de fr it

Feldbach

Antico convento di monache cistercensi situato nel com. di Steckborn (TG). Fino al 1814 appartenne alla diocesi di Costanza e dal 1828 a quella di Basilea. Fondato nel 1253/54, il convento è menz. nel 1256 come monasterium in Velpach e fu posto sotto la direzione dell'abate di Salem dal 1260/62, mentre dal 1603 venne sottoposto all'abate di Wettingen. Il convento fu soppresso nel 1848.

La comunità in ponte, costituita da suore non regolari di Costanza, acquistò nel 1252 da Kuno di F., con il consenso dei signori feudali von Klingen, la fortezza di F., situata presso l'Untersee e dotata del diritto di patronato e dei beni della cappella. Le suore vi si trasferirono nel 1253/54, dopo aver ottenuto l'autorizzazione episcopale per la fondazione del convento, che nel 1260/62 fu incorporato nell'ordine cistercense. Favorito dai baroni von Klingen e dai von Klingenberg, il convento si sviluppò rapidamente, grazie a donazioni e a notevoli acquisizioni, che lo resero tra le più importanti proprietà dei dintorni. Il baliaggio e il diritto di collazione di Hemmenhofen (Baden) passarono a F. nel 1282. Dopo l'istituzione di una bassa giurisdizione il convento appartenne al Gerichtsherrenstand turgoviese. La sovranità sul langraviato di Turgovia passò nel 1460 ai cant. conf. Una lettera di indulgenza concessa del 1327 è relativa alla costruzione in stile gotico primitivo della chiesa conventuale. Nel ME le religiose discendevano da fam. cittadine, soprattutto di Costanza, e della piccola nobiltà della regione del lago Bodanico. Fino al 1333 sono attestate suore converse. Durante la Riforma la badessa Barbara e ca. la metà delle suore conservarono l'antica fede. Nel 1549 i cant. catt. designarono Afra Schmid, fino ad allora priora di Magdenau, quale badessa a capo del convento, che nel frattempo a causa dei debiti accumulati e della precedente cattiva gestione era stato abbandonato. La badessa riordinò l'amministrazione e ripristinò la vita conventuale introducendo festose preghiere corali e uno stile di vita comune e promuovendo l'ammissione e l'educazione di giovani suore; la riforma proseguì nel XVII sec. La maggioranza delle religiose (22 canonichesse e otto suore laiche nel 1720) proveniva dalla Turgovia, dai cant. catt., Svevia e Tirolo.

Nel 1764 fu restaurata la chiesa conventuale. Nel 1848 badessa e convento si trasferirono a Tänikon, nel 1853 a Mammern e in seguito nel Vorarlberg, a Mariastern-Gwiggen (1861-64). Gli edifici del convento passarono al com. di Steckborn e dal 1865 furono utilizzati per scopi industriali; il complesso venne in seguito distrutto da un incendio (1895), eccetto il cosiddetto antico convento sul lago.

Riferimenti bibliografici

  • HS, III/3, 634-664
  • Zisterzienserbauten in der Schweiz, 1, 1990, 83-110
  • MAS TG, 6, 2001, 383-403
Link
Controllo di autorità
GND

Suggerimento di citazione

Marcella Kugler, Maria: "Feldbach", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 27.01.2005(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/012151/2005-01-27/, consultato il 26.10.2020.