de fr it

Johann HeinrichHeidegger

1.7.1633 Bäretswil, 18.1.1698 Zurigo, rif., di Zurigo. Figlio di Johann Hartmann, decano del capitolo, e di Magdalena Wagner, figlia di un pastore rif. (1660) Elisabeth de Duno. Studiò presso il Carolinum di Zurigo, a Marburgo (con Johann Crocius) e a Heidelberg, dove ottenne il dottorato in teol. e fu collaboratore di Johann Heinrich Hottinger. In seguito divenne professore a Steinfurt, in Vestfalia (1659-65) e succedette a Hottinger quale professore di esegesi e dogmatica a Zurigo (dal 1667 alla morte). Con lui la tarda ortodossia rif. zurighese raggiunse il periodo di massimo sviluppo. Sostenne la teol. del patto, ispirata alla vecchia Riforma e sviluppata ulteriormente da Giovanni Cocceo, che collegava la tradizione biblica al concetto di alleanza inserendola nella dinamica delle categorie della storia della salvezza. In relazione con François Turrettini e Lukas Gernler delineò la Formula Consensus (1675) contro l'ipotetico universalismo della salvezza sostenuto da Moyse Amyraut e contro la critica testuale della Bibbia ad opera di Louis Cappel, riuscendo tuttavia ad evitare che fossero inclusi in questo rifiuto la dottrina di Cocceo e il cartesianismo. Sostenne le aspirazioni unitarie interne ai prot., sostenne energicamente i predicatori ungheresi perseguitati e lottò contro il cattolicesimo nei suoi scritti di controversia teol.

Riferimenti bibliografici

  • Tumulus Tridentini Concilii, 2 voll., 1690
  • Medulla theologiae christianae, 1696
  • Historia vitae Johannis Henrici Heideggeri, 1698
  • M. Geiger, Die Basler Kirche und Theologie im Zeitalter der Hochorthodoxie, 1952
  • K. Hutter, Der Gottesbund in der Heilslehre des Zürcher Theologen J. H. Heidegger, 1955 (con bibl.)
  • H. Heppe, Die Dogmatik der evangelischreformierten Kirche, 1958 (intr. di E. Bizer, LXXVIII sg.)
  • R. Pfister, Kirchengeschichte der Schweiz, 2, 1974
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 1.7.1633 ✝︎ 18.1.1698