse agli esordi l'aspetto militare, poiché il balivo di Lugano era a capo di tutte le truppe. In seguito i cantoni sovrani tesero a considerare i territori sottoposti come un blocco unitario, almeno dal profilo amministrativo. A livello locale, la coscienza di una comune appartenenza fu favorita soprattutto dagli scambi e dalle collaborazioni tra le famiglie del patriziato.

La valutazione storiografica del periodo balivale è stata oltremodo negativa nel XIX e per buona parte del XX secolo, mettendo in risalto la condizione di sudditanza, l'immobilità del sistema di potere e gli episodi di abusi da parte dei governanti, nel solco delle tesi di Karl Viktor von Bonstetten poi riprese e amplificate nella trattatistica locale. Grazie allo studio dell'impianto istituzionale e della natura del legame tra i cantoni sovrani e le comunità locali, come pure all'approfondimento delle dinamiche economiche e sociali e dei contatti a vari livelli con le realtà esterne, il giudizio è divenuto progressivamente più sfumato.

Società, economia e cultura nel Medioevo e in età moderna

Popolazione e insediamenti

Per la sua conformazione corrugata il territorio ticinese non consentiva lo sviluppo di ampi agglomerati, come nella pianura lombarda, ma solo di insediamenti di medie, piccole e persino minime dimensioni che sorgevano anche a quote elevate, come Molare (comune Faido) posto a 1500 m. La denominazione castrum attribuita ad abitati del Sottoceneri nell'XI secolo fa pensare che non pochi nuclei fossero allora protetti da cinte murarie analoghe a quelle rinvenute a Tremona-Castello. Nelle valli superiori gli insediamenti si distribuivano su più livelli altimetrici, corrispondenti di regola al ritmo stagionale dell'attività agropastorale.

Schizzi di piante di case rurali realizzati attorno al 1890 nella valle di Blenio dall'etnologo Jakob Hunziker per il suo studio Das Schweizerhaus nach seinen landschaftlichen Formen und seiner geschichtlichen Entwicklung, il cui secondo volume sul Ticino venne pubblicato postumo nel 1902 (Staatsarchiv Aargau, Aarau).
Schizzi di piante di case rurali realizzati attorno al 1890 nella valle di Blenio dall'etnologo Jakob Hunziker per il suo studio Das Schweizerhaus nach seinen landschaftlichen Formen und seiner geschichtlichen Entwicklung, il cui secondo volume sul Ticino venne pubblicato postumo nel 1902 (Staatsarchiv Aargau, Aarau). […]
La frazione di Scona (comune di Blenio). Fotografia realizzata attorno al 1890 da Jakob Hunziker a complemento dei suoi schizzi relativi alle tipologie costruttive, nuova copia da un negativo su vetro (Staatsarchiv Aargau, Aarau).
La frazione di Scona (comune di Blenio). Fotografia realizzata attorno al 1890 da Jakob Hunziker a complemento dei suoi schizzi relativi alle tipologie costruttive, nuova copia da un negativo su vetro (Staatsarchiv Aargau, Aarau).

Il miglioramento delle condizioni ambientali, il più intenso sfruttamento delle risorse locali, come i pascoli alpini, e il profitto garantito dai traffici transalpini (fenomeni che trovano singolari concomitanze all'inizio del XIII secolo) favorirono forse un moderato aumento demografico, confermato in parte da fonti locali, come quelle di Prato Leventina nel XIII secolo. La crescita fu interrotta dall'ondata di epidemie esplosa a metà del XIV secolo e la regione non fu risparmiata dal declino che interessò anche altre regioni alpine, come il Vallese. Altre crisi si manifestarono alla fine del XIV secolo e a più riprese nel XV secolo; alcuni villaggi della Capriasca subirono un tracollo nel 1484-85, con la morte di centinaia di persone. Scarse sono le notizie demografiche: Bellinzona, Lugano e Locarno contavano a fine Medioevo poche centinaia di anime, cifre di poco superiori a quelle di alcune vicinie delle valli superiori. A metà del XV secolo il ruolo fiscale leventinese riportava 919 fuochi, ossia ca. 4500 anime. Una ripresa si ebbe nel XVI secolo (78'000 abitanti ca. alla fine del secolo), grazie anche alla maggior stabilità del governo confederato, e in particolare dopo l'ultima ondata epidemica nel XVII secolo, cosicché la popolazione aumentò considerevolmente nel XVIII secolo.

A ristabilire, almeno in parte, il delicato equilibrio tra risorse locali agropastorali e numero di bocche da sfamare provvide anche l'emigrazione definitiva o stagionale. Il fenomeno è antico, visto che è attestato già nel XIII-XIV secolo, e assunse nel XV secolo, per talune regioni e categorie professionali, dimensioni a volte macroscopiche ("la maggior parte degli uomini è in Toscana a lavorare", affermava un funzionario milanese a Lugano nel 1477). Disagi e instabilità causati dalle guerre per il controllo della regione e dalle continue lotte intestine non comportavano necessariamente perdite demografiche consistenti, ma indussero forse alcune famiglie a trasferirsi in regioni meno toccate dalle turbolenze, in via provvisoria o definitiva.

A fronte di una continua e a volte massiccia immigrazione dai centri lombardi di forze economicamente qualificate, nel Medioevo si ebbe una sola presenza straniera in alta Vallemaggia, con il villaggio walser di Bosco Gurin, impiantato a metà del XIII secolo per volere delle famiglie capitaneali di Locarno. L'immigrazione da nord, documentata puntualmente dal XIV secolo, affiora dai documenti in modo tangibile dopo la conquista confederata.

Economia

Le vie di comunicazione della regione alpina poggiavano su un reticolo di sentieri, mulattiere e percorsi carrabili, così come sulle rotte del lago di Lugano e del lago Maggiore. Non si può escludere che alcuni tratti fluviali fossero talvolta navigabili, anche se la fluitazione del legname, molto intensa in taluni periodi, ne impediva l'utilizzo. Il passo forse più frequentato dall'antichità, grazie alla sua bassa quota, era il Lucomagno, poi parzialmente messo in ombra dal San Gottardo, aperto al traffico internazionale nei primi decenni del XIII secolo. La forma viaria era commisurata alla funzione locale (sentieri, guadi), regionale (rete stradale più solida, ponti) o transalpina (tracciati più lineari e sicuri, soste). La via di transito in alta Leventina, fino al XIII secolo garantita da sentieri percorsi a fatica dai primi convogli di someggiatori locali, venne sostituita a metà del secolo successivo da un tragitto più diretto, munito di depositi per le mercanzie straniere e da ospizi per viandanti. Dai secoli centrali del Medioevo la manutenzione della strada di traffico, chiamata di regola "strada francesca" o "maestra", fu affidata alle comunità locali. La ripresa dei commerci dal XIII secolo ebbe conseguenze positive anche sulla regione, specialmente sulle comunità di valle, perché il monopolio dei trasporti procurava guadagni supplementari ai somieri e fonti di reddito alle vicinie.

Il rilievo montagnoso, più aspro presso la catena alpina, consentiva di ricavare pochi campi sul fondovalle mentre nelle regioni collinari meridionali era possibile sfruttare appezzamenti più ampi. L'allevamento del bestiame, soprattutto nelle vallate del Sopraceneri, richiedeva di mantenere prati falciabili per superare il periodo di stabulazione invernale con sufficienti riserve di fieno. La regione alpina era ampiamente tributaria della pianura, dove lo sfruttamento agricolo produceva quantità di cereali eccedenti il consumo locale, che venivano pertanto immesse nel circuito commerciale. Nel XV secolo, ad esempio, mercanti bellinzonesi acquistavano grano nella Lomellina (nell'attuale provincia di Pavia) per rivenderlo nel borgo e nelle vallate superiori. Dal XVI secolo la condotta di grano dalla Lombardia ai baliaggi italiani fu spesso menzionata negli accordi sottoscritti dai cantoni sovrani. Fra le derrate alimentari che gli abitanti della montagna si procuravano altrove vi erano anche l'olio e il vino. I mercati della pianura peraltro importavano capi di bestiame e prodotti alpestri dalle regioni più elevate. Alla fine del Medioevo alcune comunità leventinesi e bleniesi acquistarono diritti d'alpe al di fuori dei confini (Surselva) a conferma che l'attività alpestre era redditizia e che i mercati e le fiere lombarde consentivano di vendere non pochi capi di bestiame.

Molte famiglie nei villaggi delle valli e nei borghi vivevano dei prodotti della terra. Campicoltura, viticoltura e selvicoltura - di vitale importanza era la raccolta di castagne (Castagno) - erano le principali attività che consentivano di sfamare i componenti del fuoco familiare e di limitare la ricerca di lavoro lontano dalla patria. Rispetto alle campagne, il quadro di professioni si arricchiva nei borghi, e in misura minore in alcune località periferiche toccate dai traffici, dove la densità demografica, la funzione amministrativa, la varietà di interessi economici e la stratificazione sociale contribuivano ad ampliare il ventaglio di opportunità professionali. Le località di transito (Mendrisio, Lugano, Locarno, Bellinzona, ma anche Biasca, Faido, Olivone) erano munite di locande per l'alloggio degli stranieri di passaggio e di osterie per la mescita del vino. Particolare rilievo ebbero gli studi notarili per la loro opera di mediazione anche in ambito economico (atti di compravendita, locazione ecc.).

Il commercio di esportazione riguardava quasi esclusivamente alcune materie prime, prodotti alpestri e capi di bestiame vivo. La regione alpina, ricca di foreste (soprattutto di abeti e larici), riforniva i centri della Lombardia di legname pregiato adatto all'edilizia. Le piante abbattute erano trasportate verso i corsi d'acqua e, raggiunto il fiume Ticino, fatte flottare sino al lago Maggiore. Ingenti quantità di legname d'opera proseguivano poi verso Milano grazie alla rete di navigli creata nel XIII secolo. In questa fiorente attività si distinsero famiglie notabili locali, casati provenienti dai centri della pianura lombarda e, dal XVI secolo, esponenti di famiglie d'oltre Gottardo. Le popolose città della pianura necessitavano di grosse quantità di carne e di prodotti alpestri, come il formaggio grasso a pasta dura che si conservava a lungo. Da ambedue i versanti della catena alpina scendevano verso i mercati e le fiere pedemontane mandrie di bestiame destinato a essere macellato e venduto nei negozi di beccai.

Le fiere annuali pedemontane offrivano opportunità di scambi commerciali, di contatti e ampliamento di interessi: le più note, e forse anche le più frequentate, erano nel tardo Medioevo quella di fine agosto di Bellinzona e quella primaverile di Chiasso, ambedue caratterizzate dal forte afflusso di bestiame svizzero, bovino ed equino; in età balivale primeggiò la fiera del bestiame di Lugano. Questi eventi fornivano inoltre la possibilità ai mercanti confederati di acquistare gli apprezzati prodotti tessili comaschi (pannilana). Nei borghi e nelle principali località sudalpine si tenevano poi mercati che favorivano gli scambi regionali.

Non sono testimoniate produzioni tessili indigene di volume tale da entrare nel circuito commerciale, né si trovano indizi di altre produzioni industriali consistenti, se non qualche opificio che sfornava laterizi. L'estrazione e la lavorazione dei metalli interessavano alcune regioni, come il Malcantone, la Valcolla e la valle Morobbia. In quest'ultima, poco dopo la metà del XV secolo, la famiglia comasca Muggiasca con il suo ramo bellinzonese costruì un impianto siderurgico, che tuttavia cessò di produrre nel 1478.

Nei secoli centrali del Medioevo la terra era nelle mani di alcuni enti ecclesiastici: la mensa vescovile di Como, i monasteri benedettini di S. Carpoforo e di S. Abbondio a Como, di S. Pietro in Ciel d'Oro a Pavia e di Disentis. Anche le chiese plebane disponevano di possedimenti fondiari consistenti. Alla fine del Medioevo pure famiglie notabili della regione costituirono veri e propri latifondi, specialmente nel Sottoceneri e in alcune regioni del Sopraceneri; in epoca moderna nel Mendrisiotto si diffuse la grande proprietà fondiaria di famiglie cittadine comasche, tra le quali emergono i Turconi. L'acquisto di proprietà fondiarie divenne un investimento sicuro e redditizio per imprenditori, commercianti e membri del ceto dirigente residenti anche nei borghi e nei villaggi più popolosi delle valli e affiancò non di rado una ramificata attività creditizia.

Società

Nell'alto e nel pieno Medioevo la struttura sociale dell'area prealpina e alpina, formata in larga maggioranza da un ceto rurale di origine locale e antica, era caratterizzata dalla nobiltà che polarizzava la vita politica, economica, sociale e culturale. Dall'età longobarda e franca alle epoche precomunale e comunale, la regione vide insediarsi gruppi familiari in grado di occupare posizioni dominanti, come il casato longobardo dei Totonidi, le famiglie radicate sin dall'alto Medioevo a Mendrisio (tra cui spiccano i Torriani e i Bosia, attivi nella vita della comunità locale ben oltre l'età medievale) o la nobiltà di provenienza varesina che costituiva il consorzio dei Capitanei di Locarno. Anche nelle valli superiori la società agropastorale conobbe la presenza di famiglie egemoni, come i da Torre nella valle di Blenio o i da Giornico in Leventina, il cui status sociale era accentuato, come altrove, dal possesso di un castello o di una residenza fortificata. Nei secoli centrali del Medioevo si stabilirono poi anche nei centri minori famiglie con cospicui patrimoni immobiliari, alcune delle quali occuparono una posizione decisiva fino al tardo Medioevo, come i Quadri o i Canonica de Criviasca nella Capriasca, i da Novazzano o i da Rancate nel Mendrisiotto, i da Trevano (Trevani) o i Pocobelli a Lugano.

Con il consolidarsi dell'influenza di Como e Milano sulla regione, a livello locale si può cogliere l'attività di ufficiali e funzionari cui era affidata l'amministrazione del territorio: così nel Castel Grande a Bellinzona, dove temporaneamente risiedette il vescovo di Como (1195), si può immaginare la presenza di cancellieri, notai, esattori e amministratori, che in quanto letterati si ponevano al vertice della scala sociale.

L'affermazione dei comuni di valle di Blenio e di Leventina, comprovata dal patto di Torre del 1182, segnò l'inizio della progressiva assimilazione dei casati nobiliari nelle comunità locali, agevolata anche dall'acquisizione, da parte delle vicinanze, di diritti e proprietà che i nobili furono costretti a cedere per probabili esigenze finanziarie. I traffici transalpini, favoriti dall'apertura del San Gottardo ai commerci su lunga distanza, contribuirono a creare le condizioni per la nascita di un ceto rurale emergente che esercitava i diritti di soma e intratteneva relazioni di interesse con le regioni vicine, entrando nel giro degli scambi dapprima regionali, più tardi sovraregionali. Il manifestarsi di tradizioni familiari nell'esercizio delle cariche pubbliche nel XIII secolo rivela l'esistenza di una precoce stratificazione sociale nei villaggi. D'altra parte, i comuni organizzarono al loro interno forme istituzionali di sostegno ai membri, basate sull'accumulo e la distribuzione di generi alimentari, che potevano attenuare situazioni contingenti di povertà, ma che in genere escludevano le persone estranee alla vicinanza.

Nel Sottoceneri si impose l'ambizioso casato comasco dei Rusca, insediato in località strategiche nel Luganese, nel Malcantone e soprattutto nella valle del Vedeggio, esercitando un forte influsso sulla società locale fin oltre il tramonto del Medioevo. Ancora all'inizio del XV secolo un ramo della famiglia occupava un castello a Bironico, mentre qualche decennio più tardi alcuni suoi membri si integrarono nella trama economica e sociale della regione, gestendo una locanda in quella località, trasferendosi a Bellinzona ed esercitandovi cariche pubbliche. Il ramo principale, invece, dopo l'acquisizione del titolo comitale, si distinse per la sua appartenenza all'alta nobiltà lombarda, manifestata in tutta la forza rappresentativa nella splendida residenza nel castello di Locarno.

La società tardomedievale fu segnata in profondità dall'immigrazione di famiglie, di provenienza soprattutto lombarda, che si inserivano in un tessuto povero di conoscenze e di abilità tecniche non abbastanza sviluppate dalla realtà locale, prevalentemente agricola. Le nuove opportunità di guadagno, garantite da scambi commerciali più intensi con la pianura lombarda, erano in grado di elargire benessere e agiatezza, richiedevano un rinnovato dinamismo e offrivano possibilità di ascesa sociale a chi osava avviare nuove imprese.

Mercanti, artigiani, lavoratori della lana, del ferro e del cuoio, rivenditori di derrate alimentari, di spezie o di altri prodotti, commercianti di legname e notai si insediarono nei centri maggiori, ottennero in breve tempo il diritto di vicinato e vi esercitarono funzioni pubbliche. Il prestigio acquisito permetteva di assumere incarichi di rappresentanza presso le amministrazioni statali o addirittura le corti principesche; il denaro accumulato nei commerci era investito nell'ampliamento delle proprietà fondiarie e una parte era destinata alla rappresentazione dello status sociale raggiunto. Nelle località più popolose sorsero abitazioni imponenti e decorate, che nei secoli della dominazione confederata assunsero la fisionomia di vere e proprie residenze patrizie. Di analogo significato appaiono, nei villaggi, le opere commissionate nelle chiese parrocchiali, negli oratori e sulle pareti delle case da notai, commercianti e possidenti che si facevano ritrarre da pittori ambulanti per testimoniare la loro devozione, ma anche per enfatizzare la loro prodigalità.

