de fr it

Gran balivo

Istituita nel XIII-XIV sec., la carica di gran balivo (franc. grand bailli, ma anche più semplicemente bailli; ted. Landeshauptmann, letteralmente "capitano del Paese"; da non confondere con i rappresentanti delle decanie di Saint-Maurice, Monthey, Evian e Aulps, che erano chiamati gouverneur e non bailli) era la più importante della contea del Vallese. Nacque dalla fusione delle funzioni di ballivus del vescovo di Sion, che gestiva gli affari secolari della diocesi, e di capitaneus delle decanie vallesane nella guerra contro la Savoia (da cui l'espressione capitaneus seu ballivus, diffusa nel XV sec.). Simon Murmann ab Wyler, capitaneus Allemanorum nel 1388, è considerato il primo gran balivo. Eletto durante una seduta della Dieta dal vescovo, dal capitolo cattedrale di Sion e dagli inviati delle sette decanie del Vallese, inizialmente il titolare restava in carica per un anno, divenuti due nel XV-XVI sec. e almeno dieci nel XVII-XVIII sec. Attorniato occasionalmente da servitori, dal XVI sec. fu assistito da un luogotenente, il vice gran balivo. Aveva competenze giudiziarie (il suo tribunale, che fino al 1571 si riunì sul Grand Pont a Sion, era l'istanza suprema assieme alla Dieta), curava le relazioni diplomatiche e dal 1631 convocava la Dieta. Soprattutto nel primo terzo del XVII sec., a seguito delle controversie sorte tra le decanie e il principe vescovo Hildebrand Jost, il gran balivo abbandonò progressivamente la funzione di rappresentante laico del vescovo per divenire la guida della Repubblica vallesana, prendendo il titolo di spectabilis et magnificus dominus, Seine schaubare Grossmächtigkeit o Son Excellence baillivale. La carica scomparve nel 1798, con la caduta dell'ancien régime, ma fu poi ripristinata con altri significati: dal 1802 al 1810 designò il capo dello Stato e pres. del governo della Repubblica del Vallese, dal 1815 al 1839 il pres. dell'esecutivo e del legislativo. Dalla metà del XIX sec. il titolo di Landeshauptmann designa il pres. del Gran Consiglio nella parte germanofona del Vallese.

Riferimenti bibliografici

  • G. Ghika, La fin de l'état corporatif en Valais et l'établissement de la souveraineté des dizains au XVIIe siècle, 1947
  • von Roten, Landeshauptmänner
Scheda informativa
Contesto Governatore del Vallese