de fr it

MargaBührig

17.10.1915 Berlino, 13.2.2002 Binningen, rif., cittadina ted., dal 1934 di Feldis/Veulden e Zurigo. Figlia di Wilhelm, economista, e di Wanda von Weyssenhoff, scrittrice. Nubile. Frequentò le scuole a Coira; conseguito il dottorato in germanistica all'Univ. di Zurigo (1939), studiò teol. e nel contempo insegnò come supplente alle scuole medie. Nel 1945 fondò a Zurigo una casa per studentesse rif.; nel 1946 collaborò al terzo Congresso sviz. per la difesa degli interessi femminili e nel 1947 fu tra le fondatrici della Federazione sviz. delle donne prot.; in seguito fu redattrice della rivista Die Evangelische Schweizerfrau. Attiva per l'Esposizione nazionale sviz. del lavoro femminile (SAFFA) del 1958, dal 1959 al 1964 fece parte della direzione dell'Alleanza delle soc. femminili sviz.; nel 1959 fu assunta dal centro convegni evangelico di Boldern, che diresse dal 1971 al 1981. Partecipò a varie conferenze ecumeniche mondiali; dal 1983 al 1991 fece parte della presidenza del Consiglio ecumenico delle Chiese. Importante esponente della teol. femminista, autrice di molti scritti su temi politici e religiosi, si è impegnata nei movimenti pacifista e femminista. Nel 1998 ricevette il dottorato h.c. dalla facoltà di teol. dell'Univ. di Basilea.

Riferimenti bibliografici

  • Spät habe ich gelernt, gerne Frau zu sein, 1987
  • M. Strub-Jaccoud, H. Strub (a cura di), Wegzeichen gelebten Evangeliums, 1985 (con elenco delle op.)
  • Sottosopra - die lustvolle Geschichte der weiblichen Freiheit, [film] regia di G. Schärer, 2001
  • NZZ, 18.2.2002
Link
Altri link
e-LIR
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 17.10.1915 ✝︎ 13.2.2002

Suggerimento di citazione

Ludi, Regula: "Bührig, Marga", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 30.01.2003(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/009279/2003-01-30/, consultato il 18.05.2021.