A Lugano, a Locarno e a Bellinzona, ma anche in centri minori come Biasca, Faido, Mendrisio e Balerna, si assistette all'affermazione progressiva di un ceto imprenditoriale consapevole del suo ruolo politico ed economico. All'abilità e all'influenza del notabilato ricorsero gli ufficiali delle signorie lombarde e in seguito i rappresentanti dei cantoni sovrani. La sua mediazione apparve indispensabile non solo per la delicatezza dei compiti affidati, ma anche perché esso fondava il suo potere e il suo influsso su una fitta e capillare trama di relazioni, non di rado configurante una vera e propria clientela. In epoca moderna il ceto consolidò la propria egemonia, rendendola manifesta attraverso la solidità patrimoniale, la pratica professionale commerciale, forense ed ecclesiastica, la cura delle relazioni familiari e d'affari con casati eminenti della Lombardia e della Svizzera centrale e la carriera militare, che talvolta consentì l'acquisizione di titoli nobiliari e onorifici. Si crearono così tradizioni familiari che perdurarono fin nell'epoca contemporanea.

In età balivale la mobilità sociale era più difficoltosa. La chiusura delle società locali verso l'esterno si manifestò anche a livello istituzionale, con la separazione tra i vicini antichi e immigrati o forestieri, che sancì l'esclusione di questi ultimi dall'accesso alle prerogative riservate sin dal Medioevo ai membri delle comunità locali e cancellò la relativa permeabilità ancora accertata alla fine del XV secolo.

Strutture ecclesiastiche e vita religiosa

Alle chiese pubbliche con battisteri, sorte dal V-VI secolo in località strategiche lungo le vie di comunicazione, si aggiunsero nell'alto Medioevo oratori presso vari insediamenti ed edifici di culto eretti in luoghi di sepoltura, che fanno supporre una consistente diffusione di chiese private. L'appartenenza diocesana delle località ticinesi risultò dai legami con le sedi episcopali all'origine dell'evangelizzazione, Milano e Como, che rimasero in concorrenza per il controllo del territorio fino all'XI secolo, quando si stabilizzò il confine destinato a durare (con puntuali adattamenti) fino al XIX secolo. La dedicazione di alcune chiese, la partecipazione a fraternità di preghiera e i possessi fondiari testimoniano l'influsso di monasteri nordalpini (Disentis, Pfäfers), mentre i grandi conventi lombardi crearono in qualche caso dei centri per la vita religiosa locale erigendo chiese dove si concentravano le loro proprietà (come ad esempio nella curtis di Agnuzzo).

Probabilmente già in epoca carolingia, come nell'intera area lombarda, le principali chiese pubbliche (Balerna, Riva San Vitale, Agno, Lugano, Tesserete, Locarno, Bellinzona, Biasca e forse Olivone) divennero i fulcri della distrettuazione per Pievi. Questa forma di organizzazione territoriale della cura delle anime sopravvisse fino all'epoca moderna, ma fu progressivamente affiancata da una rete di parrocchie sorte per iniziativa dei fedeli: la disgregazione del piviere di Biasca avvenne già nel XIII secolo, in altre circoscrizioni invece il distacco delle parrocchie iniziò nel XV secolo. Nel basso Medioevo le chiese dei villaggi erano i centri della vita associativa, la religiosità aveva una forte componente collettiva e l'organizzazione dei servizi religiosi rientrava fra i compiti dei comuni. Attraverso la dotazione di chiese e benefici essi puntavano a ottenere il patronato e il diritto di elezione dei curati, per controllare le risorse materiali delle chiese e l'operato del clero, allo scopo di soddisfare le esigenze dei fedeli: officiatura regolare e presenza costante di sacerdoti per impartire i sacramenti legati alla nascita e alla morte.

L'antica chiesa prepositurale di S. Maria Assunta di Torello; fotografia realizzata da Rudolf Zinggeler attorno al 1920 (Biblioteca nazionale svizzera, Archivio federale dei monumenti storici, Collezione Zinggeler).
L'antica chiesa prepositurale di S. Maria Assunta di Torello; fotografia realizzata da Rudolf Zinggeler attorno al 1920 (Biblioteca nazionale svizzera, Archivio federale dei monumenti storici, Collezione Zinggeler). […]

Sin dal XII-XIII secolo il sentimento religioso si espresse anche con l'adesione a ordini regolari e movimenti religiosi in loco. Nei borghi e in vari villaggi sorsero case di umiliati e umiliate, mentre nelle valli di Blenio e Leventina si costituirono, senza seguire regole ben determinate, comunità maschili e femminili presso gli ospizi, molti dei quali ricaddero nel basso Medioevo sotto il controllo dei comuni. In relazione con le vie di transito si poneva anche la fondazione dei conventi benedettini di Quartino (XI secolo) e di Giornico (XII secolo), così come della commenda gerosolimitana di Contone (XII secolo). L'offerta di assistenza spirituale a Lugano e Locarno si accrebbe già nel 1230 ca. con l'insediamento di francescani conventuali, e pure la prepositura di Torello, fondata nel 1217 con una regola propria, pare avere assunto compiti di cura d'anime nelle località circostanti.

Le iniziative comunali si moltiplicarono alla fine del Medioevo: il Consiglio di Bellinzona sostenne ad esempio la fondazione dei conventi degli agostiniani (1444/45) e dei francescani osservanti (1484/85), finanziò la costruzione della nuova pievana e di altre chiese e stipendiò regolarmente frati predicatori in alcuni periodi dell'anno liturgico; a più riprese il comune collaborò anche con gli inquisitori lombardi nella repressione di pratiche eterodosse. Il clima devozionale fu marcato dalle ripetute apparizioni mariane, che portarono fra l'altro alla creazione del santuario della Madonna del Sasso (ca. 1480).

La regione non rimase peraltro estranea alle idee riformate, a cui aderì nei primi decenni del XVI secolo una parte dei ceti più agiati; dopo l'esilio imposto ai membri della comunità evangelica di Locarno nel 1555, rifugiatisi specialmente a Zurigo, la vigilanza delle autorità ecclesiastiche e l'azione politica dei cantoni cattolici impedirono però il radicamento della Riforma.

Dalla seconda metà del XVI secolo le strutture locali furono oggetto di decisi interventi dei vescovi di Milano e Como, miranti all'applicazione delle norme tridentine. I prelati riformatori, a partire da Carlo Borromeo, Giovanni Antonio Volpe e Feliciano Ninguarda, rafforzarono il controllo sul territorio, ravvivando l'istituto della visita pastorale, organizzando le gerarchie diocesane e creando figure di raccordo tra i centri episcopali e le periferie (vicari foranei, visitatori e provisitatori). Le resistenze locali e i conflitti giurisdizionali con i cantoni confederati (provvista beneficiaria, giurisdizione sul clero, gestione dei patrimoni delle chiese, cause matrimoniali e "miste") resero difficoltosa la Riforma cattolica, che produsse risultati tangibili dal tardo XVI secolo, lentamente, in modo non uniforme e senza cancellare del tutto l'impronta comunalistica delle chiese locali. Essa fu comunque attuata toccando tutte le componenti dell'organismo ecclesiastico: il clero ricevette sempre più regolarmente una formazione seminariale, mentre i laici venivano istruiti alla dottrina e alla disciplina nelle scuole parrocchiali e nelle nuove confraternite, strumenti di inquadramento e anche di aggregazione sociale. Nel contempo i vescovi incoraggiarono la partecipazione a riti e sacramenti con la creazione di nuove parrocchie.

L'introduzione di nuovi ordini regolari fu dapprima funzionale agli interventi riformatori e in seguito essi divennero una componente essenziale del panorama locale, come esemplifica il caso degli oblati di S. Ambrogio, dapprima inviati a esercitare il ministero pastorale nelle parrocchie e poi, dal 1616, residenti stabilmente nel collegio di Ascona. Particolarmente precoce e diffusa fu la presenza dei cappuccini (al Bigorio dal 1535 e poi in altre cinque località), che rilanciarono la spiritualità francescana, e quella delle orsoline (attestate in piccole comunità già nel XVI secolo), movimento che permise alle donne di realizzare una vocazione religiosa pur senza votarsi alla clausura. Nei baliaggi si insediarono anche conventi maschili e femminili degli agostiniani, dei benedettini (dall'VIII secolo), dei francescani, dei serviti, (dal 1451) dei somaschi (dal 1598/1608) e, per un periodo meno prolungato, dei gesuiti; diversi fra questi ordini e congregazioni ebbero un ruolo di primo piano, oltre che nell'ambito più strettamente religioso, nell'istruzione e nell'avviamento dei giovani della regione alla carriera ecclesiastica. Accanto alla presenza regolare stabile sul territorio, ebbero luogo opere missionarie in regioni periferiche, e dal XVII secolo è attestata in modo consistente anche la pratica eremitica.

Le manifestazioni esteriori della religiosità erano improntate allo sfarzo delle cerimonie e delle decorazioni, in un contesto in cui la partecipazione ai riti compenetrava la dimensione personale e quella collettiva. L'approfondimento delle forme devozionali prescritte produsse anche qualche eccesso, sfociato in espressioni di misticismo smodato e in casi di "falsa santità". Si allacciavano almeno in parte al genere di religiosità dell'epoca, incline a ricercare esasperatamente la presenza del divino e del demoniaco, anche le ondate di persecuzione della stregoneria, particolarmente intense nelle Tre Valli Ambrosiane nel XVI e XVII secolo, ma riscontrabili in tutti i baliaggi e protrattesi fino a XVIII secolo inoltrato (l'ultimo processo per stregoneria è attestato a Lugano nel 1759).

Cultura e istruzione

I tratti caratterizzanti le forme originali di cultura dei territori dell'arco alpino e prealpino vanno inquadrati nel più vasto contesto unitario del contado gravitante intorno ai centri metropolitani e i monasteri lombardi, polo di irradiazione spirituale e artistica su queste terre.

Le prime testimonianze intorno alla diffusione della scrittura sono costituite da modeste iscrizioni sepolcrali latine incise su lapidi di marmo risalenti al VI secolo, rinvenute sia nel Sopraceneri (a Muralto, nella chiesa di S. Vittore), sia nel Sottoceneri (a Sagno, dove era presente un presidio goto, e a Riva San Vitale nell'area del battistero paleocristiano di S. Giovanni). Tuttavia, è solamente dall'VIII-IX secolo che risulta attestata una certa familiarità con la pratica scrittoria da parte della popolazione locale maschile, in coincidenza con la diffusione nell'Italia superiore longobarda-franca della redazione di atti notarili di diritto privato. Il nucleo di carte afferenti l'attività di un gruppo familiare come quello già citato di Totone da Campione costituisce una rara testimonianza intorno al grado di istruzione di un'élite aristocratica in condizione di leggere, scrivere e comunque dettare al notaio i termini della propria volontà, come la donazione dell'oratorio privato di S. Zeno alla chiesa milanese di S. Ambrogio (777). Un ruolo di avvicinamento dei fedeli alla scrittura è svolto anche dalle pitture murali in numerosi edifici sacri del territorio. Affreschi con scritte per l'identificazione di santi e altri personaggi sono presenti dall'XI secolo ad esempio nelle chiese di Dino, Negrentino (Prugiasco), Sorengo, Muralto; dal XIII secolo si registrano scritte più complesse con invocazioni, citazioni bibliche, formule augurali, quali quelle degli affreschi di Torello, Rovio, Cademario e Giornico.

Copia manoscritta degli statuti della Vallemaggia, realizzata nel 1718 da Giovanni Giumino, notabile di Giumaglio (Archivio di Stato del Cantone Ticino, Bellinzona).
Copia manoscritta degli statuti della Vallemaggia, realizzata nel 1718 da Giovanni Giumino, notabile di Giumaglio (Archivio di Stato del Cantone Ticino, Bellinzona). […]

Dal XIII secolo, in concomitanza con la nuova organizzazione del contado in giurisdizioni comunali, si assistette a una sorta di rivoluzione culturale che modificò nel profondo i modi di relazionarsi alla scrittura. La vita economica e sociale, anche gli atti di vita quotidiana meno significativi, furono da allora regolati tramite scritture pubbliche con forza giur., come gli statuti di valle e gli atti redatti da notai, che, capillarmente presenti sul territorio (ne sono censiti una trentina in val di Blenio, così come in Leventina, tra lo scorcio del XII secolo e la fine del XIII), esercitavano nel contempo le pubbliche funzioni di giudice, caneparo, avogadro, console della vicinia. A incrementare le necessità di scrittura contribuiscono il rafforzamento delle relazioni con i centri del potere ducale e il maggior volume di scambi e commerci in borghi in espansione come Locarno, Bellinzona e Lugano. La formazione dei "letterati", in condizione di leggere e scrivere il latino, così come fare di conto, era assicurata da una rete di scuole pubbliche comunali presenti su tutto il territorio ducale. Particolarmente documentata nel XIV-XV secolo è la scuola di Bellinzona, tenuta da maestri laici e strutturata sull'arco di 10-12 anni: grazie a un sistema di istruzione differenziato nelle tre classi di grammatica, umanità e retorica, era consentito ai giovani provenienti anche dal contado di acquisire cognizioni per accedere alla professione notarile, assumere compiti nella pubblica amministrazione, svolgere attività commerciali, come pure esercitare il sacerdozio e intraprendere carriere politiche ai più alti livelli. Tra gli oltre 1000 alunni che frequentarono la scuola bellinzonese nel XV secolo figura anche il cancelliere Giovanni Molo, ben inserito nell'apparato amministrativo lombardo, in relazione con letterati e umanisti del tempo.

Il latino rimase a lungo la lingua di riferimento per la stesura di atti ufficiali da parte di notai e cancellieri, anche se nel tardo Medioevo l'uso dei dialetti risulta prevalente nella comunicazione parlata. Nel XV secolo, sempre ad opera di "professionisti" della scrittura, si ebbero le prime aperture al volgare, che si affermò gradualmente come la lingua maggiormente utilizzata nella corrispondenza diplomatica dell'amministrazione ducale milanese dislocata nei centri maggiori e minori del contado, così come nell'ambito della gestione politica e amministrativa delle comunità locali, in cui si registrano alcuni casi di testi statutari redatti in volgare. Nel secolo successivo, con il distacco da Milano e il definitivo passaggio dei territori sudalpini sotto la dominazione dei cantoni svizzeri, si assiste alla progressiva estensione del volgare alla scrittura di atti ufficiali dell'amministrazione, della giustizia, di alcune parti degli stessi atti notarili; l'italiano divenne lingua d'uso anche nei raffinati ambiti della scrittura letteraria, dove si alternava al latino ad esempio negli epistolari di umanisti come il luganese Francesco Ciceri.

Nel contempo, gli ultimi decenni del XVI secolo si caratterizzarono per l'avvio di un più marcato processo di alfabetizzazione, che, protratto per tutto il periodo balivale, coinvolse strati sempre più larghi della popolazione, includendo anche donne e abitanti delle valli più discoste, compresa la regione dei laghi prealpini, con forte presenza di maestranze artistiche. Un ruolo di primo piano in tale processo di modernizzazione, che segnò il passaggio da una cultura orale di tipo tradizionale - fino allora maggioritaria - a una società letterata, fu svolto dalla Chiesa nel contesto della Riforma cattolica. Attraverso l'azione lanciata dagli arcivescovi di Milano Carlo e Federico Borromeo allo scopo di formare cristiani fedeli ai precetti tridentini, fu creata una fitta rete di piccole scuole parrocchiali, in condizione di farsi carico della crescente domanda di istruzione di base di una larga fetta della popolazione. In età borromaica, a diverse congregazioni religiose (oblati, somaschi, gesuiti, benedettini, serviti) fu poi demandato il compito di fondare istituti per la formazione di giovani di famiglie notabili e di chi si avviava alla carriera ecclesiastica: i collegi Papio ad Ascona (1584), di S. Antonio a Lugano (1608-1852), dei padri gesuiti e benedettini a Bellinzona (1646-75), di S. Giovanni a Mendrisio (1644-1786), nonché il seminario di S. Maria a Pollegio (1622). A Lugano, l'istruzione femminile fu assicurata dal 1747 dalle suore cappuccine di S. Giuseppe. Le scuole conventuali, inserite nel circuito italiano dei collegi per nobili, godettero di buona fama pure all'estero, chiamando studenti anche dalla Lombardia, fra cui il giovane Alessandro Manzoni, allievo dei somaschi di S. Antonio a Lugano nel 1796-98. A questi collegi, così come ad altri monasteri, quale quello luganese di S. Maria degli Angeli, erano inoltre aggregate le maggiori biblioteche presenti sul territorio.

Il completamento degli studi di grado superiore, sia per gli ecclesiastici che per coloro che si dedicavano alle libere professioni di avvocato, medico o ingegnere, avveniva generalmente fuori dai confini dei baliaggi. Alcuni si trasferivano nelle città confederate di lingua tedesca o della Germania, ma i più guardavano ai centri di formazione della Lombardia. Il Collegio Elvetico, istituito a Milano nel 1579 da Carlo Borromeo, insieme ad altri seminari lombardi costituì a lungo il principale riferimento per i religiosi, mentre la formazione dei laici fu assicurata dall'Università di Pavia. Dalla sua fondazione nel 1776, l'Accademia di Brera a Milano svolse un ruolo essenziale per la formazione dei numerosi artisti e architetti ticinesi.

