de fr it

HasenburgLU

Fortezza situata su una propaggine del Wellberg sopra la Wigger, nel comune di Willisau (LU), sul territorio dell'ex comune di Willisau Land; (1285: die nüwen Hasenburc). Eretta dopo la metà del XIII sec. dai baroni von H., a seguito della divisione della proprietà tra i vari rami della fam. (1285) divenne il centro amministrativo dei possedimenti dei baroni a Willisau. Questi comprendevano anche i beni nell'Argovia a sud dell'Hauenstein, spec. i diritti di patronato nella grande parrocchia di Willisau e a Menznau, diritti legati alla bassa giustizia e che potevano essere trasformati in diritti territoriali. La signoria di H., il cui territorio era poco compatto, dipendeva in primo luogo dalla fortezza. Ai baroni von H. appartenevano anche ministeriali omonimi, probabilmente un ramo dei signori von Schenkon. Intorno al 1302 gli H. passarono, con la loro fortezza, sotto la sovranità feudale degli Asburgo, ottenendo in cambio il diritto di fondare una città a Willisau. Nel 1321 acquisirono in pegno il baliaggio austriaco di Willisau. Nella seconda metà del XIV sec. il loro potere si dissolse gradualmente a causa dei debiti. Dopo il 1364 passò per linea ereditaria ai signori d'Aarberg-Valangin. Dopo il saccheggio compiuto dalle città austriache di Zofingen e Sursee e la razzia da parte bernese nella guerra di Sempach, nel 1386 la fortezza venne abbandonata. Guillaume d'Aarberg vendette la signoria di H. a Lucerna (1407). Nel sito della fortezza sono stati effettuati alcuni scavi (1958-59).

Riferimenti bibliografici

  • A. Bickel, Willisau, 1982