de fr it

EmilieLocher-Werling

13.3.1870 Riesbach (oggi com. Zurigo), 5.8.1963 São Paulo, rif., di Riesbach. Figlia di Wilhelm Werling, falegname. (1892) Fritz Locher, impiegato di commercio, figlio di Hans Konrad, fabbricante di passamanerie. Rimasta presto orfana, apprese il mestiere di sarta e frequentò corsi di lingue e letteratura. Redattrice del mensile illustrato Der Helfer, tra il 1905 e il 1914 pubblicò sotto pseudonimo (Lisi Meier, Anneli Witzig, Gritli Wüest) numerose pièce teatrali in dialetto zurighese (Wie's ä cha gah!, 1905; Es Sächsilüüte, 1908; E verdächtigi G'schicht, 1911; De Landvogt vo Gryfesee, 1914) e in seguito fu autrice di teatri e soprattutto di libri per bambini (S Sunneschynli und s Dummerli, 1925; Gschichte für chlyni Tierfründ, 1933; Tierlischau, 1958). Inoltre diede alle stampe le raccolte di poesie dialettali Wise-Blueme (1913) e Im Abigrot (1929). Nel 1941 si trasferì a São Paulo.

Riferimenti bibliografici

  • Kosch, Deutsches Literatur-Lex., 9, 1557 sg.
  • AA. VV., Deutschsprachige Schriftstellerinnen in der Schweiz, 1700-1945, 1994, 135 sg. (elenco delle op.)
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Variante/i
Emilie Locher (nome da coniugata)
Lisi Meier (pseudonimo)
Emilie Werling (nome alla nascita)
Anneli Witzig (pseudonimo)
Gritli Wüest (pseudonimo)
Dati biografici ∗︎ 13.3.1870 ✝︎ 5.8.1963