de fr it

RudolfBieri

21.12.1920 Thun,23.8.2013 Zollikofen, riformato, di Schangnau. Figlio di Rudolf Bieri, impiegato postale, e di Olga nata Schmocker. (1947) Verena Manser, figlia di Johann Josef Manser, di Gonten. Frequentò le scuole superiori a Berna, dove in seguito studiò diritto, ottenendo il brevetto di avvocato nel 1946. Nel 1947 entrò dapprima nel Dipartimento militare (DMF), poi nell'Amministrazione federale delle contribuzioni. Collaboratore giuridico dal 1950, si occupò specialmente delle spese militari; fu caposezione (1954), vicedirettore (1964) e infine direttore dell'Amministrazione federale delle finanze (1969-1985). Bieri partecipò alla maggior parte dei progetti finanziari del dopoguerra e fu responsabile dello sviluppo metodico del sistema di credito e della pianificazione finanziaria a lungo termine e per la collaborazione con la Banca nazionale in materia di raccolta e gestione dei fondi. Radicale, fu membro (1964-1972) e primo presidente del legislativo di Zollikofen, di cui redasse il nuovo ordinamento comunale. Fece parte dei consigli di amministrazione della Società generale dell'orologeria svizzera SA (Asuag), della Swissair, della Bern-Lötschberg-Simplon-Bahn (BLS) e dei comitati delle finanze dell'Organizzazione europea per la ricerca nucleare (Cern) e dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). Si occupò inoltre della commissione deputata alla riorganizzazione del DMF e fu membro del comitato di fondazione e della commissione della gestione del Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica. Nell'esercito ricoprì il grado di colonnello di Stato maggiore.

Riferimenti bibliografici

  • Archivio federale svizzero, Berna.
  • Persönlichkeiten Europas. Schweiz, 1974 (biografie).
  • Der Bund, 20.12.1980; 23.12.1985.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 21.12.1920 ✝︎ 23.8.2013

Suggerimento di citazione

Steffen Gerber, Therese: "Bieri, Rudolf", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 09.10.2020(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/011209/2020-10-09/, consultato il 28.01.2022.