de fr it

Angenstein

Complesso medievale fortificato, nel com. di Duggingen (BL), all'ingresso della gola dalla quale la Birsa si immette nella pianura sottostante. Stando a dati dendrocronologici, la costruzione fu iniziata dopo il 1286, forse per volontà dei Münch, ministeriali vescovili, che la fecero edificare su un loro allodio. Nella prima metà del XIV sec., i conti von Thierstein e gli Asburgo-Laufenburg compaiono quali feudatari del capitolo cattedrale basilese: i Münch avevano probabilmente venduto loro la fortezza ed erano perciò attestati solo quali feudatari minori. Nel 1460 la linea maschile dei Münch von Landskron si estinse e il feudo vacante di A. venne acquisito dai von Thierstein; la città di Soletta ottenne il diritto di servirsene in caso di necessità (ius aperturae). Il feudo passò a diversi personaggi al seguito dei von Thierstein: dapprima a Valentin von Neuenstein (1486), poi a Friedrich Kilchmann e alla sua vedova, Elisabeth von Offenburg. La storia del complesso è molto movimentata: nel 1356 un terremoto fece crollare parte dell'edificio; ricostruito dopo il 1364, venne devastato da un incendio nel 1494; nuovamente restaurato, nel 1517 subì un secondo incendio. In occasione della disputa attorno all'eredità dei von Thierstein, casato in via di estinzione, A. fu acquistato dal principe vescovo di Basilea nel 1517, mentre Soletta dovette accontentarsi del diritto di passaggio, che ottenne nel 1522, e della promessa, strappata al suo antagonista, di non più fortificare la fortezza semidistrutta. Nel 1557 il vescovo concesse A. in feudo al suo cancelliere Wendelin Zipper, a condizione che questi provvedesse a ricostruirlo entro otto anni. Nel 1562 fu eretta l'ala occidentale; il maschio rimase per sec. un involucro vuoto (la parte bassa fu parzialmente edificata solo nel XIX sec.); la cappella dei SS. Wendelino e Anna venne riconsacrata. Gli Zipper rimasero proprietari della fortezza fino al 1751; in seguito passò in eredità ai Noël e ai Grandvillars. Adibito in seguito a residenza privata, l'edificio superò indenne il periodo rivoluzionario. Nel 1815 fu annesso con la valle di Laufen al cant. Berna, dal 1994 si trova sul territorio di Basilea Campagna. Divenuto proprietà privata del cant. di Basilea Città nel 1951, il complesso è stato sottoposto a importanti restauri fra il 1988 e il 1992.

Riferimenti bibliografici

  • W. Meyer, Burgen von A bis Z, 1981, 153 sg.
  • ASSPA, 73, 1990, 226
Link
Controllo di autorità
GND