de fr it

Humilimont

Antica abbazia premonstratense nel com. di Marsens (FR), chiamata perciò anche Marsens. Situata nella diocesi di Losanna e dedicata a Maria e ai SS. Pietro e Martino, fece parte della provincia (circarie) di Borgogna. L'abbazia fu fondata tra il 1136 e il 1141; la data precisa è difficile da stabilire poiché la relativa notizia, tramandata solo in copie vidimate, è probabilmente un falso. Il fondatore fu verosimilmente Guillaume II de Corbières, che partecipò anche alla fondazione del Lac de Joux (1126), abbazia madre di H. (piuttosto che tre fratelli della fam. d'Everdes-Vuippens, proprietaria del baliaggio nel XIV sec.). In origine fu un doppio convento; nel 1140/48 ca. la comunità femminile fu trasferita a Posat. Fino a metà del XIII sec. i vasti possedimenti fondiari e viticoli furono amministrati da conversi; proprietà private del convento si trovavano a Marsens, Mollettes, Posat, La Bruyère, Hauteville e Dézaley. Più tardi i fondi furono dati in affitto. Tra le proprietà dell'abbazia figurano anche le chiese di Vuippens e Villarvolard, per quanto solo raramente servite dai canonici stessi. L'obituario del 1338, tenuto fino alla soppressione, rivela la diversità sociale della comunità conventuale e i legami solidi e stretti con l'ordine monastico. I rapporti del monastero con i balivi di Everdes-Vuippens (XIV sec.) e con quelli di Langin-Everdes (XV sec.) furono caratterizzati da conflitti. Dopo la conquista della signoria di Everdes nel 1475, il baliaggio passò alla città di Friburgo che concesse nel 1482 la cittadinanza a H. e nel XVI sec. esercitò una crescente influenza sulle elezioni degli abati. Il diario del penultimo abate, Claude Fracheboud (1565-72), si è conservato. Nel 1580, nonostante le proteste dei monaci e dell'ordine, il convento fu soppresso per favorire, con i suoi beni, l'insediamento dei gesuiti a Friburgo.

Riferimenti bibliografici

  • «Le Journal de Claude Fracheboud, avant-dernier abbé d'Humilimont», in Ann. frib., 13, 1925, 215-231; 14, 1926, 244-257
  • HS, IV/3, 411-426