L'Italia, in un contesto di strettissimi legami economici e sociali, oltre che artistici, permase per tutta l'epoca moderna anche il naturale approdo culturale dei letterati, in massima parte ecclesiastici. Buona fama ottennero nei circoli letterari italiani del XVIII e XIX secolo poeti prolifici come i padri somaschi luganesi Gian Pietro Riva e Francesco Soave, quest'ultimo distintosi anche quale educatore, o il gesuita di Morcote Girolamo Ruggia. Dalla metà del XVIII secolo, grazie all'attività della tipografia Agnelli, prima editrice di libri e giornali destinati non solo al mercato locale (fra cui specialmente le Nuove di diverse corti e paesi, periodico noto anche come Gazzetta di Lugano, nome ufficiale dal 1797), Lugano si qualificò quale centro di irradiazione culturale verso l'Italia e altre nazioni d'Europa. La vocazione editoriale del Ticino, dove si godeva di una maggiore libertà di stampa rispetto ai confinanti Stati italiani, fu poi ripresa da altre stamperie durante la stagione risorgimentale del XIX secolo (Tipografia elvetica).

Arte

In Ticino le testimonianze preromaniche sono per lo più archeologiche o frammentarie, salvo il battistero di Riva San Vitale (fine V-inizio VI secolo). Molto diffusa sul territorio, l'architettura romanica di ispirazione lombarda, ma dallo stile più semplice, si caratterizza per l'uso di materiali locali. Tra gli edifici spiccano la chiesa prepositurale di Biasca e quella di S. Nicolao a Giornico e tra gli affreschi il Cristo risorto (XI-XII secolo) a Prugiasco e il Cristo crocifisso (1010-30) nel battistero di Riva San Vitale.

Le novità giottesche si riscontrano specialmente a Brione (Verzasca), Ravecchia (chiesa di S. Biagio) e Castel San Pietro ("chiesa rossa"). Il tardogotico di S. Maria in Selva a Locarno e di S. Maria della Misericordia ad Ascona manifesta evidenti rapporti con la raffinata produzione libraria milanese, mentre di gusto più popolare e didattico sono le opere delle botteghe dei Seregnesi e dei da Tradate.

Scene della vita e della Passione di Cristo; affreschi sul tramezzo dell'antica chiesa francescana di S. Maria delle Grazie a Bellinzona, attribuiti alla bottega milanese della famiglia Scotto, 1513-1515 (Ufficio dei beni culturali, Bellinzona).
Scene della vita e della Passione di Cristo; affreschi sul tramezzo dell'antica chiesa francescana di S. Maria delle Grazie a Bellinzona, attribuiti alla bottega milanese della famiglia Scotto, 1513-1515 (Ufficio dei beni culturali, Bellinzona). […]

La tradizione migratoria delle Maestranze artistiche, altamente specializzate nel settore dell'edilizia e dell'arte, dedite sin dal Medioevo a un'emigrazione stagionale in Italia e poi estesa a tutta l'Europa, lasciò raramente opere monumentali in patria. In Ticino fu per contro regolare la presenza di prestigiosi artisti italiani. Almeno uno degli autori lombardi delle carte dipinte di casa Ghiringhelli a Bellinzona (oggi presso il Museo del Castel Grande) realizzò ritratti ideali in piena consapevolezza rinascimentale (1470-80), rilevabile anche nel santuario della Madonna del Sasso, dove forse lavorò il Bramantino (Fuga in Egitto, ca. 1520). Nella chiesa di S. Maria degli Angeli a Lugano spicca la Passione e crocifissione di Cristo di Bernardino Luini (1529).

L'influenza della Riforma cattolica e del manierismo è riscontrabile in Ticino nei pochi edifici monumentali in stile classicista (chiesa di S. Croce e palazzo com. a Riva San Vitale), ma soprattutto nei numerosi dipinti sacri, spesso di autori lombardi (Camillo Procaccini, pittori della cerchia di Pier Francesco Mazzucchelli detto il Morazzone, fra cui Isidoro Bianchi, e di Giovan Battista Crespi detto il Cerano). Oltre alle opere commissionate direttamente, si trovano in Ticino anche dipinti, italiani e più raramente fiamminghi o tedeschi, importati dagli emigranti. Alcuni altari lignei a sportelli di autori tedeschi o confederati del XV-XVI secolo furono invece venduti dai riformati alle parrocchie cattoliche (quale il polittico di provenienza sveva di Ivo Strigel a Osogna).

Tra gli artisti barocchi di origine locale ma attivi prevalentemente fuori dal Ticino si distinsero Giovanni Battista Discepoli a Milano, Giovanni Battista Carlone specialmente a Genova e Giovanni Serodine e Pier Francesco Mola a Roma. Esponenti significativi del primo barocco pittorico furono l'autore anonimo detto Maestro della natività di Mendrisio così come Francesco e Innocenzo Torriani; il caso di questi ultimi è esemplare di un fenomeno artistico tipico del Ticino, per cui emigravano le opere, quando non lo facevano gli artisti.

Gran parte dell'architettura barocca ticinese è visibile all'estero, come nel caso delle opere di Carlo Maderni e Francesco Borromini che, affermatisi a Roma, non lasciarono tracce in Ticino. Nella regione diversi edifici ecclesiastici furono rinnovati e aggiornati tra XVII e XVIII secolo, ma in molti casi con interventi moderati, usando a profusione marmi variegati, come quello di Arzo, e pregevoli stucchi. Continuarono a essere rari e poco appariscenti gli edifici civili: alcuni palazzi urbani e rare ville con giardini spiccavano tra le case borghesi di modesta struttura, spesso inscindibili dai locali di uso contadino o mercantile.

La tradizione migratoria raggiunse il suo apice nel XVIII secolo, con Domenico Trezzini a San Pietroburgo e molti altri artisti ticinesi, che elaborarono con infinite variazioni le regge e le chiese rococò di tutto il continente, e perdurò fino al XIX secolo, tra l'altro con Domenico Gilardi. Tra i pittori si distinse Giuseppe Antonio Petrini, che operò specialmente in patria. Nel solco della grande "scuola" italiana dell'affresco monumentale si inserirono alcuni artisti ticinesi, come i Colomba, gli Orelli e i Torricelli, e italiani, fra cui i Carlone di Scaria (val d'Intelvi), imparentati con famiglie del Ticino meridionale, dove furono attivi. Tra i principali esponenti del primo neoclassicismo europeo si distinguono Simone Cantoni e Giocondo Albertolli.

Stato e vita politica nel XIX e XX secolo

Le idee illuministe e della Rivoluzione francese, diffuse in Ticino specialmente dalla tipografia Agnelli attraverso la Gazzetta di Lugano e da Giuseppe Vanelli, suo redattore dal 1788, furono recepite da una parte della classe dirigente sudalpina. Alcuni dei suoi membri sollecitarono riforme dell'antiquato sistema balivale, appoggiati in parte da esponenti dei cantoni sovrani favorevoli a un assolutismo illuminato (quale Karl Viktor von Bonstetten). Questo movimento, tardivo e inefficace, non produsse alcuna riforma e fu superato dall'avvio della Rivoluzione elvetica.

Storia politica e costituzionale

La costituzione della Repubblica Cisalpina (29.6.1797), che aspirò in un primo tempo ad annettere le terre svizzere di lingua italiana, e lo scoppio della Rivoluzione elvetica (gennaio 1798) furono seguiti dal progressivo delinearsi nei baliaggi italiani di tre schieramenti principali. I fautori della conservazione dell'ordinamento politico e sociale vigente si contrapponevano ai promotori di una sua innovazione, divisi tra una maggioranza di favorevoli alla permanenza nella Confederazione ("Liberi e Svizzeri" o filoelvetici) e una minoranza di partigiani dell'adesione alla Cisalpina ("patrioti" o filocisalpini), presenti nel Sottoceneri. Il 15.2.1798, in seguito al tentativo di questi ultimi di impadronirsi di Lugano, respinto dal locale Corpo dei volontari, di orientamento filoelvetico, il borgo proclamò la propria libertà e indipendenza, riconosciuta dai cantoni sovrani. Da Lugano il moto emancipatore si diffuse subito a Mendrisio e baliaggio (15 febbraio), dove sembrarono imporsi all'inizio i fautori dell'adesione alla Confederazione, e al resto dei territori sudalpini. La libertà fu così accordata dai cantoni sovrani anche ai baliaggi di Locarno (6 marzo), Vallemaggia (21 marzo) e di Bellinzona, Blenio e Riviera (4 aprile), mentre la Leventina ottenne l'uguaglianza giuridica in seno al canton Uri (14 marzo).

La levata del Corpo dei volontari di Lugano nel 1797. Disegno a penna acquerellato di Rocco Torricelli (Museo d'arte della Svizzera italiana, Lugano, Collezione Città di Lugano).
La levata del Corpo dei volontari di Lugano nel 1797. Disegno a penna acquerellato di Rocco Torricelli (Museo d'arte della Svizzera italiana, Lugano, Collezione Città di Lugano). […]

La formazione del cantone (1798-1830)

Il 12.4.1798, con la nascita della Repubblica elvetica e il prevalere, sul piano cantonale e internazionale, dell'opzione filoelvetica, l'emancipazione dei baliaggi portò alla creazione dei cantoni di Lugano e Bellinzona, che sin dalla loro costituzione le autorità elvetiche pensavano di unificare con il nome di Ticino. Le comunità locali, estranee le une alle altre e fedeli al modello segmentato delle vicinanze autonome, degli enti corporativi e dei vincoli collettivi, erano restie a formare un unico corpo politico secondo una concezione statale moderna. Indifferente ai principi proclamati dall'Elvetica, la popolazione era ostile agli obblighi imposti dal nuovo Stato (tributi fiscali e leva militare) e a qualsiasi innovazione in ambito religioso, compresa la libertà di culto. Il rifiuto dei principi rivoluzionari spiega anche l'opposizione a una possibile aggregazione alla Cisalpina. L'ostilità al nuovo regime si manifestò nel 1799 con torbidi e violenze a Lugano e un'insurrezione antifrancese in Leventina. Il periodo dell'Elvetica fu così segnato da una grande instabilità istituzionale, riscontrabile specialmente nel Sottoceneri nel rapido avvicendarsi delle autorità esecutive e dei prefetti in seguito al mutamento dei rapporti di forza tra i diversi schieramenti, e dalle difficoltà delle istituzioni di esercitare un effettivo controllo del territorio.

Fu l'Atto di mediazione (1803) a sancire la nascita del canton Ticino, dotato per volontà di Napoleone Bonaparte di una Costituzione simile a quella degli altri cantoni di recente formazione. La Costituzione del 1803 istituiva una "democrazia governata", basata sul sistema rappresentativo, sulle elezioni indirette e su un elevato censo di eleggibilità che consegnava il potere nelle mani dei notabili. La cittadinanza attiva era inoltre riservata ai soli membri dei comuni patriziali o patriziati.

Il cantone fu suddiviso in otto distretti, corrispondenti ai baliaggi, in 38 circoli che fungevano da circondari elettorali, e in ca. 250 comuni, eredi delle vicinanze. L'esercizio della sovranità fu delegato al Gran Consiglio (110 membri), che si limitava però a votare le leggi proposte dall'esecutivo. Solo un deputato per circolo era eletto direttamente; gli altri 72 erano tirati a sorte tra i nominativi indicati dalle assemblee di circolo. Il potere esecutivo era esercitato da un Piccolo Consiglio costituito da nove membri, eletti dal Gran Consiglio, al quale continuavano ad appartenere. Durante la Mediazione il governo, nel quale spiccava la figura di Vincenzo Dalberti, si adoperò per dare organicità alle strutture statali e per diffondere uno spirito pubblico che facesse riconoscere il cantone quale patria comune dei Ticinesi.

Nel marzo e nel luglio del 1814 il Gran Consiglio tentò una revisione moderatamente liberale della Costituzione (uguaglianza dei diritti, separazione dei poteri, elezione diretta del legislativo rafforzato rispetto al governo), stroncata dall'intervento delle potenze europee. Una parte degli elettori ticinesi reagì con un'insurrezione, culminata nella riunione a Giubiasco di un congresso dei deputati dei circoli (25-30.8.1814) e nella nomina da parte di quest'ultimo di una Reggenza provvisoria (esecutivo) e di un Consiglio cantonale (legislativo). Il fallimento di questi moti fu seguito dall'adozione della Costituzione del 17.12.1814. Il Gran Consiglio fu ridotto a 76 membri: ogni circolo eleggeva un deputato, mentre gli altri 38 erano designati con procedura complessa. Per attenuare le rivalità regionali fu stabilita l'alternanza sessennale del capoluogo tra Bellinzona, Locarno e Lugano. Dal governo di 11 membri (Consiglio di Stato) furono esclusi gli ecclesiastici. Questo ordinamento, caratterizzato da un esecutivo forte, fu detto regime dei Landamani, dal nome della funzione riservata al capo del governo. Fu personificato da alcuni notabili che monopolizzarono la carica, in particolare Giovanni Battista Quadri, e divenne, per gli oppositori, sinonimo di governo dispotico, ostile alle libertà pubbliche e sottoposto a una marcata influenza da parte della Lombardia austriaca.

Continuando una politica iniziata sotto la Mediazione (nel 1810 fu ad esempio ultimata la strada del Monte Ceneri), il cantone investì nella costruzione della rete stradale per unire le diverse parti del Ticino e stimolare gli scambi, fonte principale delle entrate statali (dazi e pedaggi). Nel 1817 entrò in vigore il Codice penale, mentre quello civile fu adottato solo nel 1837.

Riforme liberali e lotte partitiche (1830-1875)

Il regime dei Landamani suscitò un diffuso malcontento, a partire dalla nascente corrente liberale, che si stava sviluppando attorno ad alcuni notabili dei principali centri e rivendicava libertà pubbliche, separazione dei poteri e pubblicità degli affari statali, fino al clero, escluso dal potere esecutivo e giudiziario e inquieto per il crescente controllo del governo sulla Chiesa.

Contro il volere del Landamano Quadri, il Gran Consiglio votò il 23.6.1830 una riforma della Costituzione, ratificata dalle assemblee popolari il 4 luglio: in leggero anticipo anche sugli eventi internazionali, il Ticino diede quindi il via sul piano nazionale alle riforme costituzionali della Rigenerazione. La nuova Carta sanciva la pubblicità degli atti governativi e parlamentari, la separazione netta dei poteri, l'elezione diretta dei deputati, il referendum costituzionale, il diritto di petizione e la libertà di stampa. Furono aumentati i poteri del parlamento (114 membri) rispetto al governo (nove membri, tra i quali poteva trovarsi un ecclesiastico). Restarono inevasi alcuni postulati democratici: il suffragio universale maschile o l'uguaglianza dei diritti civici. Sussistevano infatti i vincoli censitari, il requisito patriziale e ostacoli legali all'esercizio dei diritti politici fuori dal comune di origine.

Dalle divergenze sul ruolo dello Stato e sulla natura delle riforme sorsero dopo il 1830 i due partiti storici: i liberali o radicali (più tardi liberali radicali) e i moderati o conservatori. I radicali, tra i quali spiccava Stefano Franscini, volevano uno Stato efficiente e unificatore, che limitasse i particolarismi e le ingerenze della Chiesa nella società civile, in grado di guidare la trasformazione del Paese, promuovendo l'istruzione pubblica e lo sviluppo economico. I conservatori difendevano uno Stato economo, rispettoso delle tradizioni, delle autonomie locali e delle prerogative ecclesiastiche. I radicali si impadronirono del potere con un sollevamento armato nel dicembre del 1839 e lo difesero da un tentativo controrivoluzionario nel luglio del 1841. Iniziò una stagione politica caratterizzata da violenze, giustizia sommaria e colpi di mano armati. Il voto palese nelle assemblee di circolo era fonte di tafferugli, brogli e condizionamenti clientelari dell'elettorato. Spesso per sedare le violenze politiche dovettero intervenire dei commissari federali (1855, 1870, 1876, 1889, 1890).

"Funerale del Buon umore"; caricatura politica anonima apparsa il 27.12.1860 sul giornale satirico Il buon umore, di tendenza radicale anticlericale (Archivio di Stato del Cantone Ticino, Bellinzona).
"Funerale del Buon umore"; caricatura politica anonima apparsa il 27.12.1860 sul giornale satirico Il buon umore, di tendenza radicale anticlericale (Archivio di Stato del Cantone Ticino, Bellinzona). […]

Cattolico ma governato dai radicali, nel 1847 il Ticino si schierò contro il Sonderbund e mobilitò 3000 uomini; comandate da Giacomo Luvini-Perseghini, le truppe ticinesi furono sconfitte ad Airolo in un attacco a sorpresa da Urani e Vallesani. L'anno successivo il cantone respinse la Costituzione federale, soprattutto perché, privandolo delle entrate doganali, lo costringeva a introdurre le imposte dirette. Rafforzatasi dopo il 1850, l'opposizione alla politica dei radicali nasceva, oltre che dalle difficoltà economiche e finanziarie, dalla reazione alle iniziative anticlericali: soppressione dei conventi e incameramento dei loro beni per finanziare la pubblica istruzione (1852), laicizzazione dell'insegnamento (1853), ingerenza statale nelle questioni di culto ed esclusione del clero dalla vita politica (1855).

