de fr it

HansKüng

Hans Küng fotografato nell'ottobre del 2005 per un reportage pubblicato sul settimanale L'Illustré (Fotografia Eddy Mottaz).
Hans Küng fotografato nell'ottobre del 2005 per un reportage pubblicato sul settimanale L'Illustré (Fotografia Eddy Mottaz).

19.3.1928 Sursee, 6.4.2021 Tubinga, cattolico, dal 1998 di Sursee. Figlio di Johann Küng, commerciante, e di Emma nata Gut. Dopo il liceo a Lucerna, studiò filosofia e teologia all'Università Gregoriana di Roma (1948-1955). Ordinato sacerdote nel 1954, conseguì il dottorato a Parigi nel 1957 con una tesi di risonanza sovraconfessionale sulla dottrina della giustificazione per fede di Karl Barth. Vicario alla Hofkirche di Lucerna (1957-1959), assistente scientifico all'Università di Münster (1959-1960), fu poi professore di teologia fondamentale (dal 1960) e in seguito di dogmatica e teologia con indirizzo ecumenico presso la facoltà di teologia cattolica dell'Università di Tubinga (1963-1980). Nell'opera Riforma della Chiesa e unità dei cristiani (1960) diede voce alle aspettative riformatrici ed ecumeniche rivolte al Concilio Vaticano II (Concili Vaticani), cui partecipò come teologo conciliare ufficiale (1962-1965). Nel 1979, per il suo atteggiamento critico verso la dottrina dell'infallibilità papale, manifestato nel libro Infallibile? Una domanda (1970), la Chiesa gli revocò l'autorizzazione a insegnare. Dal 1980 al 1996 fu professore di teologia con indirizzo ecumenico a Tubinga quale titolare di una cattedra istituita appositamente per lui al di fuori della facoltà di teologia cattolica.

Dagli anni 1980 promosse in numerose opere il dialogo della Chiesa cattolica con le altre religioni del mondo avviato dal Concilio Vaticano II. Nel 1990 fu autore di Progetto per un'etica mondiale (primo presidente della fondazione omonima nel 1995), in cui sosteneva essenzialmente che non vi è pace mondiale senza pace religiosa. Secondo Hans Küng le religioni possono contribuire alla pace mondiale solo se riescono ad accordarsi su valori, norme e atteggiamenti fondamentali comuni. Teologo controverso, si batté per decenni in favore di una riforma interna alla Chiesa cattolica. La sua vasta opera, tradotta in diverse lingue, è nota in tutto il mondo. Gli furono conferiti numerosi premi e dottorati honoris causa.

Riferimenti bibliografici

  • Küng, Hans: Umstrittene Wahrheit. Erinnerungen, 2007 (autobiografia).
  • Küng, Hans: La mia battaglia per la libertà, 2008 (autobiografia, tedesco 2002).
  • Baumann, Urs: «Hans Küng – Theologie auf dem Weg zu einem neuen Paradigma», in: Leimgruber, Stephan; Schoch, Max (a cura di): Gegen die Gottvergessenheit. Schweizer Theologen im 19. und 20. Jahrhundert, 1990, pp. 469-498.
  • Nowell, Robert: Hans Küng. Leidenschaft für die Wahrheit. Leben und Werk, 1993 (inglese 1983).
  • Häring, Hermann: Hans Küng. Grenzen durchbrechen, 1998.
  • Derwahl, Freddy: Der mit dem Fahrrad und der mit dem Alfa kam. Benedikt XVI. und Hans Küng – ein Doppelporträt, 2006.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 19.3.1928 ✝︎ 6.4.2021

Suggerimento di citazione

Franz Xaver Bischof: "Küng, Hans", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 07.04.2021(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/009903/2021-04-07/, consultato il 27.05.2022.