de fr it

Sinneringen

Frazione del com. di Vechigen (BE); (1261-63: Sineringen). Fino alla centralizzazione com. del 1966, la circoscrizione com. (Viertelsgemeinde) di S., parte della parrocchia e del com. di Vechigen, comprendeva il villaggio di S., le frazioni di Boll e Dentenberg e insediamenti sparsi nel Worblental e sul Dentenberg. Sui terrazzi sopra la Worblen sono state rinvenute tombe della cultura di Hallstatt con corredi di gioielli, sull'Hubel una villa romana. Nel XIII sec. i conti von Kyburg detenevano diritti di baliaggio. Situato lungo la strada per Berna e la ferrovia del Worblental, dopo il 1950 il villaggio di S. divenne parte dell'agglomerato urbano bernese. Un'intensa attività edilizia portò alla fusione di S. e Boll: nel 2005 nelle due frazioni abitava oltre la metà della pop. del com. di Vechigen. La residenza di campagna S. sopra il villaggio fu proprietà dei Dünki, dei von Diesbach e dei von Bonstetten. Nel 1729 Hans Rudolf von Diesbach fece costruire il cosiddetto Schlössli (all'inizio del XXI sec. proprietà privata). Nel 1844 il pittore August von Bonstetten ampliò l'edificio con un gabinetto e una torre dell'orologio. Tra il 1993 e il 1996 al margine settentrionale del parco sorse il centro residenziale Schlosspark, realizzato dallo studio di architettura Atelier 5.

Riferimenti bibliografici

  • AA. VV., Geschichte der Gemeinde Vechigen, 1995, 243-245
  • T. Mosimann, Schlosspark, 1999
  • N. Clerc, August von Bonstetten 1796-1879, 2001, 37-72