de fr it

Frohburg

Importante insediamento fortificato, situato nel com. di Trimbach (SO) poco lontano della strada sull'Hauenstein inferiore; il nome designa anche una signoria medievale; (1114: Vroborc; 1124: Froburc). Il termine fu tramandato inizialmente solo dai proprietari e la fortezza è documentata soltanto nel 1237 (Vroburch). Dopo i primi scavi praticati con metodi approssimativi (1907 e 1937-40), il sito fu studiato e restaurato con criteri scientifici (1973-77). I reperti risalgono al Neolitico (cultura di Horgen, ceramica a cordicella), alla media e tarda età del Bronzo, al periodo delle culture di Hallstatt e del tardo La Tène, fino all'epoca romana (III-IV sec.).

Situati su un lungo terrazzo roccioso, i reperti rinvenuti nella caratteristica fortezza dinastica del basso ME (oggi conservati al Museo storico di Olten) permettono di far risalire la sua costruzione tra il X e l'inizio del XIV sec. Prima del 1100 furono edificate una cinta muraria e un semplice salone, oltre a strutture in legno di uno o due locali. Dopo il 1100 furono costruiti in varie tappe edifici in pietra più significativi, raggruppati attorno a una corte interna e addossati presso la torre alla cinta muraria, che seguiva il bordo naturale del terrazzo roccioso. Al di là di un fossato artificiale posto a nord della fortezza principale si trovava un fortino triangolare. Un blocco di roccia situato nell'angolo sudoccidentale del sito fu integrato nel complesso edilizio. Ampliamenti e trasformazioni per mezzo di cisterne, torri e laboratori artigianali proseguirono fino al XIII sec. L'ala residenziale nella parte nordoccidentale si rifaceva ai modelli imperiali degli Staufer.

La fortezza fu la residenza dei conti von F. fin verso il 1250. Secondo le fonti, il loro seguito comprendeva scalchi, marescialli, scrivani ed ecclesiastici. L'archeologia attesta la presenza di servi e artigiani che producevano oggetti in ferro, osso e manufatti tessili. Dopo il 1250 i conti si spostarono in altri centri (Waldenburg, Neu-Homberg, Wartenberg), mentre l'attività artigianale fu ripresa nelle città fondate dai von F. Di conseguenza numerosi edifici della fortezza furono abbandonati; nel 1300 solo le costruzioni sul terrazzo di roccia e una casa situata nell'ala orientale risultavano occupate da castellani con il titolo di cavalieri. Nel 1307 il complesso fu venduto ai conti von Nidau. Gli assassini di re Alberto vi cercarono invano rifugio (1309). Probabilmente verso il 1330 la fortezza fu definitivamente abbandonata; nell'anno del terremoto di Basilea (1356) già si manifestavano i segni del degrado.

Una piccola signoria fondiaria assicurava il sostentamento della fortezza: secondo l'urbario (1376) comprendeva Trimbach, Wisen, Ifenthal, Hauenstein, Adliken e la curtis di F. La signoria fu ereditata dai conti von Thierstein-Farnsburg (dopo il 1375) e dai baroni von Falkenstein (1418); Soletta la acquistò nel 1458.

Riferimenti bibliografici

  • P. Gutzwiller, Das vormittelalterliche Fundgut vom Areal der Frohburg bei Trimbach/SO, 1989
  • W. Meyer, Die Frohburg, 1989
Link
Controllo di autorità
GND