de fr it

AbrahamGlettyse

30.6.1853 (Wilhelm Christ) Basilea, 23.2.1926 Basilea, rif., di Basilea. Figlio di Balthasar Christ, commerciante. (1881) Helene Iselin, figlia di Alfred, fabbricante. Malgrado la sua inclinazione per la pittura, seguì una formazione commerciale. Dal 1873 al 1878 soggiornò a Parigi. Partecipò attivamente alla vita culturale di Basilea. In età avanzata scrisse farse e commedie in dialetto basilese, pubblicate sotto lo pseudonimo di G., fra cui s'Teschtament oder D'r Doppelgänger (1923), Die neiji Schtubemagd (1923), Dr Prinz (1933), Bim Gwafför (1933), Dr Vereinsspaziergang (1933). Con il suo vero nome, Christ-Iselin, pubblicò Die Werke Hans Sandreuter's (1902), Erinnerungen an Hans Sandreuter (1920), Jugenderinnerungen (1925) e Briefe an die Eltern (1964). Suonatore di violoncello, studiò con acribia quasi scientifica la vernice dei liutai di Cremona, redigendo un trattato sul tema (1920).

Riferimenti bibliografici

  • R. Christ, «W. Christ-Iselin», in Basler Jahrbuch, 1927, 79-86
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Variante/i
Wilhelm Christ (nome alla nascita)
Dati biografici ∗︎ 30.6.1853 ✝︎ 23.2.1926