Sorse pure dopo il 1850 un movimento democratico che reclamava il suffragio universale e la democrazia diretta e accusava i governanti di potere personale. Questi ultimi si sbarazzarono delle opposizioni coalizzate (alleate nel cosiddetto movimento fusionista) con il Pronunciamento del 1855. Lo Stato federale intervenne imponendo l'abolizione del vincolo patriziale per la cittadinanza attiva (1858) e del censo elettorale (1863). Si ritiene che i due impedimenti escludessero dai diritti politici ca. un quinto dell'elettorato, concentrato in particolare nel Sottoceneri dove le proprietà fondiarie erano di dimensioni maggiori e prevaleva la mezzadria. Dopo l'elezione in Consiglio federale di Franscini (1848-57) e poi di Giovan Battista Pioda (1857-64), indice e stimolo all'integrazione del Ticino nello Stato federale, i liberali radicali stentavano a trovare personalità in grado di guidare il governo.

Dalle riforme respiniane al sistema proporzionale (1875-1922)

Intorno al 1870 i liberali radicali tentarono di mantenersi al potere difendendo strenuamente il sistema rappresentativo e il voto palese in assemblea, contro gli strumenti della democrazia referendaria e la segretezza del voto. Un atteggiamento dettato dalla volontà di salvaguardare la funzione trainante dello Stato nel processo di modernizzazione del Paese, mentre i conservatori contavano sul referendum per frenare il processo centralizzatore. Conquistata la maggioranza parlamentare nel 1875, rafforzata nelle elezioni del 1877, i liberal-conservatori, guidati da un leader carismatico e intransigente come Gioachimo Respini, inaugurarono una politica di "Nuovo Indirizzo", attraverso una serie di riforme costituzionali: nel 1875 il voto segreto e per comune, il diritto di voto per i cittadini svizzeri domiciliati e l'iniziativa popolare costituzionale; nel 1878 la fissazione del capoluogo stabile a Bellinzona (effettiva dal 1881); nel 1883 una riorganizzazione giudiziaria e l'introduzione del referendum facoltativo. Oltre a sopprimere le disposizioni legislative anticlericali, i conservatori si fecero promotori delle prime rimostranze nei confronti della Confederazione, denunciando una centralizzazione che riduceva l'autonomia dei cantoni e minacciava la minoranza italofona.

Allegoria della Repubblica e Cantone Ticino. Particolare della volta della sala del Gran Consiglio a Bellinzona, dipinta a tempera nel 1899 da Adelchi Maina (Ufficio dei beni culturali, Bellinzona; fotografia Stefania Beretta, Giubiasco).
Allegoria della Repubblica e Cantone Ticino. Particolare della volta della sala del Gran Consiglio a Bellinzona, dipinta a tempera nel 1899 da Adelchi Maina (Ufficio dei beni culturali, Bellinzona; fotografia Stefania Beretta, Giubiasco). […]

Tutto ciò sembrava far presagire una pacificazione dello scontro politico: invece non tardarono a sorgere vecchi e nuovi motivi di disputa con l'abituale corollario di tumulti, vendette politiche e iniziative per delegittimare l'avversario. Nel 1880 fu introdotta la ripartizione dei seggi in Gran Consiglio in base alla popolazione residente, invece della rappresentanza fissa per circolo. La riforma segnò la fine del circolo come centro della vita politica locale e generò nuovi conflitti relativi all'allestimento dei cataloghi elettorali (inclusione o esclusione degli emigranti); spinse inoltre i conservatori a usare l'ingegneria elettorale nella delimitazione dei circondari elettorali, in modo da garantirsi una solida maggioranza con uno scarto minimo di suffragi.

In un clima esasperato anche dalle pratiche clientelari, con le quali i due partiti si procacciavano voti e appoggi in cambio di favori e impieghi pubblici, la delegittimazione dell'avversario sfociò in un ultimo mutamento violento del potere, attraverso la Rivoluzione del 1890 il cui esito fu però inatteso: invece di un nuovo dominio dei radicali, il cambiamento di regime sfociò in una riforma elettorale, voluta dalla Confederazione, che obbligò i due partiti a governare insieme. Tanto per il Gran Consiglio e i municipi (1891) quanto per il Consiglio di Stato (1892), eletto non più dal legislativo ma dal popolo, si passò così dal sistema maggioritario a quello proporzionale, di cui il Ticino fu suo malgrado il pioniere in Svizzera.

La sala del Gran Consiglio ticinese nell'antico convento delle orsoline di Bellinzona; fotografia realizzata nel gennaio del 2005, poco dopo la sua ristrutturazione © KEYSTONE / Karl Mathis.
La sala del Gran Consiglio ticinese nell'antico convento delle orsoline di Bellinzona; fotografia realizzata nel gennaio del 2005, poco dopo la sua ristrutturazione © KEYSTONE / Karl Mathis.

Dall'inizio del XX secolo apparve sulla scena politica una terza forza, il partito socialista ticinese (PST), dapprima alleato della sinistra radicale; dopo una crisi interna (1912-13) che rivelò un nuovo leader nella persona di Guglielmo Canevascini, il PST rivendicò a sua volta un ruolo più autonomo e di forza governativa.

La democrazia consociativa alla prova della modernità (dal 1922)

Nel 1920 fu introdotto il circondario unico per l'elezione del Gran Consiglio, mentre nel 1922 fu fissato a cinque il numero di Consiglieri di Stato e fu adottata la cosiddetta formula Cattori, dal nome del suo promotore Giuseppe Cattori, che impediva a un partito privo della maggioranza assoluta dei voti di avere la maggioranza assoluta dei seggi in governo. Si sviluppò così ulteriormente la democrazia consociativa che obbligava i partiti e i loro dirigenti a collaborare, poiché nessuna formazione politica disponeva della maggioranza assoluta nell'esecutivo o nel legislativo. Dal 1927 la composizione partitica del governo rimase immutata per 60 anni: due liberali, due conservatori e un socialista. Il proporzionalismo facilitò le scissioni e la nascita di nuovi partiti, anche se non portò al caos politico prospettato allora dai fautori del maggioritario. Gli anni 1920-30 furono caratterizzati da un'alleanza di fatto tra conservatori, socialisti e, fino al 1927, agrari, nota con il nome di "pateracchio", che permise l'avvento del cosiddetto Governo di Paese (1922-35), ponendo fine alla crisi politica apertasi nel 1919 con la perdita della maggioranza assoluta da parte del partito liberale radicale (PLR) nelle elezioni federali di quell'anno.

Il ventennio 1947-67 fu marcato dalla cosiddetta intesa di sinistra tra PLR e PST, improntata a una politica di riforme economiche e sociali (fiscalità, scuola, opere sociali). L'alleanza si sfaldò progressivamente per effetto di una crescente critica della democrazia consociativa e della lottizzazione partitica che ne derivava, estesasi dall'amministrazione pubblica alla magistratura e al settore parastatale.

La modernizzazione economica e sociale del cantone non fu dunque seguita da chiari mutamenti politici, nonostante il netto aumento degli elettori, in particolare con l'introduzione del suffragio femminile (1969 in Ticino, come quinto cantone svizzero). Nonostante i timori espressi, l'entrata delle donne nel sistema elettorale non sconvolse gli equilibri partitici. Tali equilibri non furono scalfiti nemmeno dai movimenti sociali degli anni 1960-80, che anche nel Ticino portarono alla nascita di forze politiche extraparlamentari, influenzate in parte dalla situazione sociopolitica italiana. La creazione del Partito socialista autonomo (PSA) nel 1969, in seguito a una scissione del PST, fu uno degli accadimenti di maggior rilievo afferenti a queste nuove forze politiche della sinistra "antisistema". Nella legislatura 1987-91 il partito popolare democratico (PPD) perse un Consigliere di Stato a favore del PSA. Con quattro partiti rappresentati in governo, venne meno qualsiasi forza, e logica, di opposizione in parlamento e ciò accentuò le critiche al consociativismo, sullo sfondo di una ridefinizione dei compiti statali.

Dagli anni 1990-2000, anche a seguito di una lunga stagnazione economica, intervenne una fase di incertezza, all'origine dell'erosione di una parte dei fondamenti identitari elvetici. Questo fenomeno fu accompagnato, come altrove, da una crescente disaffezione degli elettori verso i partiti (dimostrata anche dal calo della partecipazione elettorale: 80% nel 1967, 62% nel 2011) e dalla conseguente crisi del sistema politico tradizionale. Tale crisi contribuisce a spiegare il costante rifiuto di alcune opzioni di apertura in politica estera (SEE, accordi bilaterali, ONU) e il successo della Lega dei ticinesi, movimento populista costituito nel 1991, influenzato dalla Lega Nord italiana. Se la Lega ha progressivamente attenuato la sua iniziale critica alla partitocrazia, anche per effetto della sua precoce e crescente integrazione nelle istituzioni, resta dirompente la sua attualizzazione delle tensioni politiche centro-periferia (Berna-Ticino). Ciò ha comportato un mutamento degli equilibri politici cantonali: la Lega ha strappato al PPD (1995) e al PLR (2011) un seggio in governo, composto dal 2011 da due leghisti, un liberale, un popolare democratico e un socialista, ed è divenuta il partito di maggioranza relativa (con quasi il 26% dei voti). Dal 2015, la frammentazione delle forze politiche in Gran Consiglio rende sempre più difficile trovare maggioranze stabili: infatti, soltanto la convergenza di almeno tre partiti consente di ottenere la maggioranza assoluta.

Sul piano giuridico, nel 1967 fu operato un riordino formale della Costituzione cantonale del 1830 e nel 1975 venne modificato l'art. 1 (abolizione della norma che riconosceva la religione cattolica come religione del cantone). Nel 1997 fu adottata una nuova Costituzione, frutto di lavori preparatori durati quasi 20 anni e avversata solo dalla Lega. Tra le novità proposte, la formulazione degli obiettivi sociali, il riconoscimento degli organi della società civile e la soppressione dell'elezione popolare dei magistrati (tranne i giudici di pace). Dalle elezioni cantonali del 2007 è possibile anche in Ticino ricorrere alla scheda senza intestazione, un'innovazione che asseconda la tendenza sempre più diffusa al voto d'opinione a scapito del voto di appartenenza.

Seggi del canton Ticino all'Assemblea federale 1919-2015

 19191935195919671971197919831991199519992003200720112015
Consiglio degli Stati
PLR21111111111111
PPD 111111 111111
Lega       1      
Consiglio nazionale
PLR43334333323322
PPD33333332222222
PS1111111 222211
Lega       2121122
UDC            11
Altri     111      
Totale87778888888888
Seggi del canton Ticino all'Assemblea federale 1919-2015 -  Historische Statistik der Schweiz; Ufficio federale di statistica

Composizione del Consiglio di Stato del canton Ticino 1921-2015

 19211923192719351959198319871991199519992003200720112015
PLR32222222222211
PPD31222212111111
PS 111111 111111
PSA      1       
UDC11            
Lega        111122
Altri       1a      
Totale75555555555555

a Partito socialista unitario.

Composizione del Consiglio di Stato del canton Ticino 1921-2015 -  Historische Statistik der Schweiz; Ufficio federale di statistica; Cancelleria di Stato

Composizione del Gran Consiglio del canton Ticino 1923-2015

 19231935194719591967197119831991199519992003200720112015
PLR2419272926353529302930272324
PPD2422242322313027252323211917
PS8109101112129151516181413
PdL  21222 1     
PSA     68       
UDC73323332136553
Lega       12161611152122
Verdi       1122476
Altri2112 11 10121 15
Totale6565656565909090909090909090
Composizione del Gran Consiglio del canton Ticino 1923-2015 -  Historische Statistik der Schweiz; Ufficio federale di statistica; Cancelleria di Stato

Stato, amministrazione e rapporti con l'esterno

Sviluppo e struttura dell'apparato statale

L'istituzione dello Stato ticinese non corrispose subito a un'effettiva unificazione dei compiti cantonali. Per diverso tempo la visione dello Stato come confederazione di autonomie locali implicò una moltiplicazione degli organi istituzionali a struttura strettamente regionale. Nella fase iniziale del processo di edificazione statale, un ruolo fondamentale nella gestione e nell'unificazione delle varie realtà locali fu svolto dai commissari di governo: nominati in numero di uno per distretto, erano incaricati di stabilire un legame tra l'esecutivo centrale e la periferia, vegliando all'applicazione delle leggi e dei regolamenti. I progressi nella strutturazione e nel consolidamento dell'esecutivo e dell'amministrazione pubblica furono all'origine del graduale esaurimento strutturale della funzione dei commissari di governo, la cui carica fu soppressa nel 1922.

Benché in seguito alla Rigenerazione i compiti dello Stato avessero cominciato a chiarirsi, l'auspicata riforma amministrativa stentò a delinearsi. Nel 1849 si ebbe una prima organizzazione dei Dipartimenti, unità amministrative dell'esecutivo. La definizione, nel 1852, delle competenze degli stessi contemplava già i principali ambiti di gestione dello Stato (interni; giustizia e polizia; militare; pubblica educazione e igiene; pubbliche costruzioni; agricoltura; commercio e beneficenza; finanze; controllo; patrimonio dello Stato e debito pubblico). Le successive riorganizzazioni dell'esecutivo cantonale, sia a livello strutturale sia politico, portarono a divisioni e accorpamenti, significativi dell'evoluzione delle mentalità e dei bisogni sociali (Dipartimento delle opere sociali nel 1959, Dipartimento dell'ambiente nel 1976). Nel 1992 i Dipartimenti, il cui numero gravitava da diversi decenni attorno a dieci, furono ridotti a cinque, corrispondendo così al numero di Consiglieri di Stato. Nel 2011 si contavano i seguenti Dipartimenti: istituzioni; sanità e socialità; educazione, cultura e sport; territorio; finanze ed economia.

Il personale amministrativo dello Stato aumentò con una certa regolarità fino a raggiungere le 1000 unità intorno al 1940. All'inizio degli anni 1960-70 il numero degli impiegati pubblici conobbe però un forte incremento a seguito della creazione degli uffici correlati ai vari Dipartimenti, attestandosi da allora attorno alle 4500 unità in media (docenti esclusi). Il potenziamento dell'amministrazione statale permise di mantenere e ampliare la pratica di individuare in quest'ultima dei bacini clientelari, sviluppatasi a partire dalle strategie familiari di controllo delle cariche pubbliche. In una regione con prospettive lavorative inferiori rispetto a zone economicamente più forti, tali strategie furono applicate nel passaggio dal regime balivale al nuovo Stato cantonale, portando a un'evoluzione dei metodi di controllo elettorale: da sistemi di piccolo credito all'assegnazione di posti di lavoro. Ne fu chiara dimostrazione l'esclusivismo politico diffuso nel XIX secolo, per cui il partito al potere - alternativamente liberale radicale e conservatore - allontanava sistematicamente gli impiegati governativi del partito avverso.

Nella seconda parte del XX secolo le istituzioni parastatali hanno assunto un ruolo importante. La nascita dell'Azienda elettrica ticinese (1958) segnò l'avvio della strutturazione di altri enti: l'Ente ticinese per il turismo (1970), l'Ente ospedaliero cantonale (1982), l'Università della Svizzera italiana (1995), la Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (1997) e l'Azienda cantonale dei rifiuti (2004).

Politica religiosa ed ecclesiastica

La maggioranza della popolazione degli ex baliaggi si mostrò ostile alle innovazioni religiose auspicate dall'Illuminismo e introdotte in loco dalla Repubblica elvetica, sotto forma di libertà di coscienza e di culto e confisca dei beni delle corporazioni religiose. Una delle principali rivendicazioni delle forze politiche e della popolazione alla nascita del cantone fu la garanzia costituzionale della protezione della religione cattolica, iscritta nell'Atto di mediazione del 1803 e confermata dalle successive Carte con una disposizione che riconosceva la religione cattolica come religione del cantone. Tale riconoscimento impegnava lo Stato a proteggere l'autorità della Chiesa in materia dogmatica e spirituale ma affermava altresì la giurisdizione cantonale in materia politico-ecclesiastica. La tradizione svizzera era di impronta giurisdizionalista e riconosceva implicitamente la preminenza dello Stato in quanto sovrano territoriale e il diritto di vigilare sulle istituzioni ecclesiastiche che dipendevano da un'autorità estera.

