de fr it

Corbièressignoria

Importante signoria medievale nella media valle della Sarina, nonché omonima dinastia dell'XI-XIV sec., menz. (ca. 1080, 1115) per la prima volta nel libro fondiario (pancarte) di Rougemont, con Willelmus de Corbieres. La fortezza più antica, risalente all'XI/XII sec., sorgeva sulla sommità arrotondata di una collina che dominava un importante punto di transito della Sarina, utilizzato già in epoca romana (il ponte è cit. per la prima volta nel 1343). La signoria di C. (ted. Korbers) si estendeva principalmente sulla riva destra della Sarina, tra La Roche e la contea di Gruyère (parrocchie di Hauteville e Villarvolard); comprendeva inoltre la signoria della valle dello Jaun, creata per mezzo di dissodamenti, fino a Montsalvens, con Charmey e Jaun. La fondazione dell'abbazia di Humilimont per iniziativa di Lietold e Guillaume II de C. attorno al 1136 attesta anche il possesso di diritti signorili a Marsens, Vuippens e Echarlens, sulla riva sinistra della Sarina. Donazioni alle abbazie di Lac de Joux, Montheron e Hauterive (XII sec.) testimoniano la vastità dei possedimenti dei signori de C. nel Paese di Vaud; essi detenevano inoltre diritti nel medio Vallese e fino al lago di Thun (a Spiez nel 1280, a Krattigen nel 1302). L'interconnessione di beni e diritti con le fam. de Grandson e de Gruyère sembra suffragare l'ipotesi di un'origine comune delle tre nobili fam..

Il castello balivale, edificato nel 1560 e restaurato nel 1750. Fotografia di Benedikt Rast, 1950 ca. © Bibliothèque cantonale et universitaire Fribourg, Fonds Benedikt Rast.
Il castello balivale, edificato nel 1560 e restaurato nel 1750. Fotografia di Benedikt Rast, 1950 ca. © Bibliothèque cantonale et universitaire Fribourg, Fonds Benedikt Rast.

La città di C. fu fondata dai signori de C. prima del 1200. Durante la signoria dei fratelli Conon I e Ulrich II i territori a sinistra della Sarina furono separati per costituire la signoria di Vuippens (1224/25). Verso il 1249 le fortezze di Charmey e Jaun passarono a due rami cadetti, mentre il mandamentum (potere bannale) e nome della signoria continuarono a formare un'unità. Nel 1250 C. fu sottoposta all'autorità feudale sabauda; nel 1295 Girard I e Girard II de C., signori di Charmey, fondarono la certosa di La Valsainte. Nel XIV sec. la linea principale conobbe un rapido declino e nel 1363/64 si estinse con Mermet, cosignore di C. fino al 1326. Il ramo cadetto di Charmey scomparve nel 1361, quello di Jaun, fondato da Richard de C., nel XVI sec. Gli ultimi discendenti del casato furono cittadini di Gruyère e Friburgo.

Nel 1326 una parte della signoria di C. fu acquistata e trasformata in castellania da Louis II, signore di Vaud; un'altra parte dai signori de Grandmont nel 1330, e nel 1375 l'intera signoria passò alla casa di Savoia. Fra il 1406 e il 1443 fu appannaggio di Umberto, il "bastardo di Savoia". Nel 1454 François I de Gruyère acquistò la castellania per 8000 fiorini, integrandola nella propria contea quale quinto quartiere. Data in pegno a Friburgo nel 1543, C. fu acquisita in forma definitiva dalla città nel 1554 e fino al 1798 fu un baliaggio. Nel 1560 al posto della seconda fortezza, risalente al XIII sec., fu edificato un castello balivale che venne restaurato nel 1750. Fra il 1798 e il 1803 C. formò una sottoprefettura con La Roche, poi un circondario amministrativo e, dal 1815, una prefettura. Nel 1848 fu integrata nel distr. della Gruyère.

Riferimenti bibliografici

  • B. de Vevey, Châteaux et maisons fortes du canton de Fribourg, 1978, 79-89, 196-203
  • R. Flückiger, Mittelalterliche Gründungsstädte zwischen Freiburg und Greyerz, 1984, 71-96
  • G. Castelnuovo, L'aristocrazia del Vaud fino alla conquista sabauda, 1990, 118-120