de fr it

Università di Losanna

Fondata nel 1537, poco dopo la conquista bernese, la schola lausannensis (il termine Accademia fu adottato solo nel XVII sec.) era incaricata dell'insegnamento della teol. e della nomina dei nuovi pastori del Paese di Vaud. Acquisì rapidamente grande notorietà come prima scuola di teol. prot. di lingua franc., per la sua vocazione umanistica e grazie a professori quali Mathurin Cordier e Celio Secondo Curione. L'anno 1558 segnò una svolta: in un momento in cui la scuola contava ca. 700 studenti, Teodoro di Beza, all'epoca rettore, rassegnò le dimissioni a causa di profondi dissapori con le autorità bernesi e raggiunse Giovanni Calvino a Ginevra. Nel 1559 fu seguito da Pierre Viret e dai suoi colleghi. La fondazione, lo stesso anno, della schola genevensis fece perdere il primato a quella di Losanna. L'ist. si risollevò con difficoltà da questa vicenda e da quella della Formula Consensus", nonostante gli sforzi dei Bernesi che tra l'altro la dotarono di una propria sede (1587). Nel 1741 l'Acc. contava 150 studenti e sette cattedre, di cui due di teol. Auguste Tissot vi teneva inoltre saltuariamente corsi di medicina.

Prima pagina del numero unico di un giornale apparso in occasione dell'inaugurazione dell'Università nel maggio del 1891 (Musée historique de Lausanne, Archives Bridel).
Prima pagina del numero unico di un giornale apparso in occasione dell'inaugurazione dell'Università nel maggio del 1891 (Musée historique de Lausanne, Archives Bridel). […]

Nel 1803 il cant. Vaud divenne responsabile dell'istruzione pubblica, ma solo nel 1837 le autorità modificarono profondamente il funzionamento dell'Acc., con l'istituzione della scuola superiore, l'introduzione del franc. come lingua di insegnamento, l'articolazione in tre facoltà (lettere e scienze naturali, teol., diritto) e la secolarizzazione dell'ist., che smise di essere principalmente una scuola di teol. Fino al 1845 l'Acc. visse un periodo di fioritura con insegnanti illustri quali Charles-Augustin Sainte-Beuve, Alexandre Vinet e Juste Olivier, strettamente legati alle autorità politiche liberali. Se la rivoluzione del 1845, con le dimissioni dei professori che avevano aderito alla Chiesa libera in seguito allo scisma della Chiesa cant. vodese, segnò una battuta d'arresto, la seconda metà del XIX sec. rappresentò un nuovo periodo di espansione: nel 1869 l'Acc. integrò una facoltà tecnica, l'Ecole spéciale fondata nel 1853 (futura scuola politecnica dell'Univ. di Losanna, Politecnici federali) e, sempre nel 1869, iniziò a conferire dottorati; furono inoltre progettati nuovi locali (costruzione del palazzo de Rumine, 1898-1906). Con l'istituzione di una facoltà di medicina (1890), l'Acc. fu trasformata in Univ.

L'autonomia del nuovo ateneo rimase tuttavia relativa: il cant. Vaud mantenne il controllo sul suo sviluppo, che nella prima metà del XX sec. fu ostacolato dagli eventi politici ed economici. Quegli anni furono caratterizzati dalla fondazione dell'ist. di polizia scientifica e di criminologia (1909) e della scuola di alti studi commerciali (1911), ma anche dal conferimento del dottorato h.c. a Benito Mussolini (1937), atto foriero di polemiche. Dal 1968 la gestione finanziaria divenne competenza dell'Univ. (UNIL), che, dotata di un rettorato, si trasferì progressivamente a Dorigny, su un terreno in riva al lago acquisito dal cant. Dopo la separazione delle discipline ingegneristiche in seguito all'istituzione del Politecnico fed. di Losanna (1969), l'ateneo contava 3000 studenti nel 1970 e oltre 10'000 dal 2002; nel 2010 furono superati i 12'000 iscritti, di cui oltre il 55% erano donne (ammesse ufficialmente dal 1890). Dal 2000 l'UNIL conobbe profondi mutamenti, sia per l'accorpamento di vari settori di insegnamento e ricerca con discipline affini (creazione delle facoltà di biologia e medicina e di scienze della terra e ambientali, 2003), sia per le nuove competenze attribuitele dalla legge univ. del 2004, grazie a cui ottenne un'ampia autonomia nella nomina dei docenti.

Riferimenti bibliografici

  • Fondo presso ACV
  • De l'Académie à l'Université de Lausanne, 1537-1987, 450 ans d'histoire, 1987 (con bibl.)
  • K. Crousaz, L'Académie de Lausanne entre Humanisme et Réforme (ca. 1537-1560), 2012