de fr it

Santorre diSantarosa

18.11.1783 Savigliano (Piemonte), 8.5.1825 Sfacteria (Grecia). Figlio di un colonnello della piccola nobiltà piemontese. Nel 1795 partecipò come alfiere alla campagna contro i Francesi; fece parte dell'esercito sabaudo fino al 1816, quando divenne capo di divisione nella segreteria di guerra. Contribuì all'organizzazione e alla guida dei moti piemontesi del 1821, assumendo il ruolo di ministro della guerra. La repressione che ne seguì lo spinse all'esilio, mentre tutti i suoi beni vennero confiscati. Si rifugiò in Svizzera franc., dove rimase, senza stabilirsi in un luogo fisso, per alcuni mesi. Dopo una breve prigionia in Francia, nell'ottobre 1822 si trasferì a Londra; qui conobbe i fratelli Giacomo e Filippo Ciani. Direttore di una scuola a Nottingham, nel 1824 si imbarcò per la Grecia per combattere i Turchi, da cui fu ucciso nella battaglia di Sfacteria. Fu autore di diversi scritti patriottici.

Riferimenti bibliografici

  • Ricordi, 1818-1824, 1998
  • G. Ferretti, Esuli del Risorgimento in Svizzera, 1948, 83-94
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 18.11.1783 ✝︎ 8.5.1825