de fr it

Greifenseesignoria, baliaggio

Antica signoria e baliaggio zurighese (1402-1798), si sviluppò attorno alla fortezza di G., verosimilmente fondata dai conti von Rapperswil. Secondo il documento del 1300 con cui Elisabeth von Rapperswil diede in pegno la signoria a Hermann II von Landenberg, già maresciallo, e a suo figlio al prezzo di 600 marchi d'argento, essa comprendeva la fortezza e la città di G. con il lago, allora chiamato Glattsee, le curtes di Fällanden, Maur, Niederuster, Uster (Laubishof, al quale appartenevano i diritti di patronato), Nossikon, Nänikon, Werrikon, Schwerzenbach, Hegnau, Hof (com. Egg, ZH) e Bertschikon (amministrato da un maior, com. Gossau, ZH), oltre a servi e a possedimenti sparsi in un vasto territorio, sui quali non esercitava alcuna sovranità. Sebbene il contratto fosse limitato temporalmente e contenesse una clausola d'acquisto in favore del creditore, G. non fu mai riscattata. La signoria rimase così ai von Landenberg (ramo dei von Landenberg-G.), che la vendettero nel 1369 ai conti von Toggenburg per 7923 fiorini, dopo che Zurigo nel 1367 aveva cercato invano di appropriarsene. Nel frattempo la signoria, dove erano attestati numerosi mulini, aveva inglobato nuovi possedimenti, soprattutto sul lago di Pfäffikon e nella valle della Töss.

Nel 1402 Friedrich VII von Toggenburg diede in pegno la signoria a Zurigo per 6000 fiorini; per raccogliere il capitale necessario, la città emise obbligazioni a carico di alcuni cittadini basilesi, impegnandosi a pagare gli interessi. I von Toggenburg rinunciarono a riscattare G. poiché la somma richiesta era stata modificata per ragioni legali. Zurigo eresse G. a suo primo baliaggio esterno, e inizialmente vi insediò un balivo nominato a tempo indeterminato e tenuto a risiedere nella fortezza. Dal 1445 al 1450, al termine della Vecchia guerra di Zurigo, il balivo restava in carica per un anno e amministrava G. come baliaggio interno. L'applicazione della pena capitale non entrò mai nelle competenze della corte di alta giustizia della signoria di G., ma restò prerogativa di Kyburg e Grüningen. La linea di confine per il giudizio dei reati passibili di morte attraversava il lago e scendeva lungo l'Aabach. Il baliaggio di G. comprese la bassa giurisdizione di Kirchuster-Nossikon fino al 1544 e di Maur fino al 1775. Tra i baliaggi zurighesi, G. era quello più frammentato, con cinque exclavi: Robenhausen-Robank, Irgenhausen, Auslikon, Hutzikon-Tössegg-Schalchen e Neubrunn nella valle della Töss.

Sotto la Repubblica elvetica, il nucleo del baliaggio costituì assieme a Wetzikon il distr. di Uster. Il territorio del baliaggio (Oberamt) di G. costituito durante la Restaurazione corrispondeva a quello dell'attuale distr. di Uster, creato nel 1831.

Riferimenti bibliografici

  • Atti presso StAZ
  • A. Largiadèr, «Die Anfänge des zürcherischen Stadtstaates», in Festgabe Paul Schweizer, 1922, 1-92
  • A. Largiadèr, Die Anfänge der zürcherischen Landschaftsverwaltung, 1932
  • K. Hürlimann, Soziale Beziehungen im Dorf. Aspekte dörflicher Soziabilität in den Landvogteien Greifensee und Kyburg um 1500, 2000
Link
Controllo di autorità
GND