de fr it

KurtHeld

4.11.1897 (Kurt Kläber) Jena, 9.12.1959 Sorengo, cittadino ted., dal 1948 di Carona. Figlio di Hermann Kläber, capomastro. (1924) Lisa Tetzner. Svolse un apprendistato di fabbro. Partecipò alla prima guerra mondiale; dal 1921 al 1923 fece il minatore nella regione della Ruhr e fu un funzionario della cultura comunista. La raccolta di racconti di critica sociale Barrikaden an der Ruhr (1935), colpita dalla censura, gli procurò notorietà quale scrittore della classe operaia. Arrestato nel 1933, fuggì a Carona, dove trascorse il resto della sua vita. Dal 1941 pubblicò, a causa della persecuzione politica con lo pseudonimo H., romanzi per la gioventù, molto apprezzati in Svizzera. Le opere Zora la rossa (1941), Der Trommler von Faido (1947-49) e Matthias und seine Freunde (1949) narrano di bambini che si batterono contro l'ingiustizia, la miseria e la guerra. Collaborò inoltre alla redazione del libro per la gioventù I fratelli neri (1940), apparso sotto il nome della moglie. I suoi libri hanno segnato intere generazioni di ragazzi; Zora la rossa (28 edizioni fino al 1991) è stato tradotto in svariate lingue.

Riferimenti bibliografici

  • Fondo presso Casa Pantrovà, Carona
  • L. Tetzner, Das war K. Held, 1961
  • AA. VV., Kurt Kläber - K. Held: Biographie der Widersprüche?, 1997
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 4.11.1897 ✝︎ 9.12.1959