de fr it

Dornachbrugg

Località del com. di Dornach (SO). La nascita dell'insediamento sulla riva destra della Birsa fu favorita dal fatto che il fiume in quel punto ha un letto naturalmente stabile. Pop: 156 ab. nel 1739, 643 nel 1900. Nel 1920 fu scoperta una sepoltura femminile risalente alla cultura di La Tène (ca. 320 a.C.), con ricco corredo funebre: una collana a disco in bronzo divisa in due parti, sette fibule, alcune in frammenti, oltre al frammento di un bracciale fatto di fili di bronzo con motivi a forma di otto sovrapposti orizzontalmente. Un ponte sulla Birsa, sul quale si trovava un posto di dogana documentato per iscritto già nel 1493, era stato costruito nel 1446 o forse già nel 1428. All'inizio del XVI sec. esso fu fortificato con una torre; nel 1813 una piena distrusse torre e ponte. Il ponte attuale risale al 1823. A partire dal XV sec. D. si trasformò in un insediamento commerciale con mulino, osteria feudale e aziende artigianali. Il progetto di installare un mercato fallì, ma nel 1621 sorse un emporio. Anche come sede di edifici pubblici quali la cancelleria (1562) e il magazzino del sale, D. acquisì importanza a livello regionale. Ancora oggi ospita importanti uffici dei distr. di Dorneck e di Dorneck-Thierstein. Nel 1512 fu consacrata la prima cappella in memoria della battaglia di Dornach (1499). Al suo posto sorse nel 1641 la cappella di S. Maddalena, che a sua volta nel 1874 dovette lasciare spazio alla costruzione della ferrovia del Giura. Nel 1672 si stabilirono a D. alcuni cappuccini. Un lascito di Maria Magdalena von Roll permise loro di costruire un convento (consacrato nel 1676). I cappuccini di D. assistevano la pop. catt. di Basilea e dintorni, ma il convento faceva anche da tramite fra le sedi dell'ordine in Alsazia e nella Conf. Il complesso conventuale rimase immutato fino all'ampliamento realizzato fra il 1927 e il 1929. Nel 1991 i cappuccini hanno chiuso il convento per mancanza di proseliti.

Riferimenti bibliografici

  • HS, V/2, 267-284
  • F. Müller, «Schmuck einer vermögenden Keltin in Dornachbrugg», in Mitteilungen des Heimatmuseums Schwarzbubenland, II serie, fasc. 23, 1985, 7-10
  • H. Eisenhut, Dornach, 1988