de fr it

FrédéricGodet

Stampa calcografica di Dujardin Parigi, realizzata attorno al 1875 secondo una fotografia di Fred Boissonnas, Ginevra (Bibliothèque publique et universitaire de Neuchâtel).
Stampa calcografica di Dujardin Parigi, realizzata attorno al 1875 secondo una fotografia di Fred Boissonnas, Ginevra (Bibliothèque publique et universitaire de Neuchâtel).

25.10.1812 Neuchâtel, 29.10.1900 Neuchâtel, rif., di Cortaillod, Neuchâtel e Boudry. Figlio di Paul-Henri (->). 1) Caroline Vautravers; 2) Caroline Allioth. Studiò teol. a Neuchâtel, Berlino e Bonn. Consacrato pastore nel 1836, nello stesso anno fu vicario a Valangin. Nel 1838 fu chiamato a Berlino quale cappellano di Guglielmo I, re di Prussia, e precettore di suo figlio, il futuro Federico III. Dal 1844 al 1850 fu pastore vicario del Val-de-Ruz. Sostenitore della Repubblica, ebbe un ruolo fondamentale nei cambiamenti della Chiesa neocastellana degli anni attorno al 1848. Professore di esegesi all'Acc. (1850-73) e pastore a Neuchâtel (1851-66), partecipò alla fondazione della Chiesa indipendente neocastellana (1873) e insegnò nella sua facoltà di teol. (1873-87). Difese con ardore il cristianesimo evangelico contro i fautori del cristianesimo liberale, fra cui Ferdinand Buisson. La sua opera di esegeta del Nuovo Testamento, in particolare delle Lettere di Paolo e del Vangelo di Giovanni, lo rese noto a livello europeo. Fu insignito del dottorato h.c. delle Univ. di Basilea ed Edimburgo.

Riferimenti bibliografici

  • Archivio della Bibliothèque des pasteurs, Neuchâtel
  • G. Hammann, «F. Godet (1812-1900)», in Theologische Profile, a cura di B. Bürki, S. Leimgruber, 1998, 64-80 (con bibl.)
  • Biogr.NE, 3, 143-148
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF