de fr it

AndreasAmrhein

4.2.1844 (Josef Amrein) Gunzwil, 29.12.1927 Sankt Ottilien (D), catt., di Gunzwil. Figlio di Johann Amrein, contadino, e di Anna Maria Bucher. Frequentò il ginnasio a Lucerna e studiò dapprima storia, disegno, architettura e filosofia a Firenze, Monaco, Parigi, Karlsruhe (1862-67), poi teol. a Tubinga (1868). Nel 1870 entrò nell'ordine dei benedettini a Beuron (D); ordinato sacerdote nel 1872, trascorse alcuni anni nei monasteri benedettini di Maredsous (Belgio), Beuron, Erdington e Mill Hill (Gran Bretagna). Nel 1884, nonostante il Kulturkampf e contro la volontà del vescovo di Ratisbona, Ignatius Senestrey, fondò un seminario missionario a Reichenbach (Baviera), approvato nello stesso anno da papa Leone XIII. Trasferitosi nel 1887 a Emming/Sankt Ottilien, diede vita alla congregazione missionaria di Sankt Ottilien e all'ordine delle suore benedettine missionarie di Tutzing. A. si prefiggeva di ravvivare l'antico ideale benedettino, che univa la vita monastica all'attività missionaria, di predicazione e di diffusione della cultura; curò la pubblicazione di un periodico, di un calendario delle missioni e di una rivista per la gioventù. Nel 1887 divenne responsabile, con il titolo di superiore generale, delle missioni nell'Africa orientale ted.; il primo monastero benedettino eretto in questa regione fu però distrutto nel 1889, mentre nel 1891 morirono il priore e il suo successore. Nel 1895 fondò a Roma una casa generalizia, ma nello stesso anno abbandonò la carica di superiore generale. Colpito da collasso nervoso, fece soggiorni di cura a Roma e a Firenze; nel 1901 tornò a Zurigo, per poi recarsi a Einsiedeln e a Mariastein. Nel 1907 si trasferì a Stoccarda, dove visse fino al 1923, dedicandosi all'illustrazione del catechismo di Rottenburg. Dal 1923 alla morte risiedette a Sankt Ottilien.

Riferimenti bibliografici

  • S. Brechter, «Beurons Beiträge zur Gründung von Sankt Ottilien», in Beuron 1863-1963, a cura di V. Fiala, 1963, 231-267
  • A. Brandstetter, P. A. Amrhein von Gunzwil, estr., 1973
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 4.2.1844 ✝︎ 29.12.1927