de fr it

HieronymusAnnoni

12.9.1697 Basilea, 10.10.1770 Basilea, rif., di Basilea. Figlio di Nikolaus, Consigliere, e di Maria Salome Burckhardt. (1734) Esther Gottfried, nata Zwinger, vedova di un farmacista. Consacrato pastore nel 1719, fino al 1732 fu precettore presso la fam. Im Thurn, a Girsberg (com. Waltalingen) e a Sciaffusa. Compì poi vari viaggi in Svizzera (1729 e 1730-31), Germania (1732-33 e 1736) e Olanda (1736), nel corso dei quali conobbe esponenti di spicco del movimento pietista. Divenuto indipendente sul piano economico grazie al patrimonio della moglie, nel 1739 accettò tuttavia di assumere la guida della parrocchia di Waldenburg, dove rimase fino al 1746; dal 1746 al 1770 fu pastore a Muttenz. Moderato, lontano da ogni tipo di estremismo, alla devozione pietista unì una visione della vita ispirata agli ideali illuministi. Oltre che per i suoi sermoni, molto conosciuti anche al di fuori della sua parrocchia, assurse a notorietà quale animatore delle cosiddette conventicole (riunioni di fedeli a scopo edificante). Benché queste sue attività irritassero autorità e colleghi, non venne mai ostacolato, perché rimase sempre ligio ai principi della Chiesa. Grazie a lui il pietismo basilese si affermò, riuscendo a consolidare la propria posizione all'interno della Chiesa cant. Le opere a stampa di A. che ci sono state tramandate si limitano a canti sacri, poesie religiose e pochi sermoni. Alcuni canti di sua creazione arricchiscono la raccolta Christen-Schatz (1739), pubblicata dallo stesso A. sulla base di libri precedenti. Altre sue composizioni sono pure contenute nel Christliches Gesangbuch (1743), che A. compilò su incarico della Chiesa basilese e che rimase in uso fino al XIX sec.

Riferimenti bibliografici

  • Fondo presso UBB
  • G. A. Wanner, «H. Annoni», in Der Reformation verpflichtet, 1979, 67-72
  • H. Gantner-Schlee, H. Annoni, 2001
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF