de fr it

Salesiani

Per salesiani si intendono comunità catt. che si riconoscono nel pensiero spirituale di S. Francesco di Sales, cofondatore dell'ordine delle visitandine. La Congregazione salesiana, o Soc. di S. Francesco di Sales, fondata nel 1859 a Torino da Giovanni Bosco (santificato nel 1934) è un'org. catt. per l'evangelizzazione e l'educazione dei giovani, spec. i più poveri, i giovani lavoratori e quelli che si avviano al lavoro. Dal Piemonte la congregazione si diffuse, a partire dal 1875, in tutto il mondo. Numerose furono le sedi in Svizzera, spesso legate all'emigrazione it., come a Muri (AG, 1897) e a Zurigo, dove i salesiani furono presenti pure dal 1897 con la Missione cattolica it. La presenza nella Svizzera occidentale, di poco successiva, fu avviata in relazione alla realizzazione del traforo del Sempione (Briga, Naters, dal 1899); altri luoghi di presenza salesiana furono Morges (1912-89), Sion (1941-81) e Friburgo (1954-79). Nella Svizzera it. spiccò per importanza l'attività educativa, in particolare con i collegi di Mendrisio (1889), poi trasferito a Balerna e infine (1905-2002) a Maroggia, di Ascona (1894-1910) e l'Ist. Elvetico di Lugano (dal 1918).

Riferimenti bibliografici

  • G. Sonego, 100 anni di cammino con i Salesiani in Svizzera, 1989
  • HS, VIII/2, 670 sg.
  • L. Trincia, Per la fede, per la patria: i Salesiani e l'emigrazione italiana in Svizzera fino alla prima guerra mondiale, 2002