de fr it

Bucheggcastello

La torre, utilizzata come prigione, e la cantina della famiglia del patriziato cittadino solettese dei Grimm; acquerello realizzato nel 1670 da Albrecht Kauw (Bernisches Historisches Museum) © Fotografia Stefan Rebsamen.
La torre, utilizzata come prigione, e la cantina della famiglia del patriziato cittadino solettese dei Grimm; acquerello realizzato nel 1670 da Albrecht Kauw (Bernisches Historisches Museum) © Fotografia Stefan Rebsamen.

L'odierno piccolo castello di B. nel com. omonimo è situato dove un tempo sorgeva la residenza dei conti von B.; questa fortezza, menz. per la prima volta nel 1267 (sub castro Buhecke), venne bruciata dai conti von Kyburg nel 1383. Nel 1546 Soletta fece costruire al suo posto una torre a pianta quadrata con un alto tetto a padiglione, utilizzata come prigione fino al XVIII sec. Privatizzato nel 1863, il complesso fu trasformato nella Fondazione del castello di B. nel 1938. Dopo il restauro del 1956, il castello è divenuto sede di un museo regionale.

Riferimenti bibliografici

  • P. Lätt, Buchegg und die Buchegger, 1984
  • P. Lätt, Bucheggberg, 1994
  • R. M. Kully, Solothurnische Ortsnamen, 2003, 232 sg.

Suggerimento di citazione

Noser, Othmar: "Buchegg (castello)", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 24.11.2016(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/007703/2016-11-24/, consultato il 24.10.2020.