Catechismo per la diocesi di Como, approvato dalle autorità ecclesiastiche e dal Consiglio di pubblica educazione, stampato a Bellinzona nel 1893 (Biblioteca nazionale svizzera).
Catechismo per la diocesi di Como, approvato dalle autorità ecclesiastiche e dal Consiglio di pubblica educazione, stampato a Bellinzona nel 1893 (Biblioteca nazionale svizzera). […]

Vista l'appartenenza delle parrocchie ticinesi alle diocesi di Como e Milano, si pose sin dal 1803 la questione diocesana. La creazione di una diocesi ticinese si scontrò con l'opposizione dell'Austria (che dal 1815 regnava di nuovo sulla Lombardia ed esercitava l'autorità sulle diocesi di Como e Milano) e con una certa reticenza del clero ambrosiano. L'ingerenza austriaca nel cantone fu uno dei fattori che incoraggiarono l'opera di secolarizzazione intrapresa dai radicali dopo il 1840. Altri aspetti importanti furono la necessità di procurarsi le risorse necessarie alla creazione della scuola pubblica, specialmente degli istituti ginnasiali e letterari, e la convinzione che l'influenza e le prerogative del clero e delle istituzioni ecclesiastiche ostacolassero la modernizzazione dello Stato e della società. Una legge del 1846 poneva le corporazioni religiose sotto sorveglianza statale. In virtù del diritto eminente dello Stato, il cantone soppresse gran parte dei conventi e ne incamerò i beni, per far fronte alla crisi delle finanze pubbliche (1848) e per creare scuole liceali e ginnasiali laiche al posto dei collegi religiosi (1852). La legislazione anticlericale fu completata nel 1855 con misure che anticipavano le tendenze del Kulturkampf: il clero fu privato dei diritti politici e una legge civile-ecclesiastica pose l'esercizio del ministero ecclesiastico e l'amministrazione delle parrocchie sotto rigida sorveglianza governativa; fu inoltre istituito il matrimonio civile obbligatorio e fu secolarizzata la tenuta dei registri anagrafici.

La questione diocesana fu risolta dall'intervento della Confederazione che nel 1859 decretò la soppressione di qualsiasi giurisdizione episcopale estera. L'organizzazione della diocesi ticinese fu definita tra il 1884 e il 1888 per via concordataria, istituendo un'amministrazione apostolica formalmente legata alla diocesi di Basilea, da cui fu staccata nel 1971 per creare la diocesi di Lugano. Sempre nel 1886, la maggioranza conservatrice, concordandola con la curia, elaborò una legge sulla libertà della Chiesa cattolica e sull'amministrazione dei beni ecclesiastici, che sostituiva quella civile-ecclesiastica del 1855.

L'assetto dei rapporti tra Stato e Chiesa, definito allora, rimase quasi immutato fino agli ultimi decenni del XX secolo, nonostante controversie e dibattiti sull'insegnamento religioso nelle scuole pubbliche e sul finanziamento della diocesi (imposta di culto), protrattisi fino all'inizio del XXI secolo. Anche l'insediamento dei primi nuclei riformati, intorno al 1870-80, aveva causato qualche attrito con il clero cattolico.

Il riconoscimento della religione cattolica come religione del cantone, iscritto nella Costituzione cantonale, non aveva più effetti giuridici dal 1874, poiché la Costituzione federale garantiva la libertà di coscienza. Questa disposizione fu modificata solo nel 1975, conferendo anche alla Chiesa riformata la personalità giuridica e la facoltà di organizzarsi liberamente. Apposite leggi regolano i rapporti con la Chiesa cattolica (2002) e con quella riformata (1997), entrambe riconosciute come personalità di diritto pubblico.

Relazioni con gli Stati italiani

Il tracciato dei confini tra Ticino e Stati italiani conobbe dal XVI secolo diverse modifiche; la parentesi costituita dalla Repubblica Cisalpina e la creazione dello Stato unitario italiano chiusero la lunga riorganizzazione confinaria. Nonostante le discontinuità politiche, all'origine di rotture e frammentazioni dei rapporti, permase sul lungo periodo una permeabilità della frontiera che generò forti e specifiche relazioni socio-economiche e culturali.

Furono soprattutto le divergenti evoluzioni politiche degli Stati limitrofi a provocare tensioni diplomatiche, con conseguenze anche di natura sociale ed economica. Un fenomeno tipico della frontiera quale il contrabbando, causato nello specifico dal Blocco continentale, fu all'origine della decisione francese di far occupare il cantone dalle truppe del Regno d'Italia (1810-13), che aveva pure quale scopo di contenere la diserzione dalle truppe napoleoniche. Fu tuttavia il ritorno del dominio austriaco in particolare, con la costituzione del regno Lombardo Veneto (1816), a causare forti frizioni tra i due confinanti, per buona parte correlate alla presenza di esuli politici nel cantone e al sostegno degli ambienti liberali radicali ticinesi alla causa del Risorgimento italiano. La loro attività politica ed editoriale indusse in diverse occasioni l'Austria a protestare con veemenza anche presso la Confederazione, spingendola, con il cantone, a prendere posizione sulla libertà di stampa e sulla presenza degli esuli (ad esempio con il Conclusum sulla stampa e sugli stranieri del 1823 o con quello sul diritto di asilo del 1836).

Se in seguito ai moti liberali e democratici degli anni 1830-40 si procedette a una serie di espulsioni verso l'Italia, fu il ritorno degli Austriaci a Milano nell'agosto del 1848 - dopo le Cinque Giornate del marzo precedente e il conseguente massiccio arrivo di profughi nel cantone - a generare momenti di forte tensione con il Ticino, governato dai radicali. Per ben due volte (1848 e 1853) il cantone sudalpino, accusato di praticare una politica troppo liberale verso i rifugiati, fu colpito dal blocco delle frontiere e da pesanti misure di ritorsione, quali l'espulsione dei Ticinesi dalla Lombardia. Le continue lotte al confine fecero intervenire più volte la Confederazione. I rapporti tra il cantone e la Lombardia si normalizzarono con il ritiro degli Austriaci (1859); tuttavia, la nascita dello Stato unitario italiano (1861) fu accompagnata dall'affermarsi di un nuovo tema, l'Irredentismo, che trovò la sua massima espressione durante il Fascismo.

Malgrado un nuovo afflusso di rifugiati, socialisti e anarchici, dopo i moti milanesi del 1898 e le vicissitudini della prima guerra mondiale, durante la quale prevalse la diffidenza alla frontiera tra Italia e Svizzera, le relazioni tra il Ticino e le regioni confinanti si mantennero tendenzialmente stabili fino all'ascesa al potere del fascismo. Prima e durante la seconda guerra mondiale l'Antifascismo militante di fuorusciti e rifugiati politici, aiutati specialmente dai socialisti ticinesi e in primis da Guglielmo Canevascini, così come le ripetute violazioni della sovranità da parte dei fascisti, furono all'origine di nuove tensioni diplomatiche. Dopo l'armistizio italiano dell'8.9.1943 la frontiera ticinese fu interessata da un cospicuo afflusso di rifugiati e dall'intensificarsi del contrabbando (specialmente riso) dall'Italia.

Il secondo dopoguerra vide il rifiorire di forti relazioni, sociali ed economiche, date sia dalla massiccia presenza dell'immigrazione italiana in Svizzera, sia dai vicendevoli investimenti. Grazie all'afflusso di capitali italiani, Lugano divenne un'importante piazza finanziaria. Su tali aspetti si è sviluppata all'inizio del XXI secolo una grande tensione tra il cantone e la Penisola. Da un lato, si riscontra un malcontento della popolazione ticinese per la massiccia presenza di frontalieri nel cantone e per la mancanza di reciprocità nell'applicazione degli accordi bilaterali I e II (1999, 2004). Dall'altro, si denuncia un'offensiva italiana contro la piazza finanziaria luganese, in nome della lotta all'evasione fiscale (scudi fiscali del 2001, 2003 e 2009).

La creazione nel 1995 della Regio Insubrica, ente che riunisce esponenti istituzionali e privati del Ticino e delle province lombarde di Como, Varese e Verbano-Cusio-Ossola, cui si aggiunsero dal 2006 quelle di Lecco e Novara, con lo scopo di favorire i contatti transfrontalieri, si iscrive nelle relazioni di lungo corso di questo storico "territorio di vita" costituito su un tessuto culturale ed economico in buona parte comune.

Rapporti con la Confederazione

Nel XIX secolo la simultaneità tra il processo di edificazione statale cantonale e la trasformazione dell'alleanza confederata in uno Stato moderno di tipo nazionale furono fonte di contrasti e crisi di assestamento nelle relazioni tra Confederazione e cantone. La riorganizzazione interna al cantone, in cui vigeva un esasperato municipalismo, portava a spinte centrifughe che facevano temere per la coesione del Ticino. L'invio di truppe da parte della Confederazione per sedare tali movimenti e l'immagine negativa nella popolazione che ne conseguì esacerbarono le tensioni, nonostante la chiara volontà del Ticino di restare svizzera.

Tra gli aspetti che caratterizzarono tali contrasti vi fu la difficoltà ad adattarsi alla nuova politica estera, sottratta alla responsabilità cantonale. Significativo fu anche il rifiuto ticinese della Costituzione federale del 1848 per le sue implicazioni finanziarie. La preoccupazione si manifestò ulteriormente, dal 1874, di fronte al processo di unificazione e centralizzazione federale. Nel corso del XIX secolo si svilupparono dunque gli stereotipi elvetici sul Ticino, considerato rissoso e incapace di anteporre gli interessi generali del Paese a quelli locali, e in parallelo si diffusero nel cantone sentimenti germanofobi contro la Svizzera tedesca.

Una nuova fase dei rapporti con la Confederazione prese avvio con l'inaugurazione della galleria ferroviaria del San Gottardo (1882), che segnò la fine dell'isolamento ticinese ed ebbe importanti ripercussioni anche sul piano demografico e culturale. La delusione delle speranze di sviluppo economico riposte in questa apertura fu all'origine delle Rivendicazioni ticinesi (1924, seguite da una seconda serie di desiderata nel 1938), di carattere economico, tariffario e culturale, che trovarono solo parziale soddisfazione.

Nel 1959 il governo cantonale, convinto della vocazione di corridoio di transito del Ticino, protestò vivamente poiché nell'ambito della politica delle strade nazionali, la Confederazione aveva previsto lavori minimi nel Ticino settentrionale ed escluso il traforo del San Gottardo dalla rete autostradale. Oltre alla galleria stradale (inserita nei progetti nel 1964 e aperta al traffico nel 1980), il Ticino chiese un'autostrada a quattro corsie da Airolo a Chiasso. Durante gli anni 1990-2000 sono state avanzate richieste analoghe anche per la linea ferroviaria veloce, che dovrebbe completare la nuova trasversale alpina.

Nel XX secolo il Ticino fu rappresentato con una certa regolarità nel Consiglio federale (Giuseppe Motta, 1911-40; Enrico Celio, 1940-50; Giuseppe Lepori, 1954-59; Nello Celio, 1966-73; Flavio Cotti, 1986-99). L'assenza, dal 1999, di un Ticinese nell'esecutivo federale ha alimentato nuove polemiche nei confronti della Confederazione, in un contesto di crisi economica che, sommata ad altri problemi quali le ripercussioni negative del pur auspicato traffico autostradale, ha alimentato le recriminazioni nei confronti di Berna. Sono particolarmente contestati la politica di apertura all'UE e la crescente concorrenza tra i cantoni che penalizza le regioni periferiche. A questi aspetti va aggiunta la netta diminuzione della presenza dei servizi federali (militare) o parastatali (poste, FFS, telecomunicazioni) in Ticino.

Al fine di promuovere un migliore riconoscimento del cantone in seno alla Confederazione, all'inizio del XXI secolo sembrava affermarsi una nuova via, più costruttiva, che abbinava una maggiore compattezza interna a nuove strategie. Ne sono un esempio l'ottenimento della sede del Tribunale penale federale a Bellinzona (2004) o lo sciopero, in reazione al previsto smantellamento dell'azienda, delle Officine ferroviarie di Bellinzona (2008), sostenuto dalla popolazione e dal mondo politico. Nel 2011 è stata inoltre istituita la carica di delegato cantonale per i rapporti federali, che ha il compito di rappresentare e promuovere gli interessi ticinesi presso le autorità centrali.

Economia, società e cultura nel XIX e XX secolo

Popolazione e territorio

Evoluzione e struttura della popolazione residente

Indicatori sulla migrazione interna dei Ticinesi in Svizzera 1850-1910
Indicatori sulla migrazione interna dei Ticinesi in Svizzera 1850-1910 […]

Dalla fine del XVIII sec. la crescita demografica del cant. (90'000 ab. nel 1798) fu piuttosto regolare, con momenti di stagnazione (intorno al 1880 e al 1920) e periodi di forte incremento (1888-1910, 1950-70), grazie ai saldi migratori dall'Italia. A metà del XIX sec. il divario tra ab. e risorse provocò ondate migratorie che spopolarono le vallate del Sopraceneri, spec. la Vallemaggia e la Verzasca. Fino alla metà del XX sec. la crescita demografica del T. fu inferiore alla media nazionale: dal 5,3% di quella sviz. nel 1798 la pop. ticinese scese al 4,9% nel 1850, al 4,2% nel 1900 e al 3,6% nel 1960, suscitando il timore di un declino etnico, per poi risalire al 4,2% nel 2000, grazie all'immigrazione.

Il tasso di stranieri residenti nel cant. registrò un primo picco nel 1910 con una proporzione del 28%, cui seguì un calo marcato a causa delle guerre mondiali (17% nel 1950) e un'impennata negli anni del boom economico (27% nel 1970) prima di assestarsi all'inizio del XXI sec. su valori fra i più alti in Svizzera (26%).

L'unanimità linguistica ha conosciuto un'erosione (83% di italofoni nel 2000); a seguito di un'immigrazione multietnica nel 2000 erano in crescita le lingue non nazionali (dal 2 al 7% tra il 1970 e il 2000).

Se la proporzione di catt. scese dalla quasi totalità nel 1850 al 76% nel 2000, quella di rif. salì nello stesso periodo dallo 0,2% al 7%. Si registrò pure un aumento di agnostici e appartenenti ad altre comunità religiose: dal 2% nel 1970 al 17% nel 2000. Nel censimento della pop. del 2000 il 7% della pop. si dichiarava senza religione, mentre tra gli altri gruppi religiosi sono cresciuti cristiani ortodossi (2%, in linea con la media nazionale) e mus. (2% contro il 4% della media sviz.), in seguito all'immigrazione dai Balcani e dalla Turchia.

Sviluppo demografico del canton Ticino 1850-2000

AnnoAbitantiPercentuale di stranieriPercentuale di cattoliciPercentuale di protestantiPercentuale di persone di età superiore ai 59 anniPeriodoCrescita complessivaaSaldo naturale relativoaSaldo migratorioa
1850117 7596,6%100,0%  1850-1860-1,1‰0,1‰-1,2‰
1860116 3435,7%99,9%0,1%7,8%1860-18704,4‰-0,7‰5,1‰
1870121 5918,8%98,2%0,2%9,3%1870-18809,0‰5,6‰3,4‰
1880130 39415,4%99,7%0,3%10,3%1880-1888-3,5‰5,5‰-9,0‰
1888126 75114,4%98,8%0,8%11,8%1888-19007,5‰5,4‰2,1‰
1900138 63822,0%98,0%1,6%12,0%1900-191012,0‰7,9‰4,1‰
1910156 16628,2%94,0%2,4%11,3%1910-1920-2,5‰4,2‰-6,7‰
1920152 25621,3%92,3%4,0%11,7%1920-19304,5‰2,4‰2,1‰
1930159 22320,8%91,5%5,1%12,3%1930-19411,5‰1,9‰-0,4‰
1941161 88217,9%92,5%5,6%14,9%1941-19508,7‰4,1‰4,6‰
1950175 05517,2%91,7%6,2%16,5%1950-19605,3‰4,1‰1,2‰
1960195 56618,6%91,3%6,8%17,5%1960-197023,0‰5,5‰17,5‰
1970245 45827,5%89,8%7,8%17,9%1970-19808,0‰2,3‰5,7‰
1980265 89924,9%87,1%8,2%19,9%1980-19905,9‰-0,2‰6,1‰
1990282 18125,6%83,5%8,0%21,6%1990-20007,4‰1,0‰6,4‰
2000306 84625,7%75,9%6,9%23,8%    

a Tasso medio di incremento annuo.

Sviluppo demografico del canton Ticino 1850-2000 -  Censimenti federali; Historische Statistik der Schweiz; Ufficio federale di statistica

Il bilancio demografico evidenzia le trasformazioni tipiche delle società moderne: una riduzione dei tassi di mortalità e di natalità fino a un saldo naturale tendenzialmente negativo e un invecchiamento della pop.

Flussi migratori

Distretti di origine dei Ticinesi emigrati oltreoceano
Distretti di origine dei Ticinesi emigrati oltreoceano […]

Sin dall'epoca moderna il Ticino conobbe migrazioni sia temporanee sia definitive. Lo snodo delle tipologie migratorie si situa a metà del XIX secolo. Se fino a quel momento le migrazioni erano soprattutto di tipo conservativo, mirate al rientro e al miglioramento delle condizioni di vita nella regione, dalla seconda parte del secolo i motivi dell'emigrazione furono soprattutto la miseria e la mancanza di lavoro. Si instaurarono così, accanto alle vecchie, nuove forme migratorie, di massa e definitive, in particolare verso i Paesi d'oltremare (Australia, America del nord e del sud, Africa settentrionale), che persistettero fin verso la seconda guerra mondiale, con alcuni picchi. L'emigrazione oltreoceano raggiunse le punte massime attorno al 1870, verso la fine del XIX secolo e negli anni precedenti la prima guerra mondiale. Si stimano a ca. 50'000 i Ticinesi emigrati verso altri continenti tra il 1850 e il 1930. Tuttavia, l'emigrazione periodica e stagionale restò per buona parte del tempo quella più ricorrente. Elevato fu anche il numero di coloro che si trasferirono nel resto della Confederazione: tra il 1900 e il 1950 crebbe dall'8 al 20% la quota dei residenti oltralpe sul totale degli attinenti ticinesi in Svizzera. Accanto alle tendenze generali, va considerata la differenziazione regionale (Sopra e Sottoceneri, valli) nel ricorso all'una o all'altra forma migratoria.

