de fr it

Giovan BattistaPioda

13.12.1786 Locarno, 29.6.1845 Lugano, catt., di Locarno. Figlio di Giovan Battista, mercante, e di Francesca Bustelli. Teresa Ghiringhelli, figlia di Carlo, di Bellinzona. Cognato di Paolo Ghiringhelli. Inizialmente attivo nel commercio, si ingaggiò in seguito come ufficiale nel reggimento sviz. capitolato in Olanda (1816-20 e 1822). Rientrato definitivamente nel Ticino, si dedicò alla politica e ricoprì la carica di ispettore ed istruttore militare del contingente cant. Nel 1814, in occasione della grave crisi costituzionale ticinese, partecipò a Giubiasco al congresso delle deputazioni dei circ. e fece parte della deputazione inviata alla Dieta di Zurigo. Membro del Gran Consiglio ticinese (1824-30, 1839-45), deputato alle Diete fed. (1826, 1828, 1833) e Consigliere di Stato (1824-38), fino alla riforma costituzionale del 1830 svolse un'attività politica all'ombra del Landamano Giovan Battista Quadri, con il quale venne coinvolto nel 1827 in un tentato veneficio. In seguito si accostò alla corrente radicale, di cui divenne uno degli esponenti più in vista. Attivo in varie soc. di ispirazione liberale, fu tra i fondatori dei Carabinieri ticinesi.

Riferimenti bibliografici

  • AFam presso ASTI
  • F. Pedrotta, «I Pioda di Locarno», in BSSI, 1931, 1 sg.
  • C. Agliati, «Le carte dei Pioda locarnesi [Repertorio delle fonti archivistiche]», in AST, 111, 1992
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 13.12.1786 ✝︎ 29.6.1845