de fr it

Jean-Isaac-SamuelCellérier

11.12.1753 Crans-près-Céligny, 22.3.1844 Ginevra, rif., di Crans, poi di Ginevra (1790). Figlio di Gabriel, orologiaio, e di Jeanne Etiennette Pattay. (1783) Françoise-Elisabeth Francillon, figlia di Jacob, pastore. Studente all'Acc. di Ginevra, fu consacrato nel 1776. Lavorò come precettore in Olanda e in Francia. Pastore di Satigny (1783-1814), intraprese un'intensa opera pastorale; predicatore di classe, C. attirò i fedeli della città. Madame de Staël lo ascoltò e scrisse di lui in De l'Allemagne; le sue figure ispirarono pure Rodolphe Töpffer in Le presbytère. Suo figlio Jacob-Elisée gli successe nel 1814. Con Louis Gaussen, pastore di Satigny dal 1816, C. pubblicò nel 1819 la Confession de foi des Eglises de la Suisse, traduzione della Confessio helvetica posterior del 1566.

Riferimenti bibliografici

  • Discours familiers d'un pasteur de campagne, 1818
  • Homélies, 1823
  • Sermons et prières pour les dimanches ordinaires, 3 voll., 1824
  • Nouveaux discours, 1827
  • Fondo presso BPUG
  • E. Diodati, Notice historique sur M. J. I. S. Cellérier, ancien pasteur de Satigny, 1845
  • Livre du Recteur, 2, 441
  • M. e F. Francillon, Notice généalogique sur la famille Francillon, 1989, 158-160
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 11.12.1753 ✝︎ 22.3.1844