A cavallo tra il XIX e il XX secolo anche il Ticino, come la Svizzera, cominciò a trasformarsi in Paese d'immigrazione. Con l'apertura della galleria del San Gottardo si assistette all'afflusso importante di Confederati, specialmente di lingua tedesca, attestato attorno alle 5000 persone (3% del totale della popolazione residente) nel censimento del 1910. Questi ultimi giunsero in Ticino generalmente per ricoprire funzioni dirigenziali nell'industria, nel turismo o nelle regie federali. Lo stesso censimento mostrò pure il netto aumento della colonia italiana, che raggiunse i 44'000 membri ca., salendo dal 6% della popolazione residente nel 1871-81 al 28% nel 1910. Manodopera spesso priva di formazione specifica, gli Italiani lavoravano soprattutto nell'edilizia e nell'industria e costituivano in parte un'immigrazione di sostituzione.

Nella seconda parte del XX secolo l'emigrazione massiccia di Ticinesi cessò, mentre aumentò nettamente l'immigrazione, in particolare dall'Italia meridionale; alla fine degli anni 1970-80, il 70% di tutti i posti di lavoro nell'industria era occupato da stranieri. Nel 2010 era il terziario a impiegare in valori assoluti la maggior parte degli stranieri. Il secondario era però il settore più interessato dai frontalieri; già nel XIX secolo vi era un forte movimento di frontiera di braccianti agricoli e di manodopera impiegata nelle manifatture tessili e dei tabacchi. Dopo il 1950 il flusso di frontalieri aumentò in modo impressionante, toccando i 40'000 lavoratori già intorno al 1990. Nel 2009 erano 44'400, su un totale di 201'000 occupati.

Insediamenti e trasformazione del territorio

All'inizio del XXI secolo la struttura insediativa si distingueva da quella, precedente l'industrializzazione, del Ticino rurale, in cui la dispersione sul territorio era un'esigenza dettata dall'attività economica. Dalla metà ca. del XX secolo il cantone conobbe l'inurbamento e lo spopolamento delle valli e dalla fine del secolo la suburbanizzazione delle agglomerazioni.

La densità della popolazione passò da 43 abitanti per km2 nel 1870 a 109 nel 2000, con i casi estremi dei distretti di Mendrisio (da 182 a 453) e Lugano (da 115 a 387), da un lato, e di Blenio (da 21 a 15) e Vallemaggia (da 12 a 9), dall'altro. Notevole quindi lo squilibrio regionale: nel 2008 risiedeva nel Sottoceneri (15% del territorio) oltre il 57% della popolazione. Determinante per l'evoluzione territoriale fu la costruzione della ferrovia del San Gottardo (1872-82). Gli insediamenti e le attività industriali e del terziario si concentrarono lungo l'asse Airolo-Chiasso, sul piano di Magadino e attorno ai laghi. Dopo il 1960 il rinnovamento della rete stradale e la forte motorizzazione frenarono lo spopolamento delle valli, grazie al pendolarismo. Nel 2000 ca. il 60% degli attivi lavorava fuori dal comune di residenza, con spostamenti limitati e convergenti verso tre zone: il Mendrisiotto, il Luganese e il Bellinzonese (quest'ultima regione con funzione di centro amministrativo).

Dopo il 1950 la forte crescita economica e demografica modificò radicalmente e spesso disordinatamente il volto del cantone. Questo processo evidenziò la necessità di un uso razionale e disciplinato del territorio cantonale, così da preservarne risorse e bellezze. Dopo il rifiuto in votazione cantonale della legge urbanistica (1969), lo sviluppo territoriale fu regolamentato soprattutto da disposizioni federali. All'inizio del XXI secolo il Ticino vantava due siti inseriti nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO: castelli e mura di Bellinzona (2000) e il Monte San Giorgio (2003).

Architettura e patrimonio urbanistico

Manifesto realizzato nel 1984 da Orio Galli per l'Ente ticinese per il turismo (Biblioteca nazionale svizzera).
Manifesto realizzato nel 1984 da Orio Galli per l'Ente ticinese per il turismo (Biblioteca nazionale svizzera). […]

I primi importanti interventi architettonici riguardarono la costruzione di edifici rappresentativi, quali i palazzi governativi a Locarno (1837-38) e Lugano (1843-44) o il teatro Sociale a Bellinzona (1846-47), tutti in stile neoclassico. Nella seconda metà del XIX secolo la trasformazione urbana portò alla creazione di nuove arterie o quartieri, legati alla ferrovia, al turismo e all'industria. All'inizio del XX secolo l'esigenza di riferimenti cosmopoliti si tradusse in stili come l'eclettismo o il liberty presenti nei quartieri residenziali, nell'edilizia di svago, in stabilimenti industriali o nelle ville "esotiche" di emigranti fortunati, sparse in diversi villaggi. Con la legge sulla conservazione dei monumenti storici e artistici (1909) si prese coscienza della necessità di salvaguardare e valorizzare il patrimonio architettonico. Tra le due guerre si affermarono scelte regionalistiche, attraverso il recupero di elementi lombardi, romanici o rurali, per esprimere contenuti identitari di fronte al moderno di importazione. Quest'ultimo stile si impose anche in Ticino dopo il 1940, soprattutto per gli aspetti funzionali, consoni a edifici pubblici, industriali o commerciali. Un intervento architettonico e paesaggistico importante e incisivo fu la costruzione dell'autostrada A2 (1961-86), i cui manufatti vennero in gran parte progettati da Rino Tami, considerato il capostipite di un gruppo di architetti ticinesi attivi dagli anni 1970-80, affermatisi a livello internazionale, fra cui Tita Carloni, Luigi Snozzi, Livio Vacchini, Aurelio Galfetti e Mario Botta.

Economia

Agricoltura, selvicoltura e migliorie fondiarie

La struttura agricola del nascente Ticino risentiva di situazioni createsi dal tardo Medioevo. Nel Sottoceneri vi erano grandi e medie proprietà, gestite a mezzadria, per la produzione di cereali e mais, introdotto nel Ticino meridionale nella seconda metà del XVII secolo. Nel XIX secolo proprietari con spirito imprenditoriale avviarono la coltura del tabacco e l'allevamento dei bachi da seta. Nelle valli alpine dominava la piccola proprietà contadina, combinata con estese proprietà collettive (alpi, pascoli, boschi); l'allevamento e la pastorizia erano integrate con la campicoltura di sussistenza e la raccolta di frutti (castagne). Vista la scarsità di terre arabili, il cantone doveva importare ingenti quantità di grano dalla Lombardia per il proprio fabbisogno.

La forte richiesta dalla Lombardia di legname, uno dei principali prodotti di esportazione che procurava introiti a cantoni, comuni e patriziati, causò uno sfruttamento rovinoso dei boschi nella prima metà del XIX secolo. I danni di uno sfruttamento scriteriato furono aggravati dal sistema di trasporto dei tronchi (fluitazione). Solo l'intervento federale (legge federale del 1876, sovvenzioni) per far fronte ai danni delle alluvioni permise la ricostituzione del patrimonio boschivo, rimediando all'inefficienza cantonale (mancata applicazione della prima legge cantonale del 1840 e soppressione nel 1863 dell'ispettorato forestale, istituito nel 1857).

La crisi delle risorse intorno al 1850 diede impulso, tra forti opposizioni locali, a riforme agrarie volte a liberare le terre da servitù che ostacolavano l'innovazione e scoraggiavano gli investimenti. Il progetto più ambizioso fu la bonifica del piano di Magadino, che trovò attuazione dopo il 1880 con il contributo della Confederazione.

Lavori di miglioria fondiaria nella piana del Brenno in territorio di Malvaglia; fotografia realizzata nell'agosto del 1923 da Ernesto e Max Büchi (Archivio di Stato del Cantone Ticino, Bellinzona, Fondo Ernesto e Max Büchi).
Lavori di miglioria fondiaria nella piana del Brenno in territorio di Malvaglia; fotografia realizzata nell'agosto del 1923 da Ernesto e Max Büchi (Archivio di Stato del Cantone Ticino, Bellinzona, Fondo Ernesto e Max Büchi). […]

Le persone occupate nel primario aumentarono in cifre assolute fino al 1880, quando raggiunsero il 54% della popolazione attiva, per scendere al 28% nel 1941. L'estremo frazionamento delle proprietà e l'alta percentuale di donne e anziani tra gli addetti evidenziavano in modo particolare i problemi e l'arretratezza del settore. La modernizzazione dell'agricoltura ticinese fu tardiva. Le autorità cantonali intervennero, sussidiando migliorie e bonifiche e promuovendo la ricomposizione parcellare, divenuta, visto il calo dell'attività agricola, uno strumento di riordino catastale per aprire nuove superfici all'edilizia residenziale.

Il settore agricolo si disgregò nel secondo dopoguerra, passando dal 18% della popolazione attiva nel 1950 al 2% nel 2000, con un forte calo di aziende, superfici coltivate e patrimonio zootecnico; all'inizio del XXI secolo predominava la produzione di legumi e ortaggi in serre, oltre alla viticoltura nelle zone collinari.

Distribuzione dell'impiego nel canton Ticino 1860-2000a

AnnoSettore primarioSettore secondarioSettore terziariobTotale
186026 76751,9%15 44330,0%9 32818,1%51 538
1870c36 32260,6%17 55429,3%6 01810,1%59 894
1880c36 76354,4%18 28527,1%12 51818,5%67 566
188833 22652,3%19 16830,1%11 17217,6%63 566
190032 37645,5%24 30334,1%14 54920,4%71 228
191033 16941,4%26 25532,8%20 67925,8%80 103
192031 75440,4%25 89632,9%21 04126,7%78 691
193025 97231,1%31 78238,1%25 76530,8%83 519
194121 27527,5%29 02537,6%27 00534,9%77 305
195014 78318,0%35 89943,7%31 40638,3%82 088
19609 51110,4%41 89846,1%39 54043,5%90 949
19705 2584,9%44 65241,4%57 86053,7%107 770
19803 6933,3%35 80431,7%73 29865,0%112 795
19902 2701,7%33 68124,8%99 62273,5%135 573
2000d2 4091,7%24 28617,2%114 16681,1%140 861

a Fino al 1960 senza le persone occupate a tempo parziale.

b Il dato (che comprende le persone "senza indicazione") risulta dalla deduzione delle persone attive nei settori primario e secondario dal totale complessivo.

c Popolazione "presente".

d I dati del censimento federale del 2000 sono paragonabili solo in parte a quelli precedenti, visto l'alto numero di "senza indicazione" (22'158).

Distribuzione dell'impiego nel canton Ticino 1860-2000 -  Censimenti federali; Historische Statistik der Schweiz

Vie di comunicazione e transiti

Per favorire i traffici attraverso il San Gottardo, il Ticino realizzò nella prima metà del XIX secolo un ambizioso piano di strade maestre carrozzabili (compreso il ponte-diga di Melide, 1847), nonché una rete di strade circolari per facilitare i collegamenti interni. Le aspettative economiche della politica viaria furono in parte vanificate dall'unificazione doganale del 1848, che tolse al cantoni i proventi di dazi e pedaggi.

La seconda metà del XIX secolo vide l'avvento della ferrovia, da cui ci si aspettava il decollo industriale: la linea del San Gottardo fu completata con le linee verso Locarno e Luino; sulla stessa si innestarono diverse ferrovie regionali (Locarno-Bignasco, Lugano-Tesserete, Lugano-Cadro-Dino, Biasca-Acquarossa, Lugano-Ponte Tresa), aperte intorno al 1910 e smantellate in gran parte tra il 1965 e il 1973.

Il Ticino ferroviario cedette il posto a quello autostradale nella seconda metà del XX secolo: la politica cantonale consisteva nel captare il maggior numero possibile di traffici. La dorsale autostradale (il primo tronco fu aperto nel 1968), che ricalca in buona parte quella ferroviaria, strutturò i nuovi poli economici e commerciali (Mendrisiotto, Pian Scairolo, valle del Vedeggio e, di riflesso, piano di Magadino). Ancora all'inizio del XXI secolo il Ticino traeva però scarso beneficio dai transiti e i collegamenti stradali più veloci non avevano incrementato nella misura sperata il turismo.

L'industrializzazione

La regione non conobbe forme significative di sviluppo protoindustriale, tranne qualche stabilimento per la torcitura della seta. Come per le manifatture di tabacco, sorte nel XIX secolo, si trattava di stabilimenti poco meccanizzati che sfruttavano manodopera a buon mercato (donne e bambini); alcune filande di natura industriale apparvero intorno al 1850.

Fattori esogeni, quali la politica doganale e dei trasporti, il differenziale di frontiera e i capitali e le iniziative imprenditoriali esterne al cantone, condizionarono in modo variabile dal XIX secolo l'industria e l'economia ticinese nel suo insieme. Grazie ai collegamenti ferroviari e alla disponibilità di energia elettrica sorsero all'inizio del XX secolo alcune industrie con capitali esteri: la Società Anonima del Linoleum (poi Forbo) a Giubiasco e la Diamant (fabbrica di materiali smeriglianti), le Officine del Gottardo (leghe metalliche) e la Nitrum (derivati dell'azoto) a Bodio; altre industrie importanti erano le officine delle FFS di Bellinzona, la cartiera di Tenero, gli stabilimenti tessili, le fabbriche alimentari e le manifatture di tabacchi (specialmente nel Sottoceneri). Vittima dell'epidemia dei bachi, della concorrenza e del divieto del lavoro minorile, l'industria serica declinò alla fine del XIX secolo. L'industria del granito conobbe un notevole sviluppo intorno al 1900 (ca. 3000 operai nelle cave). Il maggior fattore di localizzazione dell'industria era il basso costo della manodopera, in buona parte immigrata (50% degli occupati nel 1913).

Operaie della fabbrica di linoleum di Giubiasco; diapositiva su vetro realizzata attorno al 1925 (Archivio di Stato del Cantone Ticino, Bellinzona).
Operaie della fabbrica di linoleum di Giubiasco; diapositiva su vetro realizzata attorno al 1925 (Archivio di Stato del Cantone Ticino, Bellinzona). […]

L'economia cantonale fu vittima di un crac bancario nel 1914 (causato da investimenti speculativi all'estero e dalla commistione tra affari e politica) e della mutata congiuntura intern. Nel lungo periodo di stagnazione fino agli anni 1950-60, l'industria ticinese non riuscì a liberarsi delle sue debolezze: scarsità di investimenti, arretratezza tecnologica, struttura settoriale tradizionale con un forte peso dell'edilizia, esposta alle peripezie congiunturali.

Dopo il 1950 vi fu una crescita straordinaria dell'economia e dell'industria cantonale, favorita anche da una politica di incentivi fiscali; la manodopera del secondario raggiunse il livello occupazionale massimo nel 1974. Assunsero un ruolo trainante l'edilizia (cantieri stradali, impianti idroelettrici) e il ramo metalmeccanico (Monteforno), accanto ad abbigliamento, alimentari e orologi. La disponibilità di manodopera a basso costo, grazie all'immigrazione e al frontalierato, non incoraggiò la razionalizzazione e l'innovazione tecnologica. Dopo il 1980 si sono insediate anche in Ticino imprese industriali ad alto contenuto tecnologico in rami quali la meccanica, l'elettronica o il settore farmaceutico, mentre hanno perso importanza e impieghi alcuni settori tradizionali, in particolare l'abbigliamento.

La politica idroelettrica e lo sviluppo economico

Nel 1894 entrò in vigore la legge cantonale sullo sfruttamento delle acque che riservava allo Stato il rilascio delle concessioni idroelettriche e i proventi dei canoni d'acqua. Grazie alle prime concessioni, prosperò il polo industriale di Bodio e fu possibile l'elettrificazione delle ferrovie. Se nel 1939 vi era in Ticino un solo lago artificiale (Ritom, realizzato nel 1920), dopo il 1945 ne vennero costruiti 18; per capacità produttiva idroelettrica il Ticino è il terzo cantone dopo Vallese e Grigioni. Gli impianti più importanti sono quelli della Maggia e di Blenio. La politica idroelettrica del cantone fu aspramente criticata: con la concessione delle acque della Maggia (1949) e del Brenno (1953) a società in maggioranza svizzerotedesche (Partnerwerke), il Ticino rinunciò alla valorizzazione in proprio di una risorsa di importanza strategica. Una scelta difesa allora con la difficoltà di reperire nel cantone i capitali necessari per gli investimenti e con il rischio di non poter smerciare l'energia prodotta. Solo nel 1958 fu creata un'azienda pubblica cantonale (Azienda elettrica ticinese) per rilevare le concessioni giunte a scadenza.

Avvento e crescita del terziario

Nonostante la politica viaria per incrementare i transiti, il commercio non ebbe un ruolo trainante nell'evoluzione economica del Ticino. Un primo sviluppo del terziario si ebbe tra la fine del XIX secolo e il 1914, grazie al turismo di villeggiatura in riva ai laghi (Locarno, Lugano) e nelle stazioni climatiche e ai servizi pubblici federali (FFS, PTT, militare, dogane), attrattivi per i livelli salariali sopra la media e la sicurezza dell'impiego. Favorito dalla motorizzazione privata, si sviluppò nel secondo dopoguerra, dopo una lunga fase di stagnazione, il turismo di massa estivo che raggiunse l'apice attorno al 1970, senza però dar vita a una vera cultura dell'accoglienza. Lo sviluppo dei traffici ferroviari, che conobbe la massima espansione intorno al 1970, favorì attività legate alla logistica e alle spedizioni, imperniate sulla stazione internazionale di Chiasso.

