de fr it

ElieBertrand

17.5.1713 Orbe, 23.8.1797 Yverdon, rif., di Yverdon. Discendente di una fam. ugonotta, originaria di Nyons nel Delfinato, rifugiatasi in Svizzera nel 1684, cittadino di Orbe (1699) e di Yverdon (1711). Figlio di Elie, farmacista, pres. del Concistoro di Orbe, e di Marie Faure (o Favre). Fratello di Jean (->). 1) Louise Meyn; 2) Elisabeth-Ursule Marcuard. Studiò teol. a Losanna, Ginevra e Leida (1731-38). Consacrato a Losanna nel 1740, fu pastore a Ballaigues e Orbe (1740-44); in seguito entrò al servizio della Chiesa franc. di Berna dapprima come diacono poi come pastore (1744-65). Nel 1765 divenne consigliere personale del re Stanislao Augusto Poniatowski di Polonia e assunse la direzione del Dip. dell'industria, dell'agricoltura e delle scienze naturali a Varsavia (1765-66). Ritornò in patria nel 1767 e l'anno seguente fu ammesso alla nobiltà polacca. Si stabilì a Champagne, presso Yverdon, dove fondò la biblioteca e la Soc. economica della città; si dedicò allo studio delle scienze. Il suo laboratorio di storia naturale è all'origine del Museo di Yverdon. Ebbe scambi epistolari con Voltaire, Albrecht von Haller, Linneo; fu segr. romando della Soc. economica di Berna e membro delle Acc. di Berlino, Gottinga, Lipsia, Basilea, Stoccolma, Monaco, Lione e Firenze. Oltre a trattati di teol., sermoni e al Recueil des ordonnances ecclésiastiques pour le Pays de Vaud (1758), pubblicò numerose opere che attestano la varietà e la vastità delle sue ricerche in filosofia, linguistica, storia naturale, sismologia e idrografia.

Riferimenti bibliografici

  • P. Dumont, «J.-E. Bertrand», in Revue de théologie et de philosophie, 1905, 217-269
  • Livre du Recteur, 2, 196
  • Le Refuge huguenot en Suisse, cat. mostra Losanna, 1985, 272 sg.
  • M. Weidmann, «Un pasteur-naturaliste du XVIIIe siècle», in RHV, 1986, 63-108
  • H. Mason, «Voltaire and E. Bertrand», in De l'humanisme aux Lumières, a cura di M. Magdelaine et al., 1996, 715-726
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF