de fr it

GiovanniBeccaria

ca. 1511 Locarno, 1580 Chiavenna, di un'agiata fam. milanese stabilitasi a Locarno. Vaghe e incerte sono le notizie sulla vita fino al 1536, quando assunse la direzione della scuola lat. di Locarno. Intorno al 1539 cominciò a interessarsi alle idee della Riforma, alla cui diffusione si adoperò con il sostegno materiale del balivo Joachim Bäldi e l'assistenza teol. di Konrad Pellikan. Venne incarcerato nell'agosto del 1549 in seguito a una disputa religiosa pubblica; subito rilasciato, abbandonò Locarno. Informati i cant. evangelici delle tribolazioni della ecclesia locarnensis, si ritirò in Mesolcina; qui svolse attività di maestro e predicatore. Nel 1555 seguì i rif. locarnesi esuli a Zurigo come catechista e diacono. Nel 1559 riprese l'opera di predicazione nella Mesolcina, da dove fu bandito nel 1561 in seguito alla reazione catt. Rifugiatosi a Chiavenna, nel 1570 tentò invano di rientrare nel territorio grigionese; nel 1571 divenne pastore di Bondo.

Riferimenti bibliografici

  • R. Pfister, «Die Reformationsgemeinde Locarno 1540-1555», in Zwingliana, 10, 1955, 161-181
Link
Altri link
e-LIR
Controllo di autorità
GND
VIAF