de fr it

Heidegg

Castello e antica signoria nel comune di Hitzkirch (LU). Il massiccio corpo principale con la torre d'abitazione domina una collina morenica sopra Gelfingen e comprende resti di un edificio in sasso del 1205/1210. Tra il 1525 e il 1532 divenne residenza signorile fortificata (pianta attuale), poi trasformata dagli Pfyffer tra il 1679 e il 1691 in tenuta di campagna di rappresentanza. Lucerna proseguì dopo il 1700 la ristrutturazione interna, realizzando una sala per le feste (1701-1702) e la casa colonica (1704). Il castello è stato rinnovato negli anni 1995-1998.

Heidegg era un feudo diviso a metà tra le signorie che dominavano il territorio. Nel 1415 Lucerna stabilì l'obbligo di tenere aperta la rocca in caso di pericolo. Parte del distretto di Richensee-Hitzkirch, la bassa giurisdizione di Heidegg passò nel 1425 ai Freie Ämter, nel 1798 al canton Baden e nel 1803 al canton Lucerna, rispettivamente al distretto di Hochdorf. Comprendeva le giurisdizioni di Gelfingen (dal 1470 sede del tribunale), Sulz, Altwis (dalla metà del XIV secolo), Lieli, Mosen (cioè la signoria di Lieli con la torre di Grünenberg presso Richensee, acquisita nel 1431/1437), il baliaggio lacustre (Seevogtei) di Baldegg, diritti di pesca, il mulino superiore a Ermensee e alcune taverne. Sovente dato in eredità o in dote, Heidegg subì diversi cambiamenti di proprietà. I primi proprietari noti furono i signori von Heidegg (dal 1185 fino ca. al 1421). Grazie al trattato di comborghesia con Lucerna del 1357 il castello fu risparmiato durante la guerra di Sempach. Ai von Heidegg succedettero tra gli altri i Businger (dal 1421 fino ca. al 1465) e Frischhans von Breitenlandenberg, che vendette la signoria nel 1482 a Heinrich Hasfurter. Nel 1528 Heidegg fu acquisita dalla famiglia Tammann, dopo il 1555 dalla famiglia Kündig, nel 1618 da Heinrich Fleckenstein e nel 1664/1665 dalla famiglia Pfyffer von Altishofen, che la cedette nel 1700 a Lucerna a causa di difficoltà finanziarie. Lucerna ripristinò la signoria e tentò di attribuirsi diritti signorili nel distretto di Hitzkirch, prendendo Heidegg come punto di partenza. Un membro non residente del Consiglio deteneva i diritti di bassa giurisdizione. Messo all'asta nel 1849 a Gelfingen per estinguere i debiti contratti durante la guerra del Sonderbund, il castello fu acquistato da Josef Heggli, che lo cedette a Ludwig Pfyffer nel 1875. Nel 1950 la famiglia Pfyffer lo rivendette a Lucerna per destinarlo a sede del museo locale del Seetal (patrocinato dalla Pro Heidegg). Tra il 1956 e il 1967 il castello ha ospitato il Museo svizzero della caccia. Dal 1952 al 1998 la cantina vinicola del cantone ha coltivato sulla collina del castello un vigneto, passato successivamente in mani private.

Riferimenti bibliografici

  • Staatsarchiv Luzern, Lucerna
  • G. Boesch, Schloss Heidegg, 1951
  • Die Kunstdenkmäler des Kantons Luzern, 6, 1963, 82-91
  • D. Ruckstuhl, Ritter im Barock – Fleckensteins Heldenstreiche: Begleitheft zur Sonderausstellung auf Schloss Heidegg, 2001
Link
Controllo di autorità
GND

Suggerimento di citazione

Hörsch, Waltraud: "Heidegg", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 17.03.2017(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/007529/2017-03-17/, consultato il 30.10.2020.