de fr it

Ortenstein

Castello abitato nel comune di Domleschg (GR), situato su uno sperone roccioso dominante il Reno posteriore; (1309; Ortenstain). Antica signoria e poi com. giurisdizionale delle Tre Leghe nella Domigliasca esterna, delimitato dal Reno e dal Riedbach. La fondazione della rocca con la costruzione del mastio ebbe luogo verso il secondo quarto del XIII sec. Dal 1275 feudo vescovile dei baroni von Vaz, la corte (Meierhof) di Tomils formava il nucleo della signoria territoriale della Domigliasca esterna, con i diritti ecclesiastici e la fortezza di O., residenza dei feudatari, eretta al di sotto del villaggio. Nel 1338 la signoria di O. passò ai conti von Werdenberg-Sargans (fino al 1509), che nel 1472 respinsero in via definitiva le pretese vescovili. La rocca fu distrutta durante la faida dello Schams, ma l'arbitrato del 1451 ne autorizzò tuttavia la ricostruzione. Nel 1527 Ludwig Tschudi il Giovane vendette O. (con tutti i diritti signorili connessi) a Tomils, che nel 1528 cedette di nuovo il castello come proprietà privata; da allora tutti i diritti signorili spettarono al com. giurisdizionale sovrano di O., con le sette vicinie di Tomils (sede della Landsgemeinde), Paspels, Dusch, Rodels, Trans, Scheid e Feldis. Dopo la Riforma, verso la fine del XVI sec. rimasero catt. solo Tomils, Paspels e la maggioranza degli ab. di Rodels. Insieme al com. giurisdizionale di Fürstenau O. formava, nell'ambito della Lega Caddea, il Comun grande della Domigliasca. L'affare di Tomils (1766) portò nel 1788 alla creazione delle due semigiurisdizioni di O. im Berg (con Trans, Scheid e Feldis) e O. im Boden. Di nuovo riunite, dal 1851 le giurisdizioni di O. e di Fürstenau formano il circ. (in origine di lingua rom.) della Domigliasca. I progetti di aprire un'Acc. nel castello (1767) e più tardi una scuola agraria (1850 ca.) non vennero mai realizzati. Ristrutturato due volte (1720-40, dopo il 1860), il complesso oggi è proprietà privata.

Riferimenti bibliografici

  • A. Castelmur, «Aus der Geschichte der Gerichtsgemeinde Ortenstein», in BM, 1939, 325-348
  • O. P. Clavadetscher, W. Meyer, Das Burgenbuch von Graubünden, 1984, 146-149
Link
Altri link
e-LIR
Controllo di autorità
GND