de fr it

JohannesFeiner

7.6.1909 Zurigo, 30.11.1985 Zurigo, catt., di Kisslegg (Algovia). Figlio di Johann Baptist, calzolaio, e di M. Meschenmoser. Studiò filosofia e teol. all'Univ. Gregoriana di Roma (1928-36), dove conseguì il dottorato in teol. Ordinato sacerdote nel 1934 a Roma, fu insegnante e viceprefetto al collegio di Svitto (1936-38) e in seguito professore di teol. fondamentale al seminario di Coira (1938-65). Cofondatore e primo direttore della Paulus-Akademie di Zurigo (1966-71), nel 1954 con il commissario vescovile Alfred Teobaldi istituì i corsi teol. per laici, che diresse dal 1971. Canonico non residente della cattedrale di Coira (1953-82), fu membro del Consiglio acc. dell'Ist. ecumenico di Gerusalemme (1965-73) e della commissione teol. papale (1969-73).

Nelle sue pubblicazioni F. trattò dei rapporti tra la teol. e le scienze naturali, come pure di escatologia e di ecumenismo. Con Otto Karrer fu tra i pionieri catt. dell'intesa tra le confessioni in Svizzera. Nel 1960 divenne consultore del segretariato per l'unità dei cristiani e accompagnò al Concilio Vaticano II gli osservatori germanofoni non catt. in veste di traduttore e mentore. Nel 1968 firmò la Dichiarazione di Berna. La sua fama come copromotore e coeditore di opere fondamentali dell'epoca postconciliare (Mysterium salutis, 1965 -81 e Neues Glaubensbuch, 1973) superò i confini nazionali.

Riferimenti bibliografici

  • in collaborazione con J. Trütsch e F. Böckle, Fragen der Theologie heute, 1957
  • J. Trütsch, «J. Feiner», in Gegen die Gottesvergessenheit, a cura di S. Leimgruber, M. Schoch, 1990, 440-448
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 7.6.1909 ✝︎ 30.11.1985