de fr it

Carl FriedrichDrollinger

Ritratto inciso a Gottinga attorno al 1750, tratto da un quadro di Johann Rudolf Huber il Vecchio (Universitätsbibliothek Basel).
Ritratto inciso a Gottinga attorno al 1750, tratto da un quadro di Johann Rudolf Huber il Vecchio (Universitätsbibliothek Basel).

26.12.1688 Durlach (oggi Karlsruhe), 1.6.1742 Basilea, rif., cittadino ted. Figlio di Johann Martin, consigliere della Corte dei conti del Baden e dal 1690 castellano di Badenweiler. Celibe. Studiò diritto, lingue, storia, scienze naturali e matematica all'Univ. di Basilea (1703-10), conseguendo il dottorato con un lavoro sul diritto pubblico. A Basilea fu registratore presso l'archivio del margravio del Baden-Durlach nel Markgräfler Hof, poi amministratore delle collezioni del conte (monete, dipinti). Nel 1722 fu nominato consigliere di corte, nel 1727 archivista. Nel 1733 divenne membro della Deutsche Gesellschaft di Johann Christoph Gottsched a Lipsia. Al pari di Barthold Heinrich Brockes e Albrecht von Haller, D. compose poesie didascaliche religioso-morali. Scrisse inoltre fiabe e poesie d'occasione, pubblicate postume da Johann Jakob Spreng (Gedichte samt dazugehörigen Stücken, 1743), che riteneva D. un poeta sviz.

Riferimenti bibliografici

  • Gedichte, a cura di U.-K. Ketelsen, 1972 (facsim. con bibl.)
  • Badisches Generallandes Archiv, Karlsruhe
  • Fondi presso ACit Zurigo, UBB, ZBZ
  • P. Roth, «Hofrat C. F. Drollinger und die Baden-Durlachische Sammlung zu Basel», in BZGA, 58, 1958, 133-170
  • NDB, 4, 128 sg.
  • Kosch, Deutsches Literatur-Lex., 3, 563 sg.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 26.12.1688 ✝︎ 1.6.1742