de fr it

StephanHermlin

13.4.1915 (Rudolf Leder) Chemnitz (Sassonia), 6.4.1997 Berlino, isr., cittadino ted. Figlio di David Leder, banchiere. (1935) Juliett Brandler. Membro della Gioventù comunista (dal 1931), emigrò legalmente in Palestina (1936) e soggiornò poi in Austria, Italia, Vicino Oriente, Francia e Inghilterra. Impegnato nella Resistenza franc., incontrò Paul Eluard, di cui tradusse le poesie. Nel 1944 sfuggì per poco alla deportazione in Germania, rifugiandosi in Svizzera. Visse nei campi di internamento e collaborò alla rivista degli internati Über die Grenzen. Nel 1945 pubblicò a Zurigo la sua prima opera sotto pseudonimo (Zwölf Balladen von den grossen Städten) e Wir verstummen nicht. Gedichte in der Fremde, di cui fu coautore. Nel 1946 comparve Der Leutnant von Yorck von Wartenburg, un racconto incentrato sulla Resistenza e l'emigrazione. Nel 1947 si stabilì a Berlino Est, dove divenne scrittore indipendente e collaboratore di stazioni radio e riviste (Ulenspiegel, Aufbau, Sinn und Form). Nei suoi scritti privilegiò i temi della resistenza antifascista e della realizzazione del socialismo nella Repubblica democratica ted. Fu membro dell'Acc. di belle arti di Berlino.

Riferimenti bibliografici

  • Crepuscolo, 1983 (ted. 1979)
  • S. Hermlin, Bibliographie, a cura di M. Rost, R. Geist, 1985
  • K. Corino, Aussen Marmor, innen Gips, 1996
  • A. Lamblin, S. Hermlin et la France, 2002
  • F. Bravi, L'identità di uno scrittore. S. Hermlin nella corrente di Geist e Tat, 2003
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 13.4.1915 ✝︎ 6.4.1997