de fr it

Wilhelm Martin LeberechtDe Wette

Ritratto; litografia disegnata e incisa attorno al 1825 da Sophie Fornachon (Universitätsbibliothek Basel).
Ritratto; litografia disegnata e incisa attorno al 1825 da Sophie Fornachon (Universitätsbibliothek Basel).

12.1.1780 Ulla presso Weimar, 16.6.1849 Basilea, luterano, della Sassonia. Figlio di Johann Augustin, discendente di una fam. di pastori rif., di origine olandese. 1) Eberhardine Boye; 2) Henriette Frisch, vedova Beck; 3) (1833) Sophie Streckeisen, vedova di Abraham Rudolf von May, pastore rif. bernese. Dal 1799 studiò teol. a Jena, dove nel 1805 conseguì il dottorato e l'abilitazione. Dal 1807 fu professore straordinario e dal 1809 ordinario di esegesi a Heidelberg. Nel 1810 diventò professore di teol. alla nuova Univ. di Berlino; nel 1819 fu sospeso dalle sue funzioni poiché aveva inviato una lettera consolatoria alla madre di Karl Ludwig Sand, assassino di August von Kotzebue. Dal 1822 fu professore di teol. a Basilea. Influenzato da Johann Gottfried Herder e Jakob Friedrich Fries, fu una personalità di spicco in seno alla facoltà basilese, sia come esponente di rilievo dell'esegesi storico-critica della Bibbia (fu autore, in particolare, di un'analisi critica del Pentateuco), sia come teologo sistematico e scrittore religioso. Liberale, fu inizialmente osteggiato dalle cerchie pietiste, che lo accettarono solo più tardi. Nel suo ruolo di pacato mediatore fu una personalità influente anche oltre i confini basilesi.

Riferimenti bibliografici

  • Fondo presso UBB
  • K. Barth, Die protestantische Theologie, 1947, 433-441
  • E. Staehelin, Dewettiana, 1956
  • TRE, 8, 616 sg.
  • J. W. Rogerson, W. M. L. de Wette - Founder of Modern Biblical Criticism, 1992
  • H.-P. Mathys, K. Seybold, W. M. L. de Wette, 2001
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 12.1.1780 ✝︎ 16.6.1849