In seguito a un rapido mutamento strutturale dagli anni 1960-70, il Ticino è divenuto uno dei cantoni più terziarizzati (81% degli attivi nei servizi nel 2000): sono cresciuti in modo spettacolare il settore bancario e parabancario, facendo di Lugano la terza piazza finanziaria in Svizzera (con oltre 100 istituti bancari all'inizio del XXI secolo), e quello parastatale (sanità, formazione, servizi sociali).

Le recenti ristrutturazioni di un'economia sempre più confrontata con un mondo globalizzato hanno provocato una sfasatura tra domanda e offerta di lavoro, e il Ticino riscontra da alcuni decenni un tasso di disoccupazione superiore alla media nazionale.

Società

Evoluzione della struttura e dei gruppi sociali

Il Ticino rimase a lungo un cantone prevalentemente rurale, con un'agricoltura scarsamente produttiva. Durante la prima parte del XIX secolo i patrimoni ticinesi più cospicui, in particolare nelle zone discoste, furono spesso accumulati grazie all'emigrazione (commerci o professioni ai vertici delle maestranze artistiche). In patria la ricchezza fu acquisita grazie all'articolazione tra affari di varia natura (speculazioni forestali, traffici di transito, commercio all'estero) e l'assunzione di incarichi pubblici, quali mandati o appalti, integrati nella gestione dello Stato durante la prima parte del secolo. Più in generale, la strutturazione dello Stato, con la conseguente organizzazione di un'amministrazione cantonale e federale e di lavori pubblici, rimase sbocco fondamentale per l'impiego, fin oltre la seconda metà del XX secolo. Fondamentale fonte di guadagno e di formazione di nuove élite economiche fu la costruzione delle reti viarie, interne e per le vie di transito. All'interno di un sistema clientelare di controllo e gestione del potere, si consolidò la tradizionale presenza di avvocati e notai, a scapito di altre libere professioni.

Per tutto il XIX secolo l'élite si formò in preponderanza nelle Università della vicina Italia, specialmente a Pavia, con cui vigevano in alcuni casi accordi particolari. Con il tempo, in seguito all'istituzione del Politecnico federale di Zurigo (1855) e dell'Università di Friburgo (1889), furono privilegiati gli istituti universitari elvetici.

L'associazionismo

Come nel resto della Svizzera, le associazioni, fra cui in particolare quelle a scopo patriottico o filantropico, si svilupparono con più intensità dagli anni 1830-40. Nel Ticino della prima parte del XIX secolo si distinse l'attività del movimento riformista di ispirazione liberale, composto da laici e religiosi; desideroso di modernizzare il Paese, creò una serie di iniziative sociali a favore dell'educazione e dell'industria, come nel caso della Società di utilità pubblica (1829), fondata da Vincenzo Dalberti e Stefano Franscini e accolta dal regime conservatore con seria preoccupazione. Nella stessa ottica, Franscini creò la Società degli amici dell'educazione del popolo (1837), poi Demopedeutica, e diversi editori impegnati fondarono gabinetti di lettura e biblioteche circolanti.

Il successivo esacerbarsi delle tensioni politiche inaugurò un lungo periodo caratterizzato da società e circoli filantropici o ricreativi di matrice identitaria politica, attivi fin oltre la seconda guerra mondiale (ad esempio società sportive e ginniche e società musicali dapprima; unioni giovanili e femminili, federazioni professionali poi).

L'azione cattolica nel XIX secolo fu contemporaneamente ecclesiale, politica e sociale. Solo progressivamente, e con una maggiore definizione del laicato cattolico, si svilupparono organizzazioni più chiaramente profilate nel loro impegno: di azione cattolica, quali la Società Piana (1861), politico-partitiche e di tipo sociale (caritative e sindacali).

Il cantone fu privo di associazioni prettamente culturali almeno fino all'ultima parte del XIX secolo. Nella prima metà del XX sorsero circoli culturali, che si moltiplicarono grazie al sostegno dello Stato nella seconda metà del secolo.

L'associazionismo femminile si sviluppò trasversalmente a diversi gruppi (religiosi e di beneficienza dapprima, culturali e politici in seguito). Alla sua creazione nel 1957, la Federazione associazioni femminili Ticino comprendeva sodalizi di vario ordine, a dimostrazione della ricchezza e diversità delle organizzazioni femminili, che spaziavano da quelle assistenziali e religiose a quelle politiche e di promozione delle donne e del suffragio femminile.

Movimenti sociali

Le prime organizzazioni per gli operai presero il via a metà degli anni 1850-60, promosse in particolare dalla sinistra radicale. Basate su principi democratici, privilegiarono nel loro sviluppo le finalità politiche a scapito di un sostegno vero e proprio agli operai. Nella seconda parte del secolo sorsero le prime vere società di mutuo soccorso (nel 1888 se ne contavano 24). Verso la fine del secolo, e in correlazione con i lavori ferroviari, anche a sud delle Alpi apparvero le sezioni della Società del Grütli (la prima a Bellinzona nel 1881), composte per la maggior parte da Svizzerotedeschi. Al contempo sorsero le cooperative di consumo, sostenute anche dai socialisti, che verso la fine del XIX secolo svilupparono altre forme di organizzazione operaia, in stretta collaborazione con gli esuli politici italiani giunti in Svizzera a seguito delle misure repressive dei governi della Penisola. A cavallo del XX secolo furono istituiti i primi sindacati di categoria. Nel 1902 fu creata la Camera del lavoro. L'influenza dell'emigrazione politica italiana sul movimento operaio cantonale ridivenne importante durante il fascismo, con l'arrivo dei fuorusciti e dei rifugiati.

In seguito all'enciclica Rerum novarum, anche il movimento cattolico si interessò alla questione sociale. All'inizio del XX secolo nacquero i primi circoli cattolici che, dopo un primo esitante tentativo di collaborazione con i socialisti, crearono le leghe agricolo-operaie. Nel 1919, seguendo l'impostazione della Federazione centrale svizzera delle organizzazioni cristiano-sociali, istituita nel 1903, fu creata l'Organizzazione cristiano-sociale ticinese. Dagli anni 1930-40 il movimento cristiano-sociale prese vigore, grazie alla figura di Luigi Del Pietro, diventando uno dei principali partner sociali in Ticino, in seguito anche alla sindacalizzazione di molti frontalieri e immigrati nella seconda parte del secolo.

Se nella prima metà del XX secolo quello operaio fu il movimento sociale di maggiore rilievo, gli anni successivi al 1968 videro la nascita di movimenti giovanili, che sfociarono a volte nell'organizzazione di movimenti extraparlamentari, di cui alcuni intrattennero strette relazioni con i gruppi autonomi italiani, quali Potere operaio o Lotta continua. Nel ventennio 1970-90, con l'intento di distinguersi dalle organizzazioni femminili tradizionali, si sviluppò una pluralità di iniziative e sodalizi, espressione del nuovo movimento femminista.

Cultura

Istruzione

La prima legge scolastica cantonale (1804), che introdusse l'obbligo per i comuni di istituire una scuola elementare, rimase in gran parte inapplicata anche per difficoltà finanziarie. L'offerta scolastica era affidata ai collegi religiosi e a una rete di scuole elementari - volute tra gli altri da comunità locali, benefattori e parrocchie - che aveva garantito già nell'ancien régime un discreto grado di alfabetizzazione.

Iniziativa popolare per il finanziamento pubblico delle scuole private. Manifesto degli avversari in vista della votazione del 18.2.2001 (Biblioteca nazionale svizzera).
Iniziativa popolare per il finanziamento pubblico delle scuole private. Manifesto degli avversari in vista della votazione del 18.2.2001 (Biblioteca nazionale svizzera).
Iniziativa popolare per il finanziamento pubblico delle scuole private; manifesto del comitato di sostegno, con la doppia immagine di Stefano Franscini, in vista della votazione del 18.2.2001 (Archivio di Stato del Cantone Ticino, Bellinzona).
Iniziativa popolare per il finanziamento pubblico delle scuole private; manifesto del comitato di sostegno, con la doppia immagine di Stefano Franscini, in vista della votazione del 18.2.2001 (Archivio di Stato del Cantone Ticino, Bellinzona). […]

L'intervento del cantone prese forza intorno al 1840, su iniziativa di Franscini e del governo radicale, con il sostegno alle scuole elementari, i corsi per maestri (1838) e l'istituzione delle scuole di disegno (1840) e di quelle elementari maggiori (1841). La scuola pubblica per formare il cittadino e promuovere un'élite moderna si precisò nel 1852 con la creazione del liceo cantonale di Lugano (di indirizzo filosofico-scientifico) e la trasformazione degli istituti secondari religiosi in ginnasi laici. L'obbligo scolastico (dai sette ai 14 anni) fu sancito nel 1864 da una legge che fornì alla scuola ticinese un assetto stabile e favorì la scolarizzazione generalizzata. Nel 1873 fu istituita una scuola magistrale (a Pollegio, dal 1878 a Locarno) e nel 1894 la scuola cantonale di commercio a Bellinzona. Nel 1912 furono adottate le prime leggi sull'apprendistato e sulla formazione professionale. La biforcazione, dopo la quinta elementare, tra scuola maggiore e ginnasio fu attenuata nel 1958, introducendo una certa permeabilità tra le due filiere. L'occupazione della magistrale da parte degli studenti nel marzo del 1968 evidenziò il disagio e la necessità di ripensare il sistema scolastico, i metodi didattici e i contenuti. Furono creati nuovi licei (Bellinzona, 1974; Locarno, 1974; Mendrisio, 1977; Lugano 2, 1982), ma la riforma più incisiva fu l'istituzione nel 1974 della scuola media quadriennale, detta unica o integrata, che posticipa alla fine del ciclo obbligatorio l'orientamento formativo.

Il Ticino è caratterizzato da un forte primato della scuola pubblica (ribadito nel 2001 quando il 74% dei votanti bocciò un'iniziativa in favore delle scuole private), dall'elevata frequentazione della scuola per l'infanzia e da un alto tasso di maturità liceale (17% a fronte di una media nazionale del 10% nel 1980, 30% contro il 20% nel 2010).

Nella seconda parte del XX secolo la democratizzazione degli studi portò a una maggiore diffusione della formazione, che si estese anche alle donne: nel 1965 le ragazze costituivano il 25% dei liceali contro il 54% nel 2005; negli stessi anni, la presenza femminile raggiunse nei contratti di tirocinio dapprima il 30% e in seguito il 40%. Tale tendenza ebbe come conseguenza l'aumento della massa critica di donne e uomini con un buon livello di istruzione, impiegati per buona parte nell'insegnamento e nei media.

La creazione di un istituto accademico in Ticino fu oggetto di dibattiti e progetti sin dal 1844: dopo un tentativo fallito nel 1986, l'Università della Svizzera italiana (USI) fu istituita nel 1995. Dalla trasformazione di diverse scuole specializzate nel 1997 nacque la scuola universitaria professionale, a cui è stata aggregata nel 2009 l'Alta scuola pedagogica, che nel 2002 aveva sostituito la scuola magistrale.

Espressioni culturali

Nonostante la perifericità culturale, artisti e intellettuali di diversa provenienza elessero il Ticino a meta privilegiata. Se l'esperienza del Monte Verità, avviata nel 1900 e improntata a un modello di vita alternativo, è tra le più note, il Locarnese si rivelò anche in seguito un crocevia di culture. Esemplari i convegni di argomento filosofico di Eranos, iniziati a Moscia (comune Ascona) da Olga Froebe-Kapteyn (1933), che attirarono grandi nomi della cultura mondiale. Anche nel dopoguerra questa regione, più di altre, continuò a essere polo di attrazione per artisti e intellettuali di origini diverse, quali Italo Valenti, Jean Arp, Max Frisch, Patricia Highsmith e Harald Szeemann. Esperienze o presenze più puntuali si ebbero però anche nel resto del cantone: tra i molti, nel Mendrisiotto il gruppo di artisti espressionisti Rot-Blau I fondato da Albert Müller, Hermann Scherer e Paul Camenisch (1924), o sulla Collina d'Oro residenti di lungo corso quali Hermann Hesse e i dadaisti Hugo Ball ed Emmy Ball-Hennings.

I rapporti tra Ticinesi e Italiani furono però i più intensi e regolari, particolarmente evidenti nell'ambito letterario (Letteratura italiana). Spesso originati dalle divergenti evoluzioni politiche dei due Paesi, tali relazioni diedero vita a solide esperienze culturali. Come nel Risorgimento, anche durante il fascismo furono creati sul suolo ticinese giornali e case editrici per sfuggire alla censura italiana e molto attiva fu la partecipazione degli Italiani alla vita culturale della regione. Dall'effervescenza ideologico-culturale che il Ticino visse nel 1943-45 grazie alla presenza di intellettuali italiani di primo piano scaturirono alcune iniziative, come il premio letterario Libera Stampa (1946-66), che però si spensero nel dopoguerra.

Arte

Il consolidamento delle scuole di disegno locali sorte dopo l'emancipazione cantonale portò nel giro di ca. mezzo secolo a una certa standardizzazione della produzione artistica ticinese. Si mantenne tuttavia la qualità tecnica e una certa versatilità degli artigiani locali, fra cui specialmente artisti formatisi per lo più all'estero o ancora in botteghe familiari. Fra gli artisti del XIX secolo spicca Vincenzo Vela, scultore pienamente intriso della cultura risorgimentale italiana. Tra gli architetti di un certo prestigio, come Luigi Canonica, i Fossati o Pietro Bianchi, si distinse per indubbia originalità progettuale e inventiva tecnica Antonio Croci. Anche nella pittura non mancano casi di artisti rappresentativi delle correnti stilistiche coeve, come Bernardino Pasta o Angelo Trezzini, più o meno fedeli alla lezione del romanticismo milanese, o i Bossoli per la paesaggistica. Accanto ad Antonio Ciseri, il cui realismo figurativo ebbe un grande successo, acquisirono una certa notorietà alcuni rappresentanti dei movimenti più aggiornati di fine XIX e inizio XX secolo, dal divisionismo alla scapigliatura, tra cui Luigi Rossi, Filippo Franzoni e Pietro Chiesa. Va infine ricordata la presenza anche in Ticino di alcuni artisti a metà strada tra la produzione colta e accademica e quella spontanea e popolare, con esiti talvolta molto felici, tra cui Giovanni Antonio Vanoni e Antonio Rinaldi.

Media e intrattenimento

La stampa, specialmente quella politica, trovò nel XIX secolo uno slancio che mantenne nella prima metà del XX. Malgrado il numero elevato di quotidiani, emanazione di partiti politici (fra cui specialmente Gazzetta Ticinese, Il Dovere e L'Avanguardia per l'area liberale-radicale; Popolo e Libertà per quella conservatrice; Libera Stampa per i socialisti), nella seconda parte del XX secolo si consolidarono le testate senza legami organici con i partiti (Corriere del Ticino, Giornale del Popolo, La Regione). All'inizio del XX secolo comparvero in Ticino pubblicazioni culturali di ampio respiro che diedero il via a un filone di riviste culturali di varia fattura (di cultura generale, letterarie, storiche, scientifiche).

Con la fondazione a Lugano della Radio della Svizzera italiana (1930), all'epoca nota come Radio Monte Ceneri (dall'ubicazione del suo trasmettitore), alla popolazione venne offerto un nuovo strumento culturale. Sul modello di altre emittenti di servizio pubblico, svolse un compito educativo, di università popolare, particolarmente sentito in un cantone a lungo privo di istituti accademici. La Televisione della Svizzera italiana iniziò a trasmettere nel 1961, seguendo per un breve periodo gli stessi intenti. Nonostante i forti legami con la cultura italiana, dati anche dalla massiccia presenza di Italiani all'interno dell'ente, diverse furono le specificità della Radiotelevisione svizzera di lingua italiana (RTSI, dal 2009 RSI), perlomeno fino agli anni 1980-90: tra i primi esempi, l'integrazione nella programmazione del genere della commedia dialettale, all'origine dello sviluppo del teatro dialettale nella regione. Anche il teatro di parola deve molto ai legami dei suoi protagonisti con la radio. Nella seconda parte del XX secolo il clima teatrale mutò aprendosi a nuove forme, come il teatro di movimento, divulgato dal Teatro (1971) e dalla Scuola Teatro Dimitri (1975) di Verscio. Ne risultò così arricchito il panorama teatrale ticinese, animato da istituzioni di antica data quali il teatro Sociale di Bellinzona (inaugurato nel 1847) e il teatro di Locarno (1902) e numerose compagnie.

Sempre grazie alla radio, il cantone si dotò di un'orchestra sinfonica con sede a Lugano, l'Orchestra della Svizzera italiana (1935). Nell'ambito musicale, vivacizzato da una folta presenza di bande e corali e di scuole di musica (fra cui in primo luogo il Conservatorio della Svizzera italiana, nato come Accademia di musica della Svizzera italiana nel 1985), diverse manifestazioni presero avvio nella seconda parte del XX secolo. Si distinguono specialmente le settimane musicali di Ascona (1946) ed Estival Jazz a Lugano (1979). Tra i vari festival del cinema sbocciati in Svizzera a metà del XX secolo, quello di Locarno (1946) è tuttora il maggiore avvenimento cinematografico elvetico.

