de fr it

Estavayersignoria

La signoria, che traeva il suo nome della città di Estavayer-le-Lac, fu detenuta dall'inizio del XII sec. dai signori d'E. e fu spartita fra i figli di Conon I probabilmente attorno alla fine del XII sec. L'espansione dei conti di Savoia nel Paese di Vaud interessò anche E., i cui cosignori, dopo essere stati vassalli del vescovo di Losanna, nel 1244 e 1250 dovettero sottomettersi a Pietro II di Savoia. Verso la fine del XIII sec. un'ulteriore divisione portò alla formazione di tre signorie adiacenti, amministrate a partire dalle tre fortezze ubicate nella città di E.: La Motte-Châtel, Chenaux, Savoie. La spartizione non seguì però criteri strettamente territoriali e i cosignori esercitavano i loro diritti in maniera congiunta. Attorno al 1350 la giurisdizione di E. comprendeva, oltre a E., i villaggi di Lully, Franex, Frasses, Bussy, Morens, Rueyres-les-Prés, Vernay, Forel, Autavaux, Montbrelloz, Sévaz, Montet (Broye) e Aumont, più tardi anche Granges-de-Vesin. Nel 1349 Guillaume d'E. vendette la metà della signoria in suo possesso a Isabelle de Chalon, signora del Paese di Vaud, per 3300 lire losannesi; gli eredi di Isabelle la cedettero poi al conte Amedeo VI di Savoia nel 1359; nel 1421 il conte Amedeo VIII trasferì la stessa parte di signoria a Umberto di Savoia, che nel 1432 riuscì inoltre a ottenere da Anselme e Jacques d'E. la signoria di Chenaux. Dopo la morte di Umberto nel 1443, le due signorie in suo possesso ritornarono al conte di Savoia, che nel 1454 vendette Chenaux a Jacques d'E. Nel 1488 Jean, abiatico di quest'ultimo, cedette Chenaux a estinzione di un debito alla città di Friburgo, che vi insediò un castellano. Al momento della conquista del Paese di Vaud nel 1536, i Friburghesi occuparono la fortezza di Savoie e si appropriarono della signoria ad essa legata; la castellania divenne così un baliaggio friburghese. Il balivo, che allo stesso tempo ricopriva la carica di scoltetto della città di E., risiedeva nella fortezza di Chenaux. Quando, nel 1632, Laurent d'E. morì senza discendenti, i Friburghesi colsero l'occasione per impadronirsi dell'intera antica signoria di E. Nel 1798 il baliaggio fu incorporato nel distr. di E., nel 1848 nel nuovo distr. della Broye.

Riferimenti bibliografici

  • H. de Vevey, «Les sires d'Estavayer», in GHS, 2, 225-348
  • B. de Vevey, Châteaux et maisons fortes du canton de Fribourg, 1978, 115-130
  • D. Tappy, Les Etats de Vaud, 1988, 149-152
  • G. Castelnuovo, L'aristocrazia del Vaud fino alla conquista sabauda, 1990, 127-130