de fr it

Zollbrück

Villaggio nei com. di Lauperswil (BE) e Rüderswil (BE). Nel 1551 i com. parrocchiali di Trachselwald, Langnau, Trub, Lauperswil e Rüderswil ottennero una concessione per la costruzione di un ponte con dazio sulla Emme. Il pedaggio per le spese di manutenzione del ponte fu stabilito da Berna, che percepiva la metà dei tributi. Dal 1552 il villaggio si sviluppò in un primo momento attorno alla testa di ponte e alla taverna, poi incluse i territori alluvionali (Schachen) colonizzati, situati lungo la strada per Langnau im Emmental. A Z. si insediarono lavoratori giornalieri, attivi anche nell'artigianato, a cui nel XVIII sec. si aggiunsero artigiani edili e chiodai; la filatura e la tessitura costituivano una fonte di reddito accessoria. La correzione della Emme (XIX sec.), la realizzazione della linea ferroviaria dell'Emmental (1881) e la strada sul fondovalle (1899) avviarono lo sviluppo artigianale e industriale di Z. Nel 2012 facevano parte di Z. anche Bomatt, Neumühle, Mungnau e i nuovi quartieri di Harzer e Knubelacker sulla riva destra della Emme, nonché Tannschachen e Kalchmatt su quella sinistra. Z. costituiva il centro artigianale (edilizia, costruzione di macchine, coltelleria, segherie) e di servizi (commercio di prodotti agricoli regionali, centro commerciale, banche, assicurazioni, scuola elementare e secondaria, casa per anziani regionale) dei com. di Lauperswil e Rüderswil.

Riferimenti bibliografici

  • FDS BE, II/8
  • W. Steiner, Geschichte der Zollbrücke im Emmental, 1948
  • K. Zaugg, Bauinventar der Gemeinde Rüderswil, 2003
  • R. Hug, Bauinventar der Gemeinde Lauperswil, 2005