de fr it

Nugerol

Antica denominazione della regione che si estende da Cressier a La Neuveville nei cant. di Neuchâtel e Berna; (866: Nogerolis). Intorno al 944 N. diede il nome a un pagus. Alcuni conventi, fra cui quelli di Moutier-Grandval e Saint-Maurice, detenevano numerosi possedimenti nella zona. A est la parrocchia di Saint-Ursanne (la chiesa, menz. nel 968, è detta Chiesa bianca) apparteneva al principe vescovo di Basilea, che vi fece erigere lo Schlossberg nel 1283 e La Neuveville attorno al 1310. A ovest quella di Saint-Maurice (menz. fra il 1001 e il 1031) dipendeva dai signori de Neuchâtel. Alla fine del XII sec. vi fu costruita una torre. Nel 1260 la "nuova città della torre di N." ottenne da Rodolphe III le franchigie di Neuchâtel, rinnovate nel 1309 dopo le distruzioni seguite alle guerre che opposero il vescovo di Basilea ai de Neuchâtel. Nel 1316 una sentenza arbitrale di Leopoldo d'Austria proibì la realizzazione di nuove costruzioni. Dato che la città non poteva svilupparsi, il conte Rodolphe IV de Neuchâtel fece edificare una cittadella fortificata a Le Landeron, che si sostituì quindi a N. Oggi N. è una località lungo la strada che conduce da Le Landeron a Lignières.

Riferimenti bibliografici

  • A. Glaenzer, «Nugerol», in MN, 1996, 55-66