Italianità e politica culturale

Regione principale di una minoranza linguistica (presente pure nel Grigioni italiano), il Ticino definisce la sua identità anche attraverso una costante tensione tra l'appartenenza politica alla Svizzera e la matrice culturale italiana (Svizzera italiana), acuitasi ad esempio all'inizio del XX secolo a seguito dell'apertura della galleria del San Gottardo.

Il conseguente mutamento degli equilibri demografici nel cantone - in mezzo secolo la popolazione autoctona scese da più del 90% (ca. 109'500 abitanti tra il 1850 e il 1880) a meno del 70% (106'938 abitanti nel 1910) - fu accompagnato da un forte disagio culturale, alimentato in parte dalla tendenza dei Confederati germanofoni giunti d'oltrape a sviluppare forme di socialità endogene, creando scuole, giornali (Tessiner Zeitung) e circoli associativi propri. Tale disagio fu avvertito specialmente da una cerchia relativamente ristretta di intellettuali ed esacerbato dalla delusione delle speranze di sviluppo economico suscitate dalla realizzazione del traforo. Mentre si manifestavano forme di forte italofilia, pure circoscritte a gruppi minoritari, come quello sorto attorno al giornale L' Adula (1912), tale delusione portò alla formulazione delle Rivendicazioni ticinesi (1924 e 1938). Le richieste culturali in esse contenute furono ampiamente accolte con l'intensificazione dell'aiuto alla cultura italiana nell'ambito della politica della Difesa spirituale. Sul piano cantonale, il timore di una germanizzazione del territorio, che si accompagnava alla preoccupazione di una penetrazione confessionale riformata, sfociò pure nella legge sulle insegne del 1931, che prescriveva l'uso della lingua italiana per i testi destinati al pubblico.

L'avvento al potere del fascismo in Italia con il conseguente sviluppo del fenomeno dell'irredentismo riaccese il dibattito attorno a forme marcate di Italianità ed Elvetismo, in un confronto politico-culturale che coinvolse i letterati ticinesi (tra cui Francesco Chiesa e Guido Calgari). Con la caduta del fascismo, gli animi si quietarono, ma il timore di una germanizzazione del cantone ritornò in auge negli anni 1950-60, con la discussione sulla svendita del territorio; i ricorrenti allarmi sull'italianità minacciata non trovano però riscontro nelle cifre: nel 2000 si contava in Ticino l'8% di germanofoni.

Il sostegno alla cultura italiana fu rafforzato anche nella seconda parte del XX secolo, specialmente grazie alla legge federale sull'aiuto finanziario al Ticino per la difesa della cultura e della lingua italiana (1980) e al conseguente cospicuo aumento del relativo sussidio federale (passato da 225'000 frs. a 1,5 milioni). All'inizio del XXI secolo una maggiore presenza di italofoni nell'amministrazione federale continuava però a essere rivendicata dalla deputazione ticinese alle Camere federali e da varie assocazioni.

Pagina del titolo di Cronaca ticinese, organo della Pro Ticino in America del sud, 1.8.1943, n. 288 (Archivio di Stato del Cantone Ticino, Bellinzona).
Pagina del titolo di Cronaca ticinese, organo della Pro Ticino in America del sud, 1.8.1943, n. 288 (Archivio di Stato del Cantone Ticino, Bellinzona). […]

Grazie alle sovvenzioni federali, il cantone poté affinare la propria politica culturale, il cui coordinamento risentì tuttavia fino all'inizio del XXI secolo dell'assenza di una legge quadro sulla promozione della cultura. Fra le iniziative promosse dallo Stato vi fu l'istituzione di enti quali il Sistema bibliotecario cantonale (organo di coordinamento delle quattro biblioteche cantonali: Bellinzona, Lugano, Locarno e Mendrisio; 1991), l'Osservatorio linguistico (1991) e il Centro di dialettologia e di etnografia (2002) della Svizzera italiana. Quest'ultimo accoglie al suo interno il Vocabolario dei dialetti della Svizzera italiana, nato già nel 1907 per iniziativa di Carlo Salvioni, e coordina i musei etnografici regionali del Ticino, inclusi da una legge del 1990 in una rete sussidiata dal cantone. L'offerta culturale è completata da un'articolata rete di musei, di diversa rilevanza, fra cui specialmente il Museo cantonale d'arte (1987) e il Museo cantonale di storia naturale (sviluppatosi a partire dal Gabinetto di storia naturale creato nel 1853 da Luigi Lavizzari) a Lugano e la Pinacoteca cantonale Giovanni Züst a Rancate. La realizzazione di un centro culturale sul sedime dell'ex Grand Hôtel Palace ha rilanciato il ruolo di Lugano sulla scena culturale cantonale e il dibattito sui rapporti tra Stato (con il cantone e i comuni) e cultura.

Riferimenti bibliografici

  • Archivio di Stato, Como
  • Archivio di Stato, Milano
  • Archivio storico diocesano, Milano
  • ASTI
  • AVesc Como
  • AVesc Lugano
  • EA
  • ASHR
  • A. Heusler (a cura di), Rechtsquellen des Kantons Tessin, 13 fasc., 1892-1916
  • L. Brentani, Codice diplomatico ticinese, 5 voll., 1929-1956
  • L. Brentani, Antichi maestri d'arte e di scuola delle terre ticinesi, 7 voll., 1937-1963
  • L. Moroni Stampa (a cura di), Codex palaeographicus Helvetiae subalpinae, 2 voll., 1951-1958
  • L. Delcros, Il Ticino e la Rivoluzione Francese, 2 voll., 1959-1961
  • Ticinensia, 1960-1997 (coll. in app. ad AST)
  • MDT
  • AA. VV., Contare gli uomini: fonti per lo studio della popolazione ticinese, 1980
  • K. V. von Bonstetten, Lettere sopra i baliaggi italiani (Locarno, Valmaggia, Lugano, Mendrisio), 1984 (ted. 1797-1799)
  • H. R. Schinz, Descrizione della Svizzera italiana nel Settecento, 1985 (ted. 1783-1787)
  • FDS TI, 1991-
  • S. Bianconi, B. Schwarz (a cura di), Il vescovo, il clero, il popolo, 1991
  • Ticino ducale
  • M. Bernasconi Reusser, Le iscrizioni dei cantoni Ticino e Grigioni fino al 1300, 1997
  • A. Gili (a cura di), I protocolli dei governi provvisori di Lugano, 1798-1800, 2 voll., 2010
Storiografia
  • I primi compendi generali apparvero tardivamente, dopo la creazione del cantone. Per il periodo precedente, si dispone di isolate memorie regionali, non destinate alla stampa, come la cronaca luganese attribuita a Nicolò Maria Laghi sul periodo 1466-1512 o le notizie compendiate sugli anni 1568-89 di Domenico Tarilli. La storia delle terre ticinesi è richiamata anche nelle opere di autori come Francesco Ballarini (Cronica di Como, 1619), Primo Luigi Tatti (Annali della Città di Como, in tre volumi, 1662-1734) e Cesare Cantù. Dopo il 1803 per promuovere il sentimento di patria comune fu compilato il Dizionario storico ragionato degli uomini illustri del Canton Ticino (1807-11) di Gian Alfonso Oldelli. Per illustrare il nuovo cantone ai compatrioti svizzeri uscì in lingua tedesca la Descrizione topografica e statistica del Canton Ticino (1812) di Paolo Ghiringhelli, seguita nei decenni successivi da compendi generali di storia ticinese: La Svizzera italiana (in tre volumi, 1837-40) di Stefano Franscini, Compendio storico della Repubblica e Cantone Ticino dall'epoca dei Romani ai nostri giorni (1857) di Giuseppe Pasqualigo, Escursioni nel Canton Ticino (1863) di Luigi Lavizzari, Dei paesi e delle terre costituenti il canton Ticino dai tempi remoti fino all'anno 1798 (1879) e Storia del Canton Ticino [...] (1882), entrambi di Angelo Baroffio. Sommari generali si ebbero anche nel XX secolo; il primo apparve nell'Historisch-Biographisches Lexikon der Schweiz (in sette volumi, 1921-34), dovuto a Celestino Trezzini, che compilò tutte le voci della parte ticinese. Una sintesi di taglio prevalentemente politico è la Storia del Canton Ticino (1941) di Giulio Rossi ed Eligio Pometta; aperta a nuovi filoni di ricerca, comprendenti temi di storia economica, sociale e artistica, è la nuova storia promossa dal cantone con il coinvolgimento di numerosi autori: Storia del Canton Ticino (in due volumi, 1998) e Storia della Svizzera italiana dal Cinquecento al Settecento (2000), a cura di Raffaello Ceschi, a cui si aggiunge un volume in preparazione a cura di Giuseppe Chiesi e Paolo Ostinelli sull'antichità e il Medioevo. Ai compendi complessivi si affiancano alcune storie regionali, o lavori su periodi storici definiti, anche ad opera di studiosi svizzeri che pubblicarono originariamente in tedesco, come Karl Meyer (su Blenio e Leventina nel tardo Medioevo, 1911), Otto Weiss (sui baliaggi italiani nel XVIII secolo, 1914) e Paul Schaefer (sul Sottoceneri nel Medioevo, 1931). Con Emilio Motta - fondatore del Bollettino storico della Svizzera italiana (1879), in seguito redatto da storici come Eligio Pometta e Giuseppe Martinola - la storiografia ticinese fu posta per la prima volta sul piano della ricerca scientifica basata sull'analisi della documentazione di archivio e bibliografica. Dagli anni 1960-70, anche grazie alle indagini di Virgilio Gilardoni, fondatore dell'Archivio storico ticinese (1960), le discipline storiche si sono allargate a tematiche inerenti la cultura materiale, la storia delle mentalità e la vita quotidiana.
Pubblicazioni in serie
  • Rivista archeologica dell'antica provincia e diocesi di Como, 1872-
  • Monumenti storici ed artistici del cantone Ticino, 1912-1932
  • ASSI
  • RST
  • Numismatica e antichità classiche, 1972-
  • HS, spec. I/6; II/1; IX/1
  • G. Buzzi (a cura di), Atlante dell'edilizia rurale in Ticino, 9 voll., 1993-2000
  • Artisti dei laghi, 6 voll., 1994-2002
Bibliografie
  • E. Motta, Bibliografia storica ticinese, 1879
  • C. Caldelari, Bibliografia ticinese dell'Ottocento, 5 voll., 1995-2010
  • C. Caldelari, Bibliografia del Settecento, 2 voll., 2006
Opere a carattere generale
  • A. M. Gerber, Corografie e iconografie della regione ticinese dai primordi al 1850, 1934 (ted. 1920)
  • Galli, Ticino
  • W. A. Vetterli (a cura di), Frühe Freunde des Tessins: 6 Reiseberichte aus 2 Jahrhunderten, 1944
  • A. Lienhard-Riva, Armoriale ticinese, 1945
  • Bianconi, Inventario
  • Vocabolario dei dialetti della Svizzera italiana, 1952-
  • Gilardoni, Inventario
  • MAS TI, 3 voll., 1972-1983
  • Martinola, Inventario
  • Costruzione del territorio e spazio urbano nel Cantone Ticino, 2 voll., 1979
  • R. Ceschi, Contrade cisalpine, 1987
  • Ticino 1798-1998, cat. mostra Lugano, 2 voll., 1998-1999
  • Arte in Ticino, cat. mostra Lugano, 4 voll., 2001-2004
  • S. Bianconi, Lingue di frontiera, 2001
Preistoria e antichità
  • A. Crivelli, Atlante preistorico e storico della Svizzera italiana, 1943 (riprod. anast. e aggiornamento, 1990)
  • M. Primas, Die südschweizerischen Grabfunde der älteren Eisenzeit und ihre Chronologie, 1970
  • W. E. Stöckli, Chronologie der jüngeren Eisenzeit im Tessin, 1975
  • S. Biaggio Simona, I vetri romani: provenienti dalle terre dell'attuale cantone Ticino, 2 voll., 1991
  • SPM, 1-6
  • AA. VV., La necropoli di Giubiasco (TI), 3 voll., 2004-2010
Medioevo
  • E. Pometta, Come il Ticino venne in potere degli Svizzeri, 3 voll., 1912-1915
  • V. Gilardoni, Il Romanico, 1967
  • G. Wielich, Il Locarnese negli ultimi tre secoli del Medioevo, 1973 (ted. 1970)
  • AA. VV., Ticino medievale, 1990
  • G. Chiesi (a cura di), Il Medioevo nelle carte, 1991
  • P. Ostinelli, Il governo delle anime, 1998
  • A. Moretti, Da feudo a baliaggio: la comunità delle pievi della Val Lugano nel XV e XVI secolo, 2006
Periodo dei baliaggi (XVI-XVIII secolo)
  • E. Pozzi-Molo, L'amministrazione della giustizia nei baliaggi appartenenti ai cantoni primitivi: Bellinzona, Riviera, Blenio e Leventina, 1953
  • R. Martinoni (a cura di), Viaggiatori del Settecento nella Svizzera italiana, 1989
  • S. Guzzi, Agricoltura e società nel Mendrisiotto del Settecento, 1990
  • R. Merzario, Anastasia, ovvero la malizia degli uomini, 1992
  • M. Gregori (a cura di), Pittura a Como e nel Canton Ticino dal mille al settecento, 1994
  • S. Guzzi, Logiche della rivolta rurale, 1994
  • Seicento ritrovato, cat. mostra Rancate, 1996
  • S. Bianchi, Le terre dei Turconi, 1999
  • Dall'Accademia all'Atelier, cat. mostra Rancate, 2000
  • R. Merzario, Adamocrazia: famiglie di emigranti in una regione alpina (Svizzera italiana, XVIII secolo), 2000
  • Il Rinascimento nelle terre ticinesi, cat. mostra Rancate, 2010
  • P. Keller, E. Agustoni, Barocco, 2010
  • M. Schnyder, Famiglie e potere, 2011
XIX e XX secolo
  • A. O. Pedrazzini, L'emigrazione ticinese nell'America del Sud, 2 voll., 1962
  • G. Pedroli, ll socialismo nella Svizzera italiana, 1963 (20043)
  • S. Gilardoni, «Italianità ed elvetismo nel Canton Ticino negli anni precedenti la prima guerra mondiale (1909-1914)», in AST, 45-46, 1971, 3-84
  • G. Cheda, L'emigrazione ticinese in Australia, 2 voll., 1976
  • G. Martinola, Gli esuli italiani nel Ticino, 2 voll., 1980-1994
  • G. Cheda, L'emigrazione ticinese in California, 2 voll., 1981
  • M. Cerutti, Fra Roma e Berna, 1986
  • R. Ceschi, Ottocento ticinese, 1986
  • F. Panzera, La lotta politica nel Ticino: il "Nuovo indirizzo" liberale-conservatore (1875-1890), 1986
  • R. Ratti, M. Badan (a cura di), Identità in cammino, 1986
  • P. Codiroli, L'ombra del duce, 1988
  • A. Ghiringhelli, Il Ticino della transizione, 1889-1922, 1988
  • R. Bianchi, Il Ticino politico contemporaneo, 1921-1975, 1989
  • F. Panzera, Società religiosa e società civile nel Ticino del primo Ottocento, 1989
  • R. Ratti et al. (a cura di), Il Ticino regione aperta, 1990
  • M. Della Casa, La monetazione cantonale ticinese: 1813-1848, 1991
  • R. Broggini, Terra d'asilo, 1993
  • A. Ghiringhelli, Il cittadino e il voto: materiali sull'evoluzione dei sistemi elettorali nel Cantone Ticino, 1803-1990, 1995
  • R. Ceschi, Nel labirinto delle valli, 1999
  • J.-F. Bergier, Storia economica della Svizzera, 1999, 311-360 (app. di S. Guzzi-Heeb, Per una storia economica del Canton Ticino)
  • L. Lorenzetti, Economie et migrations au XIXe siècle: les stratégies de la reproduction familiale au Tessin, 1999
  • I. Fosanelli, Verso l'Argentina, 2000
  • G. Foletti, Arte nell'Ottocento, 2001
  • R. Romano, Il Canton Ticino tra '800 e '900: la mancata industrializzazione di una regione di frontiera, 2002
  • F. Mena, Stamperie ai margini d'Italia, 2003
  • P. Macaluso, Liberali antifascisti, 2004
  • L. Saltini, Il Canton Ticino negli anni del Governo di Paese (1922-1935), 2004
  • L. Marti, Etrangers dans leur propre pays: l'immigration tessinoise dans le Jura bernois entre 1870 et 1970, 2005
  • A. Rossi, Dal paradiso al purgatorio: lo sviluppo secolare dell'economia ticinese, 2005
  • F. Viscontini, Alla ricerca dello sviluppo: la politica economica nel Ticino (1873-1953), 2005
  • S. Martinoli, L'architettura nel Ticino del primo Novecento, 2008
  • T. Mäusli (a cura di), Voce e specchio, 2009
Link
Controllo di autorità
GND
Classificazione
Entità politiche / Cantone