de fr it

Gugler

Gugler è il nome dato ai soldati mercenari francesi e inglesi che nel 1375 avevano invaso l'Altopiano svizzero sotto la guida di Enguerrand (Ingelram) de Coucy nella contesa per l'eredità asburgica e che furono respinti dalle truppe della Svizzera centrale, del Seeland e di Berna nelle battaglie di Buttisholz, Ins e Fraubrunnen. Il termine deriva dagli elmi a forma di calotta (tedesco Gugel; latino cuculla/cucullus) di questi soldati.

Enguerrand VII de Coucy (ca. 1340-1397), originario della Francia settentrionale, discendeva dagli Asburgo (il nonno materno era il duca Leopoldo I d'Austria). Durante una tregua nella guerra dei Cent'anni, assoldò ca. 22'000 soldati senza impiego con l'intenzione di appropriarsi con la forza dell'eredità spettante a sua madre Caterina d'Austria, ma trattenuta dai duchi Leopoldo III e Alberto III d'Asburgo. La spedizione mirava ad occupare l'Argovia asburgica, in particolare le città assegnate in eredità alla madre nel contratto matrimoniale del 20 aprile 1310 tra i suoi genitori Leopoldo I e Caterina di Savoia (Willisau, Sempach, Sursee, Aarau, Lenzburg, Bremgarten).

All'inizio di dicembre del 1375 i Gugler calarono dai passi del Giura devastando e incendiando le terre lungo l'Aar e accampandosi nei monasteri e nei loro dintorni: de Coucy con la maggior parte delle truppe a Sankt Urban, il capitano Jean de Vienne, ammiraglio francese e cugino dell'omonimo vescovo di Basilea Jean de Vienne, a Gottstatt e il capitano gallese Owen Lawgoch (Yvain de Galles) a Fraubrunnen. Gli abitanti più coraggiosi delle regioni invase, ma in seguito anche i cittadini di Berna, si organizzarono contro i soldati mercenari che vagavano rapinando, uccidendo e stuprando, infliggendo loro pesanti perdite in attacchi notturni, come probabilmente avvenne il 24/25 dicembre presso Buttisholz, il 25/26 dicembre presso Ins e la notte successiva nei dintorni di Fraubrunnen. L'intrepidezza della popolazione locale, ma soprattutto il freddo invernale e la povertà di risorse della zona indussero i Gugler a ritirarsi, prima ancora che fosse impiegato il grosso delle truppe guidato da de Coucy.

Nell'accordo del 1387 con il duca Alberto III d'Asburgo, de Coucy ottenne in pegno tra l'altro la signoria di Büren (BE), oltre alla metà della città di Nidau. Già l'anno successivo perse tali possedimenti nel Seeland a favore delle città di Berna e Soletta.

Riferimenti bibliografici

  • Lang, Beatrix: Der Guglerkrieg. Ein Kapitel Dynastengeschichte im Vorfeld des Sempacherkrieges, 1982.
Link
Scheda informativa
Contesto Enguerrand de Coucy

Suggerimento di citazione

Lang, Beatrix: "Gugler", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 19.05.2021(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/008731/2021-05-19/, consultato il 13.06.2021.