de fr it

Gian FadriCaderas

13.7.1830 Modena, 25.11.1891 Samedan, rif., di Ruschein e Luven. Figlio di Gian, uomo d'affari. Dopo un apprendistato commerciale a Modena, lavorò a Modena, Bologna e Casale Monferrato. Tornato in Engadina nel 1856, fino al 1875 fu impiegato di banca a S-chanf e poi titolare di un ufficio assicurativo a Samedan. Redattore delle riviste Il Progress (1872-73) e Fögl d'Engiadina (1880-91), fu poeta melanconico e sentimentale sui temi della natura e della nostalgia, nella linea del romanticismo europeo. Autore, fra il 1849 al 1857, di liriche in it., inedite, pubblicò nell'idioma rom. dell'Alta Engadina Rimas (1865), Nouvas Rimas (1879), Fluors Alpinas (1883), Sorrirs e larmas (1887). Sue sono pure diverse novelle, quali Il preschuner da Fuentes (1862-63), e traduzioni da poeti europei, fra cui Schiller, Goethe, Ludwig Uhland, Alfred de Musset e Henry W. Longfellow.

Riferimenti bibliografici

  • Bezzola, Litteratura, 3
Link
Altri link
e-LIR
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 13.7.1830 ✝︎ 25.11.1891