de fr it

Lago diPfäffikon

Bacino lacustre nell'Oberland zurighese, formatosi durante l'ultima glaciazione (XIV millennio a.C.) in seguito al ritiro del ghiacciaio della Linth (torbiere alte e basse, resti di boschi di betulle e pini): ha una superficie di 3 km², una profondità massima di 36 m e un bacino imbrifero di 40 km². Affluente è il Kemptnerbach, mentre il deflusso, regolato secondo la concessione del 1880, avviene attraverso l'Aa. Il lago di P. fece parte di un'area precocemente colonizzata. Sono state rinvenute tracce mesolitiche (reperti in silice) e diverse stazioni lacustri neolitiche a Pfäffikon e Wetzikon, insediamenti del Bronzo medio e tardo a Pfäffikon e Kempten, villae romane a Bürglen e Irgenhausen (II sec. d.C.) e un castrum (370 ca.) presso Irgenhausen. Il diritto di pesca, menz. nel 965, appartenne verso il 1300 agli Asburgo, dopo il 1452 alla città di Zurigo. Dal 1830 ca. il lago fu sfruttato come bacino idrico per le filature sorte nella valle della Aa e a Uster. Nel 1948 il cant. dichiarò il lago e i suoi dintorni zona naturalistica e paesaggistica protetta, e nel 1977 l'area venne iscritta nell'Inventario fed. dei paesaggi, siti e monumenti naturali d'importanza nazionale. All'inizio del XXI sec. il lago di P. rivestiva importanza quale bacino idrico (produzione di energia), bacino di ritenuta e zona naturalistica e di svago (sentiero lungo la riva, divieto di circolazione per le imbarcazioni a motore).

Riferimenti bibliografici

  • H. Wildermuth, Der Pfäffikersee, 1977
Link
Controllo di autorità
GND
Classificazione
Ambiente naturale / Lago