de fr it

Corpo elvetico

Il termine Corpo elvetico - al pari di Conf., Svizzera, Confoederatio helvetica, Magna Liga, Ligues e Helvetia - designò dal XVII sec. la Confederazione svizzera, ossia l'insieme dei 13 cant. e dei loro Paesi alleati. L'espressione trae origine dal nome degli Elvezi, riscoperto dagli umanisti per designare i Conf. Benché nei primi decenni del XVII sec. la locuzione Corps helvétique ricorresse spesso nella corrispondenza diplomatica degli ambasciatori franc., ancora sotto Luigi XIV furono in uso diverse varianti (Corps des Ligues helvétiques, Corps de la Nation helvétique, République helvétique); impostosi nella corrispondenza reale franc. verso la fine del XVII sec., nel XVIII sec. divenne il nome ufficiale con cui in Francia veniva chiamata la Svizzera. Nel XVIII sec. la designazione franc. entrò in uso anche nella letteratura di lingua franc. In occasione della stipulazione del Trücklibund fra i cant. catt. e la Francia nel 1715, la formula "les anciennes ligues (des Hautes Allemagnes)", che risaliva al patto con la Francia del 1663, fu sostituita con l'espressione Corps helvétique. Nel XVIII sec. la designazione franc. ufficiale della Svizzera divenne corrente anche negli Stati it., in Spagna, nei Paesi Bassi e in Inghilterra. Nei documenti in lingua ted. la Svizzera veniva designata con termini quali Corpo fed., Corpo elvetico o semplicemente Corpo, sul modello franc., oppure, più in generale, con espressioni quali Eidgnoßschaft o Eidgnossischer Stand. Nel 1792 l'ambasciatore franc. François de Barthélemy confermò alla Dieta il rispetto, da parte della Francia, della neutralità del "Louable Corps helvétique". Il termine cadde in disuso sotto l'Elvetica (1798).

Riferimenti bibliografici

  • W. Oechsli, «Die Benennungen der alten Eidgenossenschaft und ihrer Glieder», in JSG, 41, 1916, 51-230; 42, 1917, 87-258 (spec. 168-177)
  • HbSG, 675