de fr it

EmmaCoradi-Stahl

Ritratto di Emma Coradi-Stahl. Fotografia, 1900 ca. (Archiv Gosteli-Foundation, Worblaufen).
Ritratto di Emma Coradi-Stahl. Fotografia, 1900 ca. (Archiv Gosteli-Foundation, Worblaufen).

9.11.1846 Sonnenberg (Hefenhofen), 8.4.1912 Zurigo, riformata, di Oberneunforn. Figlia di Jakob Stahl, insegnante, e di Karoline nata Schoop. (1868) Adam Coradi, docente di scuola secondaria ed editore. Emma Stahl trascorse l'infanzia a Dozwil, fu educata ai lavori femminili e imparò il francese a Neuchâtel. Dopo avere contribuito per qualche tempo al sostegno della famiglia lavorando a domicilio, nel 1874 aprì un negozio di ricamo ad Aarau. Nel 1885 aderì all'Unione delle donne svizzere, che la elesse nel suo comitato direttivo. Nello stesso anno fondò la Società femminile di utilità pubblica di Aarau. Cofondatrice (1888), direttrice della sezione di Zurigo (1903-1908) e per molto tempo membra di comitato (presidentessa, 1908-1912) della Società femminile svizzera di utilità pubblica, si impegnò soprattutto nella promozione dell'educazione delle donne in campo professionale (formazione professionale) e dell'economia domestica. Sostenne la creazione di scuole di economia domestica e partecipò al progetto di scuola per infermiere di Zurigo. Nel 1892 intervenne all'esposizione dell'artigianato di Basilea quale esperta in lavori manuali, rivendicando un sostegno finanziario dei cantoni e della Confederazione per i corsi di perfezionamento professionale delle donne (educazione femminile). Nominata nel 1896 dal Consiglio federale esperta federale per la formazione artigianale e in economia domestica, Emma Coradi-Stahl ispezionò gli istituti per il perfezionamento professionale femminile e frequentò congressi all'estero. I suoi numerosi libri sulla conduzione dell'economia domestica furono molto apprezzati. Fu inoltre redattrice fino alla morte della rivista Schweizer Frauenheim, da lei fondata nel 1893.

Riferimenti bibliografici

  • Coradi-Stahl, Emma: Über berufliche und hauswirtschaftliche Ausbildung der weiblichen Jugend in verschiedenen Ländern, 1901.
  • Coradi-Stahl, Emma: Wie Gritli haushalten lernt. Anleitung zur Führung eines bürgerlichen Haushalts in zehn Kapiteln, 1902.
  • Coradi-Stahl, Emma: Gritli in der Küche. Teil 2 von Wie Gritli haushalten lernt, 1904.
  • Neue Zürcher Zeitung, 11.4.1912 (necrologio).
  • Schweizer Frauenheim, 20.4.1912 (necrologio).
  • Frauenbestrebungen, 1.5.1912 (necrologio).
  • Huggenberg, Frieda Maria: Frauen dienen der Heimat. Drei soziale Frauenleben, 1939, pp. 63-90.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Variante/i
Emma Coradi (nome da coniugata)
Emma Stahl (nome alla nascita)
Dati biografici ∗︎ 9.11.1846 ✝︎ 8.4.1912

Suggerimento di citazione

Ludi, Regula: "Coradi-Stahl, Emma", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 29.10.2019(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/009286/2019-10-29/, consultato il 03.08.2021.