de fr it

LéonMontandon

8.12.1884 Neuchâtel, 11.3.1971 Neuchâtel, rif., di La Brévine e Le Locle. Figlio di Henri, droghiere, e di Zélie-Augusta Maire. Cécile-Célina Vaucher, figlia di Daniel François, orologiaio. Dopo un apprendistato di fotoincisore, fu aiuto archivista all'Archivio di Stato di Neuchâtel. Si formò sotto la guida di Arthur Piaget e Louis Thévenaz, al quale succedette come archivista di Stato (1948). Lavorò anche per il Museo di storia della città di Neuchâtel (conservatore aggiunto nel 1924), e in particolare per il gabinetto numismatico, di cui divenne conservatore nel 1919. Specializzato nei campi della genealogia, dell'araldica e della numismatica, pubblicò numerosi articoli, in particolare sul Musée neuchâtelois (quasi 400) e si impegnò in varie ass., tra cui la Soc. di storia e di archeologia del cant. di Neuchâtel e la Soc. sviz. di numismatica. Nel 1949 fu insignito del dottorato h.c. dell'Univ. di Neuchâtel.

Riferimenti bibliografici

  • A. Schnegg, «L. Montandon (1884-1971)», in MN, 1971, 125-131
Link
Controllo di autorità
GND
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 8.12.1884 ✝︎ 11.3.1971

Suggerimento di citazione

Volorio Perriard, Myriam: "Montandon, Léon", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 23.02.2010(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/008537/2010-02-23/, consultato il 18.06.2021.