de fr it

EmilPestalozzi

Biglietto funebre di Emil Pestalozzi, 6,9 x 11,5 cm, 1929 (Museum Burg Zug, Nachlass Emil Schwerzmann).
Biglietto funebre di Emil Pestalozzi, 6,9 x 11,5 cm, 1929 (Museum Burg Zug, Nachlass Emil Schwerzmann).

18.7.1852 Zurigo, 29.11.1929 Zurigo, riformato, dal 1882 cattolico, di Zurigo. Figlio di Heinrich Pestalozzi, fabbricante di seta, e di Anna nata Bodmer. (1883) Adèle Pfyffer, figlia di Max Alphons Pfyffer von Altishofen e di Mathilde nata Segesser. Emil Pestalozzi studiò medicina a Zurigo (1870-1875), conseguendo il dottorato a Würzburg nel 1877. Si specializzò in ospedali a Vienna, Parigi e Londra e nel 1879 aprì uno studio medico a Zurigo. Nel 1882 la sua conversione al cattolicesimo a Zurigo fece discutere. Attivo a Brunnen e Gersau dal 1885 al 1887, nel 1887 tornò a Zurigo per assumere la direzione medica della clinica privata Theodosianum, di cui fu uno dei fondatori. Nel 1910 si stabilì a Zugo. Pestalozzi si adoperò per la costruzione di chiese cattoliche e per lo sviluppo delle opere sociali e delle missioni della Chiesa cattolica. Presiedette l'Alt-Turicia (dal 1888), la Missione interna e l'Unione svizzera dei cattolici (1902), l'Associazione svizzera per la stampa cattolica (1916) e la federazione svizzera Caritas (1925).

Riferimenti bibliografici

  • Schweizerische Kirchenzeitung, 49, 1929, pp. 414-415.
  • Teobaldi, Alfred: Katholiken im Kanton Zürich. Ihr Weg zur öffentlich-rechtlichen Anerkennung, 1978, pp. 105-109.
  • Brülisauer, Roland: Die inländische Mission 1863-1913. Katholische Diasporahilfe in der Schweiz, 1995.
Completato dalla redazione
  • Alt-Turicia Zürich (a cura di): Stolzes Banner am Limmatstrand. Die Geschichte der Akademischen Verbindung Turicia 1860-2013, 2014, p. 69.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Appartenenza familiare
Dati biografici ∗︎ 18.7.1852 ✝︎ 29.11.1929

Suggerimento di citazione

Conzemius, Victor: "Pestalozzi, Emil", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 16.09.2020(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/009980/2020-09-16/, consultato il 02.03.2021.