de fr it

EmilOprecht

23.9.1895 Zurigo, 9.10.1952 Zurigo, di Zurigo e Uttwil. Figlio di Wilhelm Oprecht, aiuto stazione e dal 1895 funzionario del fisco della città di Zurigo, e di Marie Graf. Fratello di Hans (->). (1921) Emma Fehlmann (->). Studiò economia politica all'Univ. di Zurigo (1917-21), dove conseguì il dottorato. Fu poi responsabile editoriale (1921-25) e commerciale (dal 1924) della Genossenschaft Unionsbuchhandlung und Verlag di Zurigo. Cofondatore nel 1925 della casa editrice e libreria Dr. Oprecht & Helbling, diede alle stampe libri di letteratura contemporanea, storia della letteratura e teoria economica e dal 1933 sempre più spesso opere letterarie a tema storico-culturale. Tra il 1937 e il 1940 pubblicò anche la rivista di scrittori in esilio Mass und Wert. Nel segno della resistenza antifascista fu tra i fondatori (1933) e poi responsabile unico (dal 1935) dell'Europa-Verlags AG, specializzata in saggi di storia contemporanea e politica. Presso le due case editrici apparvero opere di scrittori costretti all'esilio come Ernst Bloch, Arthur Koestler, Else Lasker-Schüler, Heinrich Mann, Alfred Polgar e Ignazio Silone. O. fu cofondatore (1938) e pres. del consiglio di amministrazione (fino al 1952) della Neue Schauspiel AG, di cui fu direttore commerciale (dal 1940). Fu membro del comitato direttivo e pres. centrale (1951-52) dell'Ass. sviz. dei librai e degli editori. La sua abitazione fu un punto di riferimento per i rifugiati; la Germania lo sottopose a sanzioni economiche tra il 1933 e il 1945. Fu il principale editore sviz. di autori stranieri in esilio.

Riferimenti bibliografici

  • Fondo presso ZBZ
  • P. Stahlberger, Der Zürcher Verleger E. Oprecht und die deutsche politische Emigration 1933-1945, 1970
  • NZZ, 9.2.1998
  • DTS, 1353
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 23.9.1895 ✝︎ 9.10.1952