de fr it

EmilBerna

Il cameraman mentre legge la rivista Schweizer Film-Zeitung durante delle riprese nel 1948 (Collezione Cinémathèque suisse, tutti i diritti riservati).
Il cameraman mentre legge la rivista Schweizer Film-Zeitung durante delle riprese nel 1948 (Collezione Cinémathèque suisse, tutti i diritti riservati).

2.4.1907 (Emile Charles) Zurigo, 16.10.2000 Zurigo, catt., poi rif., di Mulhouse e dal 1928 di Zurigo. Figlio di Karl Alphons, rilegatore di libri, e di Martha Althaus. 1) (1930) Pauline Büttner, di Glattfelden; 2) (1940) Mina Rosa Helbling, di Escholzmatt. Dopo una formazione di grafico presso la tipografia Orell Füssli, lavorò nell'ambito della produzione documentaria dell'Ufa di Berlino e in Svizzera nel campo dei film di animazione. Dal 1927 venne assunto dalla Praesens Film AG come operatore cinematografico, cameraman e regista del breve lungometraggio Hallo Switzerland! (1929): si occupò spec. di soggetti documentari, per esempio uno spettacolare parto cesareo, che in seguito venne inserito da Eduard Tissé e Sergej M. Eisenstein in Miseria e felicità delle donne (1929). Dalla metà degli anni '30, il lungometraggio divenne un genere apprezzato e B. fu considerato il più importante cameraman del cinema sviz. Fece parte dell'équipe di Leopold Lindtberg, Franz Schnyder e Kurt Früh; seppe dimostrare la sua bravura anche in collaborazioni con Fred Zinnemann (Odissea tragica, 1948) e con Luigi Comencini (Heidi, 1952). In seguito continuò a lavorare come cameraman e regista per film su commissione.

Riferimenti bibliografici

  • H. Dumont, Histoire du cinéma suisse, 1987
  • NZZ, 20.10.2000
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 2.4.1907 ✝︎ 16.10.2000