de fr it

Comunità diChrischona

La Missione pellegrina di S. Chrischona, che nel Ticino viene oggi anche chiamata Missione popolare evangelica, venne fondata nel 1840 a Bettingen da Christian Friedrich Spittler. Concepita dapprima come scuola per la formazione di giovani al servizio della Missione nel mondo, essa sviluppò diversi metodi di evangelizzazione, di tradizione pietista, quali la missione esterna e interna, la produzione di letteratura edificante e la diaconia della casa madre. Ciò portò alla formazione di un'ass. delle comunità, dal 1869 in particolare nelle regioni nord orientali della Svizzera, dal 1875 in Germania e dal 1913 in Alsazia. Benché molti membri fossero legati alle diverse Chiese cant., le comunità, dirette da un predicatore e da un Consiglio di fedeli, sono accostabili sempre più alle Sette e Chiese libere per la loro tendenza al proselitismo e alla costituzione di nuove comunità. Le comunità di Chrischona seguono i fondamenti religiosi dell'Alleanza evangelica svizzera (AES) e fanno parte dell'Ass. delle Chiese libere e delle comunità evangeliche sviz. I punti principali del loro operato sono l'attività con bambini e giovani, la gestione di case di vacanza e di riposo e soprattutto la cooperazione nella realizzazione delle mete fissate dalla Missione. Nel 1999 l'insieme delle comunità comprendeva 104 com. e quasi 7000 membri.

Riferimenti bibliografici

  • Der Glaubensbote, 1881-1989
  • Chrischona-Magazin, 1990
  • E. Schmid (a cura di), Wenn Gottes Liebe Kreise zieht, 1990
  • O. Eggenberger, Die Kirchen, Sondergruppen und religiösen Vereinigungen, 19946, 81 sg.

Suggerimento di citazione

van Wijnkoop Lüthi, Marc: "Chrischona, Comunità di", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 28.07.2010(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/011444/2010-07-28/, consultato il 20.10.2020.