de fr it

ReginaKägi-Fuchsmann

La segretaria centrale del Soccorso operaio svizzero durante l'assemblea generale del 26.2.1949 a Zurigo. Regina Kägi-Fuchsmann siede accanto a Paul Wieser, presidente del Soccorso operaio svizzero e segretario dei servizi di previdenza sociale della città di Zurigo. Fotografia di Ernst Koehli (Schweizerisches Sozialarchiv, Zurigo, F 5025-Fd-177).
La segretaria centrale del Soccorso operaio svizzero durante l'assemblea generale del 26.2.1949 a Zurigo. Regina Kägi-Fuchsmann siede accanto a Paul Wieser, presidente del Soccorso operaio svizzero e segretario dei servizi di previdenza sociale della città di Zurigo. Fotografia di Ernst Koehli (Schweizerisches Sozialarchiv, Zurigo, F 5025-Fd-177).

10.5.1889 Zurigo, 12.6.1972 Zurigo, israelita, di Oetwil am See. Figlia di Salomon Fuchsmann, commerciante, e di Helena nata Berkowitz, di Virbalis (Lituania) e Wettswil (dal 1889). (1915) Paul Kägi, filologo classico e funzionario della pubblica assistenza, figlio di Paul, pastore riformato. Cognata di Werner Kägi. Insegnante di scuola elementare a Sankt Moritz (1911-1913), Regina Fuchsmann compì studi all'Università di Zurigo (1913-1916), conseguendo il diploma di insegnante di scuola secondaria. In seguito visse a Sciaffusa (1918-1932), dove si impegnò nella creazione dell'Associazione femminile, che presiedette nel 1923-1925, e a favore delle lavoratrici a domicilio. Aderì al Partito socialista (PS). Nel 1932 si trasferì a Zurigo, dove diresse il Soccorso proletario per i bambini (1933), un'organizzazione del PS e dell'Unione sindacale svizzera, e più tardi il Soccorso operaio svizzero (SOS), che ne prese il posto (1936-1951). Organizzò soggiorni di vacanza per figli di lavoratrici e lavoratori svizzeri e austriaci e per fanciulli profughi tedeschi. Durante la guerra civile spagnola si impegnò a favore dei bambini, poi dei profughi nei campi francesi e, dal 1940, anche di altri profughi di guerra nella Francia non occupata (azione di rifornimento «Colis suisse»), recandosi a tale scopo nelle zone belliche. Nel dopoguerra Regina Kägi-Fuchsmann coordinò gli aiuti alle vittime del conflitto e alla ricostruzione in Europa, fra l'altro come cofondatrice del Dono svizzero alle vittime della guerra (1944). Attiva nell'aiuto allo sviluppo in Nepal e in Tunisia dal 1951, nel 1955 fu tra i fondatori di Helvetas. Nel 1961 l'Università di Zurigo le conferì il dottorato honoris causa.

Riferimenti bibliografici

  • Kägi-Fuchsmann, Regina: Das gute Herz genügt nicht. Mein Leben und meine Arbeit, 1968.
  • National-Zeitung, 25.8.1966.
  • Die Tat, 15.6.1972 (necrologio).
  • Neue Zürcher Zeitung, 18.6.1972 (necrologio).
  • Tages-Anzeiger, 30.8.1998.
  • Fleury, Michèle: «Regina Kägi-Fuchsmann, socialiste et militante humanitaire», in: Vuilleumier, Marc; Heimberg, Charles (a cura di): L'autre Suisse: 1933-1945. Syndacalistes, socialistes, communistes. Solidarité avec les réfugiés2003, pp. 41-45 (Actes de la Journée d'étude du 27 mai 2000).
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Variante/i
Regina Fuchsmann (nome alla nascita)
Regina Kägi (nome da coniugata)
Dati biografici ∗︎ 10.5.1889 ✝︎ 12.6.1972

Suggerimento di citazione

Bürgi, Markus: "Kägi-Fuchsmann, Regina", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 26.11.2014(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/009339/2014-11-26/, consultato il 06.08.2021.