de fr it

AlbertNaef

10.11.1862 Losanna, 8.1.1936 Losanna (assassinato), rif., di Bex, Wiedikon e Ginevra. Figlio di Paulin, avvocato, e di Marie Ryhiner. Pronipote di Emmanuel Develey 1) (1890) Fanny-Anna Brandt, figlia di Philippe Henri; 2) (1932) Berthe Delapierre, figlia di Joseph Eugène. Studiò al Politecnico di Stoccarda e alla scuola di belle arti di Parigi. Dopo essere stato architetto e archeologo in Francia, tornò in Svizzera, dove fu architetto, responsabile del restauro del castello di Chillon (1897-1934), primo capo del servizio vodese dei monumenti storici e primo archeologo cant. in Svizzera (1899-1934). Fu anche professore di storia dell'arte a Neuchâtel (dal 1909), professore straordinario di archeologia (1914-32) e di storia dell'arte (dal 1929) a Losanna. Presiedette la Soc. sviz. per la conservazione dei monumenti storici (1905-15) e la commissione fed. dei monumenti storici (1915). Diresse numerosi scavi (Martigny, Avenches, Orbe), stilò un inventario dei monumenti storici vodesi e partecipò a restauri in Svizzera, fra cui quelli delle chiese di Romainmôtier, Saint-Sulpice (VD) e Payerne, e all'estero (antica cappella della Guardia sviz. pontificia). Fu insignito dei dottorati h.c. delle Univ. di Zurigo (1903) e Ginevra (1909).

Riferimenti bibliografici

  • Fondo presso Museo cant. di archeologia e di storia, Losanna
  • D. Bertholet et al. (a cura di), Autour de Chillon, 1998, 49-59
  • Professeurs Lausanne, 902 sg.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Appartenenza familiare
Dati biografici ∗︎ 10.11.1862 ✝︎ 8.1.1936

Suggerimento di citazione

Huguenin, Claire: "Naef, Albert", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 28.10.2010(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/009589/2010-10-28/, consultato il 29.10.2020.